Gianluigi Buffon ritiro dopo il Mondiale Russia Juventus Champions League
Laurence Griffiths/Getty Images
Gianluigi Buffon ritiro dopo il Mondiale Russia Juventus Champions League
Sport

L'uscita di Buffon: "A fine anno mi ritiro". Evitata la trappola Del Piero e Totti

Il portiere della Juventus conferma che dopo il Mondiale chiude (a meno di vittoria nella Champions). E non lascia che siano altri ad annunciarlo

Gigi Buffon ha scelto il tempo dell'ultima uscita. Non verso il centro dell'area di rigore ma fuori dal campo di calcio. Alla fine della prossima stagione, sperando che sia al Mondiale di Russia (e quindi a luglio) con la piccola finestra lasciata aperta sull'eventualità di un extra in caso di vittoria della Champions League. Non il sogno di un quarantenne che non vuole abbandonare, ma un progetto già discusso con il proprio presidente.


Buffon ha scelto il tempo giusto e ha annunciato lui quello che era chiaro, senza aspettare che fossero altri a spingerlo ai margini. Il 99,99% dietro cui ha nascosto una decisione presa da tempo è solo un piccolo vezzo. Ci saranno altri momenti per le cerimonie e i commiati, ma il messaggio è arrivato.

La differenza con Totti e Del Piero

Nella scelta del tempo dell'annuncio sono nascoste due profonde differenze con campioni recenti che hanno scritto insieme a Gigi la storia del calcio italiano. Non è come Del Piero, il cui addio fu gelidamente notificato dalla società davanti all'assemblea dei socì così che non fosse possibile un nuovo tira e molla sul rinnovo, e non è come Totti, strappato al calcio quando ancora non voleva.

Buffon ha preferito condurre il gioco. E' stato lui a fissare tempi e modi e ad assumersi onere ed onore della comunicazione. Un'uscita certamente più indolore di quelle di altre icone. Può essere che sia anche un addio pilotato per aprirsi un futuro nella Juventus. Oppure no, visto che il portiere non ha ancora lasciato capire quali siano le sue intenzioni per il dopo.

Le sue parole rendono più semplice il lavoro alla Juventus e alla nazionale, che stanno già costruendo il futuro. Szczesny e Donnarumma possono vivere la prossima stagione senza affanni, al riparo nell'ombra del fuoriclasse che sta per lasciare. Lo ha detto Buffon, scherzando sulla "pensione" che gli stanno preparando. Andarsene col sorriso sarà il migliore dei finali.

La notte della delusione di Cardiff

EPA/GERRY PENNY
Messaggio a reti unificate. Per tutti (Juve esclusa). "Non si corre per vincere la Champions. Stop. Le italiane non sono in gara per conquistare la coppa. Stop. Garantire la massima diffusione al messaggio. Stop". A grandi illusioni seguono quasi sempre enormi delusioni. E crisi. L'ha provato sulla propria pelle anche la Juventus a Cardiff nel 2017 quindi a maggior ragione vale la pena che si dica ad alta voce per Inter e Napoli: comunque vada nessuna è stata costruita per arrivare alla finale di Madrid e, dunque, nessuna potrà dirsi delusa se non ci arriverà e se il suo cammino si fermerà prima. Anche perché il sorteggio era stato iellato e non ci si può rimangiare tutto per qualche buon risultato in campo...
Ti potrebbe piacere anche

I più letti