Strappo Day, il flashmob per dire basta alla routine
Ufficio Stampa
Strappo Day, il flashmob per dire basta alla routine
Società

Strappo Day, il flashmob per dire basta alla routine

Si è svolto a Milano e ha radunato un centinaio di persone stufe del solito tran tran

A volte, per "dargli un taglio" basta poco. Una passeggiata all'aria aperta, una corsetta al parco, un aperitivo in piazza e già la routine è spezzata. A volte basta persino accartocciare un pezzo di carta come hanno fatto le 100 persone accorse a Milano per lo #StrappoDay, l'evento Sanbitter organizzato per dare un taglio alla solita vita. E' stato un Flashmob d'impatto che risponde alla crescente esigenza di uscire dallo stress e trovare momenti di relax e di divertimento.

Da un’indagine realizzata proprio in occasione dello Strappo Day su oltre 1500 italiani di età compresa tra i 18 e i 60 anni, è emerso che per  9 italiani su 10 è diventata una necessità sciogliere le tensioni accumulate durante le giornate con uno strappo alla quotidianità.

I benefici di questi stop al peso della routine sono evidenziati da numerosi studi scientifici come quelli della Oregon University e dell’Università di Oxford che parlano di un aumento del 20% nella produttività al lavoro e sui miglioramenti dell’umore in compagnia degli amici.

L’indagine ha rivelato anche che il modo per staccare preferito dagli italiani è sicuramente l’aperitivo (72%), seguito dal prendersi una vacanza (69%), dallo spegnere il cellulare (54%) e non leggere le email (51%).

Quasi un italiano su 2 invece decide di ritagliarsi i propri spazi dedicando più tempo e spazio alle proprie passioni e agli hobby (48%). Non solo lavoro, traffico e code interminabili agli sportelli. I pensieri che milioni di italiani vorrebbero “accartocciare” e buttare via riguardano anche le  commissioni che occupano il tempo libero (65%), il tragitto casa-lavoro (62%), con relativi ritardi e disservizi, le  pulizie casalinghe (58%) e i rimproveri del capo (56%).

 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti