Roberto Saviano
Olycom
Roberto Saviano
Società

Le web bufale della settimana - Ep. 75

Le notizie più assurde apparse in Rete negli ultimi 7 giorni

1. Il Governo cancella la Befana e Carnevale

app whatsapp

Il 2017 si è aperto un un classico dei classici: l'inesistente decreto ministeriale appena approvato che questa volta punterebbe a cancellare una serie di festività tradizionali dal calendario nella fattispecie la befana e carnevale. Sebbene in passato si sia effettivamente parlato di ridurre il numero di ponti e festività in questo specifico caso si tratta di una bufala.

Il messaggino d'avvertimento che girava su Whatsapp con il solito invito alla mobilitazione, condivisione e appello a firmare una presunta proposta per bloccare la legge per diversi giorni è girato da smartphone a smartphone.

Il Governo, però, non ha la minima intenzione di eliminare la befana e tanto meno il carnevale.

L'unica cosa da fare in questi casi è bloccare la catena e smascherare la bufala.

2. Il profumo terrorista

I campioncini di profumo dell'ISIS I campioncini di profumo dell'ISIS Twitter

Ennesima bufala che gira da cellulare a cellulare tramite Whatsapp.

Questa volta i soliti noti del web puntano a sfruttare la credulonità della massa diffondendo la foto di campioncini di profumo nei quali - così recita la catena di Sant'Antonio - i terroristi dell'Isis avrebbero messo veleno le cui esalazioni sarebbero letali.

I profumi avvelenati verrebbero introdotti delle cassette delle lettere dei cittadini con lo scopo di uccidere gli infedeli che, curiosi, aprirebbero le fialette restando vittime delle letali esalazioni.

3. Fa ubriacare il gatto per salvargli la vita

4 aprile 2015. Un gatto a riposo in un appartamento di Sieversdorf, in Germania. PATRICK PLEUL/AFP/Getty Images

Questa notizia che arriva dall'Inghilterra è talmente assurda che qualcuno ci aveva creduto facendola girare in Rete a tal punto da renderla virale.

La news arrivava dal New Yorkshire. Due giovani bulli avrebbero cosparso una gatta di liquido antigelo per scherzo. Si tratta di un prodotto molto tossico e letale per un animale di quelle dimensioni.

Ma il veterinario locale avrebbe salvato la vita alla gatta facendole delle flebo di vodka che avrebbe neutralizzato gli effetti velenosi dell liquido antigelo. La micia se la sarebbe cavata con una bella sbronza, ma serebbe viva.

Si tratta di una bufala perchè nessun gatto potrebbe tollerare flebo di alcol velenoso per loro almeno quanto l'antigelo e non si capisce perchè il liquore dovrebbe essere un valido antidopo all'antigelo. In molti però ci hanno creduto e la notizia è stata condivisa migliaia di volte

4. E' morto Roberto Saviano

Roberto Saviano Lo scrittore Roberto Saviano presenta il suo libro "La paranza dei bambini" al Teatro Sanità a Napoli, 12 novembre 2016. ANSA/ CESARE ABBATE

Il sito news.SkyTG24.Live, noto portale tedofoto di bufale e che fa il verso per colori e logo a Sky, un paio di giorni fa aveva sparato l'ennesima bufala sostenendo che Roberto Saviano fosse morto in un incidente d'auto mentre usciva da casa sua a Roma. Grazie al cielo era tutto falso, ma la notizia è rimbalzata più volte di bacheca in bacheca prima di essere smentita. Per la cronaca: Saviano non vive più in Italia dal 2008.

5. I finti truffatori Enel

Questa volta si tratta di una bufala nella bufala e ad avvertire gli utenti è la Polizia Postale tramite la sua pagina Una vita da social.

Anche in questo caso la falsa notizia gira via Whatsapp dove circola un messaggio che avvisa la gente di stare attenti a due truffatori che si spacciano per incaricati Enel e che in realtà sono zingari e che viaggiano su una macchina della quale viene fornita persino la targa.

In realtà la Polizia Postale sta indagando per capire chi abbia messo in giro la bufala perchè i mal capitati di cui viene persino allegata la foto sono davvero due addetti dell'Enel finiti vittima di una qualche vendetta. In questi giorni di lavoro hanno rischiato di essere picchiati e malmenati perchè scambiati per zingari quando, invece, si trattava solo di onesti lavoratori.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti