Le web bufale della settimana - Ep. 21
EPA/IAN LANGSDON
Le web bufale della settimana - Ep. 21
Società

Le web bufale della settimana - Ep. 21

Le notizie più assurde circolate in Rete negli ultimi 7 giorni

1. Il Tweet profetico

Tweet premonitore Tweet premonitore Twitter

E' ancora la strage di Parigi a tenere banco questa settimana tra bufale, allarmismi e mancate verità. Tra le tante false notizie che circolano in Rete c'è quella che riguarda un presunto tweet profetico lanciato l'11 novembre scorso dall'account PzFeed EBooks che annunciava, con due giorni d'anticipo, l'imminente strage e il numero di feriti. Sono stati decine i media che hanno rilanciato la notizia tra stupore e complottismo.

L'account, però, è in realtà un bot, termine informatico per definire un programma robot che agisce in maniera autonoma secondo particolari istruzioni. Il questo caso venivano fusi frammenti di tweet precedenti in maniera casuale allo scopo di promuovere un servizio di ebooks. La coincidenza, dunque, è del tutto casuale e frutto dell'incrocio di algoritmi che prescindono dall'umana volontà.

2. La profezia di Nostradamus

Parigi-attentato-Nostradamus Olycom

Il buon vecchio Nostradamus torna puntuale ad essere rispolverato ad ogni disgrazia. Ecco che allora anche la strage di Pagini sarebbe stata annunciata da una quartina delle sue profezie. Diverse testate nazionali hanno riportato questi versi definendoli parte del saggio composto dallo speziale provenzale nel XVI secolo. "La grande guerra inizierà in Francia e poi tutta l’Europa sarà colpita, lunga e terribile essa sarà per tutti... poi finalmente verrà la pace ma in pochi ne potranno godere".

A parte i puntini di sospensione che non sono per niente cinquecenteschi, questi versi non fanno assolutamente parte della summa profetica di Nostradamus. Verificarlo è semplice: nel compendio dell'astronomo veggente la parola "Europa" compare solo in 8 quartine e nessuna di esse riguarda Francia, guerra o pace.

Non è certo la prima volta che qualche bontempone diffonde presunte profezie all'indomani di eventi catastrofici. Ad esempio quando vennero abbattute le torri gemelle venne diffusa (sempre dopo, sia chiaro) la presunta profezia creata ad hoc: "Nella città di Dio ci sarà un grande tuono, / due fratelli verranno straziati dal caos. / Mentre la fortezza regge, i grandi capi soccomberanno. / La terza grande guerra inizierà mentre la città brucerà. (Nostradamus 1654)".

Tutti a bocca aperta, chiaro: se non fosse che Nostradamus è morto nel 1566, circa un secolo prima.

Meglio, quindi, diffidare dai veggenti e dai sapientoni di tutti i tempi. Come illustri studiosi ricordano le profezie di Nostradamus sono talmente vaghe da essere adattabili ad ogni evento e in quelle rare occasioni nelle quali lo speziale aveva indicato date per eventi cataclismici non ci ha mai azzeccato... E ci sarà un perchè.

3. Anonymous e gli attacchi congiunti

Attacco Anonymus Attacco Anonymus Twitter

La giornata mondiale del terrore con 8 attentati contemporanei in diverse zone del mondo. Ad annunciare la nuova minaccia Isis sarebbero stati quelli di Anonymous. Il gruppo di hacker, all'indomani della strage del 13 novembre, aveva fatto sapere di essere pronto a tutto pur di smontare Isis, bloccarne la Rete e impedire attacchi tramite il web.

Per questo in molti erano caduti nella trappola credendo alla notizia secondo la quale Anonymous avrebbe sventato la giornata del terrore e avrebbe informato i Governi dei Paesi coinvolti per tempo. A smentire la notizia è stato lo stesso gruppo tramite un tweet nel quale sostenenva di non aveve avuto informazioni di sorta, o almeno così vogliono far credere.

4. Carne di coccodrillo

30 maggio 2014. Un coccodrillo detenuto illegalmente, confiscato al proprietario da un'agenzia per la Conservazione delle risorse naturali a Banda Aceh, in Indonesia. Detenere animali protetti in ambiente domestico è considerato un crimine contro la conservazione della natura. I trasgressori rischiano lunghe pene detentive, in base alla legge indonesiana.

EPA/HOTLI SIMANJUNTAK

Al via l'export verso l'Italia di carne di coccodrillo e zebra da parte dello Zimbabwe. La notizia ripresa da Ansa e citata da Bloomberg è in realtà un falso e ricalca un'analoga bufala che riguardava l'import di carne di cane dalla Cina.

La smentita, in questo caso, è arrivata direttamente dal Ministero della Salute che, ricordando le norme europee circa import ed export di prodotti extra UE, ha sottolineato come lo Zimbabwe non figuri tra i paesi che possono esportare carne verso l'Europa.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti