Apple
Smartphone & Tablet

iOS 10: cosa c'è di nuovo nell'ultimo aggiornamento di Apple

Siri, 3D Touch, notifiche, applicazioni e tanto altro: tutte le novità del nuovo sistema operativo di Cupertino per iPhone, iPad e iPod

iOS 10 è finalmente tra noi. Da qualche ora il nuovo sistema operativo tascabile di Apple è disponibile al download per tutti i possessori di iPhone (dal 5 in poi), iPad (Air, Pro, iPad di quarta generazione e iPad Mini dalla seconda versione) e iPod Touch (sesta generazione).

Secondo quanto riportato da alcuni utenti, l'aggiornamento avrebbe dato alcuni problemi di compatibilità nelle prime ore del download, criticità che a quanto pare sarebbero state risolte, come confermato dalla stessa Apple.

Ma quali sono gli elementi di novità dell'aggiornamento? Cosa cambia rispetto al passato? C'è davvero motivo di passare al nuovo sistema operativo?

Qui di seguito vi spieghiamo tutto quello che c’è da sapere, in dieci semplici punti [Scorri Avanti per continuare].

La nuova schermata di blocco


Le widget conquistano sempre più spazio, anche su iOS. Nell’ultima versione del sistema operativo di Apple, le anteprime funzionali delle applicazioni saranno visibili in home, anche a schermo bloccato. Per visualizzarle basterà uno swipe verso sinistra; con una "strisciata" a destra si entrerà invece nella fotocamera.

iMessage diventa una piattaforma


Da semplice applicazione per la messaggistica a chat a tutto tondo. iMessage completa il suo percorso di avvicinamento alle principali piattaforme di instant messaging arricchendosi di alcune funzionalità pensate per l’interazione con le applicazioni di terze parti. Incollando un link di un articolo, ad esempio, sarà possibile avere un’anteprima del contenuto. Nel caso di YouTube, sarà possibile addirittura riprodurre il video senza uscire dall'applicazione.

[Per saperne di più]

3D Touch ovunque

Grazie a iOS 10, il cosiddetto 3D Touch - il sistema di interazione dinamica che “sente” la differente pressione delle dita sul display - acquisisce sempre più peso. Sui dispositivi provvisti di questa feature (iPhone 6S e successivi), sarà possibile ad esempio attivare widget, rispondere immediatamente alle notifiche provenienti dalle app e abilitare nuove scorciatoie. Fra queste sottolineiamo in particolare i nuovi shortcut per il Centro Controllo (da cui è possibile fra le altre cose regolare l’intensità della torcia), il Menu Impostazioni (molto utile per velocizzare l’attivazione/disttivazione di Wi-Fi, Bluetooth e dati cellulare) e il Centro Notifiche: con un’unica pressione "decisa" sarà possibile chiudere tutte gli avvisi aperti.

Ecco Home, la nuova applicazione per la casa


L’uscita di iOS 10 segna anche l’arrivo di un’applicazione tutta nuova denominata Home (Casa). Al suo interno convergeranno tutte le applicazioni basate su HomeKit, il protocollo lanciato due anni fa per facilitare lo sviluppo di applicazioni di domotica controllabili da dispositivi iOS. L’obiettivo di Apple è dichiarato: creare un ecosistema sempre più ricco di oggetti intelligenti (lampadine, termostati, porte e tapparelle, sensori di sicurezza, telecamere, ecc) gestibili da remoto attraverso un iPhone o qualsiasi altro dispositivo della Mela.

Un’app per controllare Apple Tv


Con l’arrivo di iOS 10, l’iPhone (ma anche l’iPad e l’iPod) potranno fungere da telecomando della nuova Apple Tv: basterà scaricare l’omonima app per avere sotto mano tutte le funzioni chiave per il controllo remoto del set-top box. L’obiettivo non è ovviamente rimpiazzare l’eccellente telecomando originale (Siri Remote), ma offrire agli utenti una seconda via d’accesso al dispositivo.

Siri è cresciuto

A cinque anni dalla sua nascita, Siri si appresta a entrare in una fase di piena maturità. L’apertura del codice agli sviluppatori dovrebbe portare a una diffusione più capillare dell'intelligenza artificiale di Apple all'interno delle applicazioni esterne. Risultato: chi scaricherà iOS 10 potrà interrogare l’assistente virtuale di Apple non solo sulle attività legate alle applicazioni native, ma anche su quelle di terze parti. Ad esempio, sarà possibile effettuare una ricerca di immagini utilizzando il linguaggio naturale.

Apple Music punta sulle librerie, Mappe sull’integrazione con app esterne


Fra le applicazioni che beneficiano maggiormente del restyling apportato da iOS 10, ci sono senza dubbio Apple Music e Maps. Il contenitore musicale della Mela viene impreziosito dall’aggiunta di una nuova funzione Libreria che punta a snellire l’accesso alle playlist e alle tracce preferite. Per ciò che riguarda la parte di mappe, è da segnalare – oltre a qualche piccolo ritocco grafico – l’utilizzo delle estensioni per integrare funzioni provenienti da app di terze parti, come Uber e OpenTable.

Anche le applicazioni native potranno essere eliminate


Le app native, ovvero tutte quelle applicazioni che vengono caricate di default su iOS (iTunes, Mail, Note, Mappe, Watch, Calendario, Meteo, ecc), non sono più intoccabili. Su iOS 10 basta una pressione lunga sull’icona corrispondente per eliminarle. Un modo per alleggerire il sistema operativo scremandolo dalle risorse non utilizzate.

Foto: Apple sulle orme di Google


L’aggiornamento di iOS investe anche Foto, l’applicazione che raccoglie immagini e video scattate o scaricate sul dispositivo iOS. La decima release del software si segnala per l’innesto di alcuni algoritmi intelligenti che promettono di migliorare le operazioni di ricerca e archiviazione degli items. Come già Google Photos, anche l’app fotografica di Apple consente ora di effettuare ricerche per volti e catalogare le foto in veri e propri album dei ricordi (Memories), sulla base delle informazioni di posizione.

Un orologio molto proattivo


L’app orologio è stata arricchita con una nuova funzione Sonno che si occupa di creare un programma personalizzato per migliorare il bilancio veglia/riposo. Dal nuovo menu possiamo ora impostare il nostro fabbisogno di riposo chiedendo ad Apple di avvisarci quando è ora di andare a letto.

Ti potrebbe piacere anche