Scienza

Scienza, app per bambini: le migliori del 2013

Tra dinosauri, pianeti e meraviglie del corpo umano, ecco le applicazioni più belle (secondo noi) per i più giovani

Le vacanze di Natale si avvicinano: molto tempo libero e gadget digitali a disposizione. C’è un modo per rendere anche istruttivo il tempo passato con tablet e telefonini in mano: abbiamo selezionato quelle che ci sono sembrate le migliori app legate al mondo della scienza. Le abbiamo suddivise per età, e scelte tra quelle che ci sono sembrate insieme educative ma anche divertenti o spettacolari.

Matematica all’asilo

Poiché la matematica è alla base di moltissime scienze, tanto vale iniziare da piccolissimi a fare pratica. Little Digits insegna la nozione di numero ai bambini, che imparano a contare in base al numero di dita che toccano lo schermo. Belle le animazioni e i disegni. La app propone anche piccole operazioni, addizioni e sottrazioni da fare prima con l’aiuto dei genitori e poi da soli. La voce che conta i numeri è in inglese, ma si può registrare anche in italiano. Dai 3 ai 6 anni. A pagamento per iOS. Tutta italiana è invece la app Contabosco, sviluppata in collaborazione da Daniela Lucangeli, psicologa dello sviluppo dell’università di Padova, Digital Accademia e dalla rivista Focus. Alcuni animaletti del bosco portano alla scoperta del mondo dei numeri. In uscita a breve un’altra app, il Contamare, leggermente più avanzata. Per iOS, a pagamento.

Piccolo chimico digitale

Applicazione dedicata al mondo dei laboratori del game studio Toca Boca, creatore di giocattoli digitali di successo. Con TocaLab il piccolo aspirante scienziato si destreggia tra alambicchi e provette: scopre la tavola degli elementi, li riscalda nel becco Bunsen, li raffredda e fa esperimenti con liquidi misteriosi. Consigliato dai 4-5 anni. Per iOS, a pagamento.

Inventori al lavoro

Lo scopo della app è aiutare Pettson a costruire le sue invenzioni cercando di capire quali “pezzi” sono necessari perché ciascuna macchina ottenga il suo scopo, e dove vanno posizionati. Le invenzioni sono 27 in tutto, alcune facili, altre meno. Pettson’s Inventions è un passatempo per esercitare la logica e la creatività. È in inglese, ma le istruzioni sono intuitive. Dai 4-5 anni. Per iOS e Android, a pagamento.

Alla scoperta del corpo umano

Come funzionano i polmoni? Come è fatto lo scheletro, il sistema nervoso o l’apparato digerente? Anche i più piccoli possono capire un po’ di anatomia con The Human Body. Probabile che, almeno all’inizio, l’apparato più gettonato sia quello digerente: fa vedere come si formano la cacca e le puzzette. Ci sono anche informazioni per adulti su come funzionano i vari sistemi e apparati, per rispondere alle probabili domande e alle curiosità del bambino.Dai 5 anni. Per iOS, a pagamento.

Sulle tracce dei dinosauri

Targata National Geographic, The Ultimate Dinopedia è in pratica un’enciclopedia di tutti i dinosauri conosciuti, ciascuno introdotto da una bella illustrazione e dalle notizie essenziali: misure, quando e dove è vissuto, dove sono stati trovati i suoi resti. Tutto basato su dati scientifici e ricerca autentica. È in inglese, ma per gli aspiranti paleontologi non dovrebbe essere un problema. Dai sei-sette anni in poi. A pagamento per iOS. C’è anche la versione per Kindle.

Aspiranti ingegneri spaziali

Rocket Science 101, sviluppata dalla Nasa, mostra come si costruisce un vero razzo. Si assembla uno dei quattro tipi, quelli attualmente utilizzati dall’agenzia spaziale americana, si lancia, e si segue la sua traiettoria fino in orbita.  Per studenti delle scuole medie, utile per familiarizzare con alcuni concetti di fisica legati all’esplorazione dello spazio. Gratuita, per iOs e Android.

Il mondo dei robot in una app

Con Robots for iPad si esplorano più di 150 robot cui lavorano gli scienziati in vari laboratori del mondo, dal Furby a Asimo della Honda, da Neo all’italiano iCub. Ciascuno ha una pagina dedicata con foto, video, informazioni. Si può dare un voto di gradimento ai vari robot. È informativa ma anche divertente. I più piccoli possono esplorare per divertimento, e confrontare gli automi “veri» con i loro giocattoli. Per i più grandi e per tutti gli appassionati di robotica e una miniera di informazioni. Per iOS, gratuita.

A passeggio tra stelle e pianeti

Ci sono tante applicazioni per avvicinare i bambini all’astronomia. Solar Walk è un modello del sistema solare per scoprire i pianeti del nostro sistema solare. Si può utilizzare anche in modalità 3D con gli occhialini (necessari quelli in ciano-rosso). Da 8 anni in su. Gratuita, per iOS. Con Moon Globe si scopre invece la Luna, i nomi delle sue valli e dei suoi crateri, si guarda dove sono atterrate le sonde che l’hanno esplorata. Per iOS, gratuita la versione base, a pagamento quella HD. Per Android c’è LunarMap, a pagamento. Infine, StarWalk trasforma il telefonino in un planetario. È facile da usare: si punta verso il cielo, e ci dice qual è il pianeta, la stella o la costellazione che si sta guardando. Consigliata da 8 anni in su. A pagamento, per iOS. A breve dovrebbe essere disponibile anche per Android.

© Riproduzione Riservata

Commenti