Rand Paul, la speranza dei Repubblicani
Getty Imagines / Richard Ellis
Rand Paul, la speranza dei Repubblicani
News

Rand Paul, la speranza dei Repubblicani

Il senatore, definito da Time "l'uomo più interessante della politica americana", dovrebbe correre per la Casa Bianca. Sarà la sorpresa della prossima campagna?

Non è facile avere un ritratto sul New Yorker e poi subito dopo una copertina di Time e poco prima un elogio di Politico e del Washington Post. Se questo accade, sei il personaggio del momento. È accaduto a Rand Paul, senatore del Kentucky, figlio d'arte (suo padre è Ron Paul, più volte candidato nelle primarie per la Casa Bianca), ma soprattutto repubblicano atipico. Forse da sempre, ma ora più che mai. Ed è questo che l'ha fatto diventare "l'uomo politico più interessante d'America", come hanno scritto le testate che hanno ospitato articoli su di lui.

Cinquantuno anni, oculista, tre figli, Rand Paul potrebbe essere la speranza del Grand Old Party. Almeno così scommettono i media che ora l'hanno messo sotto la luce dei riflettori. La ragione del suo attuale successo è facile da comprendere. Paul è un repubblicano al passo con i tempi. Le sue posizioni libertarie in economia, politica estera e diritti civili lo mettono in sintonia con il sentimento della società americana molto più di quanto possa accadere con qualsiasi altro esponente repubblicano o con un  tradizionale conservatore.

Ha espresso la sua idea su come dovrebbe essere il Partito Repubblicano in una intervista qualche tempo fa. E da allora è stato un susseguirsi di critiche positive. La sua ricetta è chiara: il GOP deve attrarre i voti dei più giovani e degli indipendenti, quei segmenti di elettorato che hanno premiato Obama nelle due precedenti presidenziali. Quindi, basta con la chiusura sui temi dei diritti civili (gay, marijuana etc..), basta con una politica estera aggressiva, basta con il governo che controlla tutte le tue mail.

Posizioni ben distanti da quelle che esprimono le altre anime repubblicane. Dai conservatori sociali come il governatore del Texas Rick Perry, ai prodotti dell'establishment come il senatore della Florida Marco Rubio. Paul sembra essere più avanti di loro. E anche più energetico. La sua battaglia al Senato contro John Brennan, il capo della Cia, per l'utilizzo dei droni per gli omicidi mirati ha premiato. Le sue posizioni più aperte sulla riforma dell'immigrazione piacciono al largo pubblico dei latinos che, allo stato, appare più vicino ai democratici che ai repubblicani.

Rand Paul è tra i possibili candidati del GOP per il 2016 quello che si è messo più in mostra in questi mesi. E ora, tutti gli altri rischiano di corrergli dietro. Il suo attuale successo non è solo figlio di una buona strategia di marketing politico. Rand Paul sembra essere arrivato all'appuntamento al momento giusto. Chi conosce il padre, Paul, sa bene che le idee del figlio sono genuine.

La matrice è quella. In politica estera, Rand non è isolazionista come il padre, ma è ben, ben lontano dal volere un'America interventista a tutti i costi. In questo senso, le idee del senatore del Kentucky si sposano con i sentimenti dell'opinione pubblica statunitense che non vuole più un paese gerdarme del mondo, ma che vuole un'America più attenta ai propri affari, salvaguradando però la sicurezza dalle possibile minacce.

In questo campo, "l'uomo più interessante della politica" sembra dare ancora maggiore affidabilità di un Obama sempre più spento. Soprattutto sembra offrire una visione del ruolo degli Stati Uniti e del governo americano più chiara e meno misteriosa, ma anche meno macchiavellica di quella che può apparire anche con lo stesso Barack Obama. Secondo alcuni commentatori, Rand Paul sarebbe potenzialmente in grado di dare vita a una nuova epoca del conservatorismo americano.

Quello che accadrà lo diranno i prossimi mesi. Certo è che Rand Paul sembra avere delle carte da giocare. È sempre stato considerato un outsider, un personaggio marginale rispetto ai grandi giochi di potere dell'establishment di Washington. Questo e la sua visione libertaria di un'America più concentratta su se stessa potrebbero fare la sua fortuna. Vedremo se l'uomo più interessante della politica americana attrarrà l'attenzione anche degli elettori e non solo dei media.






Ti potrebbe piacere anche

I più letti