Tutte le ultime indiscrezioni sul Green pass
Ansa
Tutte le ultime indiscrezioni sul Green pass
Politica

Tutte le ultime indiscrezioni sul Green pass

Dal personale scolastico ai trasporti, le anticipazioni delle misure contro la pandemia.

Si è tenuta stamane, a Palazzo Chigi, la cabina di regia per le nuove misure concernenti il Green pass, che entrerà in vigore a partire da domani, venerdì 6 agosto. Oltre al premier Mario Draghi, alla riunione di questa mattina hanno preso parte i ministri Stefano Patuanelli, Dario Franceschini, Mariastella Gelmini, Roberto Speranza, Massimo Garavaglia ed Elena Bonetti. Presenti anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Roberto Garofoli e – come rappresentanti del Comitato tecnico-scientifico– Franco Locatelli e Silvio Brusaferro. In attesa del consiglio dei ministri previsto per questo pomeriggio, sono intanto iniziate a trapelare delle indiscrezioni.

Il Green pass dovrebbe innanzitutto essere obbligatorio per il personale scolastico, mentre i tamponi per le scuole secondarie dovrebbero avere dei prezzi calmierati. Probabile obbligo sarà previsto inoltre per gli studenti e i docenti universitari. Non sarebbero state invece ancora definite eventuali sanzioni per gli addetti scolastici non in possesso del lasciapassare verde. Per quanto riguarda la questione dei trasporti, sembrerebbe che verrà aumentata la capienza per i mezzi a lunga percorrenza, a cominciare dai treni.

Secondo le anticipazioni, l'idea sarebbe quella di passare dal 50% al 80% dei posti a disposizione. In particolare, non è ancora chiaro quando tale normativa entrerà in vigore: la data dovrebbe essere il primo settembre, per quanto – nel corso della riunione di stamane – sia stato proposto di anticipare al 20 agosto. Si attendono invece ancora dettagli per quanto riguarda traghetti e autobus. Passando al tema delle strutture alberghiere, non dovrebbe invece essere previsto l'obbligo di green pass per i clienti che vogliano accedere a ristoranti e bar interni agli hotel dove alloggiano. Novità si registrerebbero poi sul fronte della quarantena: i vaccinati positivi al virus dovrebbero infatti vedersi ridotto l'isolamento da dieci a sette giorni. Dieci giorni resteranno invece probabilmente in vigore per i non vaccinati. Infine, si prospetta un esonero dal green pass per chi abbia ricevuto due dosi di siero Reithera.

Adesso si attende l'ufficialità, che dovrà arrivare dal consiglio dei ministri di questo pomeriggio. Nel frattempo, gli esercenti si sono detti contrari alla verifica dei documenti di identità dei clienti. «La responsabilità dell'uso improprio del green pass», ha dichiarato Aldo Cursano, vicepresidente vicario di Fipe-Confcommercio, «non può ricadere sulle imprese ed è per questo che fin dall'inizio abbiamo sostenuto la procedura dell'autocertificazione che è stata alla base di tutte le norme varate nei momenti più complicati della pandemia. Occorre immediatamente mettere mano al decreto legge per correggere una distorsione che le imprese faranno fatica ad applicare».

Il leader della Lega, Matteo Salvini, ha invece scritto su Twitter: «Nessun green pass o limitazione per colazioni, pranzi e cene in albergo per i clienti delle strutture; nessun green pass o limitazione (almeno per tutto agosto) per mezzi di trasporto, treni, bus, navi, aerei; garanzia di scuola in presenza per tutti i bambini, nessuno escluso; possibilità per tutti di utilizzare tamponi rapidi e gratuiti, antigienici e salivari. Sono queste alcune delle richieste di buonsenso della Lega per la cabina di regia e il Consiglio dei ministri di oggi».

Ti potrebbe piacere anche

I più letti