Enrico letta meloni
Politica

Doppia trappola per la Meloni

Manovra europea per fregare chi ha vinto le elezioni: Enrico Letta, sconfitto nel 2022, spunta come «esca» alla guida del Consiglio Ue per convincere Fdi a stare in maggioranza. Mossa da respingere in tutti i modi: se non ascolta gli elettori, a che serve l’Unione?

Nel 2018 gli italiani scelsero di mandare a casa il governo di Paolo Gentiloni, uno scolorito democristiano di sinistra che Sergio Mattarella aveva imposto a Palazzo Chigi, dopo la batosta presa da Matteo Renzi col referendum costituzionale. L’anno dopo la sconfitta, lo stesso Gentiloni fu spedito in Europa a rappresentare l’Italia come commissario con delega all’Economia. In pratica, bocciato a Roma dagli elettori, l’ex premier fu promosso a Bruxelles dalla nomenclatura dei partiti. Qualche cosa di simile è successa anche con Luigi Di Maio, che alle scorse politiche non è neppure riuscito a tornare in Parlamento, ma che dopo pochi mesi si è accasato quale rappresentante per gli affari europei in Medioriente.


Leggi l’articolo completo su La Verità

I più letti

avatar-icon

Maurizio Belpietro