kemal-capuozzo
Facebook
kemal-capuozzo
News

La storia di Kemal e Toni Capuozzo che ha conquistato l'Italia

Bosniaco, a 7 mesi l'inviato a Sarajevo lo ha portato in Italia per curare una gamba amputata dalle bombe. Ora tornerà per cercare di vincere il cancro

Il cuore degli italiani riesce a sgretolare le barriere della burocrazia internazionale attraverso i social di nuova generazione, per salvare una vita umana. Spesso si parla male di Facebook, Twitter, Whatsapp, Linkenin. Dipende dall'uso che se ne fa. E questa storia lo dimostra.

TONI CAPUOZZO
Oltre ai gattini, agli aforismi o alle massime di Osho che invadono ogni giorno Facebook, questa settimana a fare la sua irruzione sul social network è stato lo storico inviato di guerra Toni Capuozzo. Il 9 maggio scrive: "Avrei dovuto essere sul traghetto per Pantelleria. Invece guidavo da otto ore per le strade secondarie dei Balcani. Mi sono fermato in una piazzola di sosta di Travnik, credo di aver chiuso gli occhi per una decina di minuti. Quando li ho riaperti, davanti alla mia auto c'era cucciolo di cane. Non avevo niente da mangiare in auto. Non sono sceso, perché se lo avessi accarezzato o mi avesse scondinzolato, non avrei resistito alla tentazione di portarlo con me. Ho suonato il clacson e lui si è mosso piano”.

Capuozzo si confida con il web. Affida il suo cuore a tutti coloro che lo leggono. E subito dopo decide di raccontare un'altra storia che questa volta però non è finita con un abbandono: la storia di Kemal. "Avrei voluto tenere questa storia, nel privato per me e Kemal. Ma da solo non riesco a salvargli la vita”. E allora eccola qui.

LA STORIA DI KEMAL
Kemal Keshan Capuozzo, ora ha 25 anni. È nato a Sarajevo e tifa Milan. Le vite di Capuozzo e Kemal, si sono incrociate proprio 25 anni fa. Quando l'inviato di guerra seguiva il conflitto a Sarajevo, Kemal aveva sette mesi. Aveva perso la madre e una gamba durante una eplosione. Capuozzo con tempra e cuore lo aveva portato in Italia per farlo curare. Aveva fatto in modo che gli venisse messa una protesi e che potesse studiare in una scuola fino all'età di cinque anni. Poi il bambino è stato rimpatriato a Sarajevo.

kemal-capuozzoKemal Keshan Capuozzo a 7 mesi con la gamba amputataFacebook

Ora i loro destini, mai interrotti, si sono incontrati di nuovo. Kemal sta affrontando da due anni un tumore. Deve essere operato d'urgenza, entro un mese al massimo, perché un linfonodo malato minaccia i suoi reni. Nella sua città questo intervento è impraticabile. Troppo rischioso. Non ci sono le strumentazioni adatte nè un'équipe specializzata.

Ancora una volta Kemal, provato da bombe, dalla perdita della sua famiglia e con un gamba amputata si affida a Capuozzo, per la sua seconda rinascita. Serviranno dieci ore di intervento chirurgico, e non è detto che si riesca nell'impresa.

L'APPELLO DI CAPUOZZO
È di nuovo il cuore a suggerire a Capuozzo di lanciare un appello. E lo fa dal suo profilo Facebook.

"Mi sono spesso chiesto se la vita sia stata crudele o ingenerosa con Kemal. Ha 25 anni e sta affrontando da due un tumore. Ha bisogno di essere operato con urgenza, entro un mese, perché un linfonodo minaccia il rene sinistro”, scrive. Il problema? Avere le autorizzazioni ministeriali per il suo arrivo e intervento in Italia.

IL TAM TAM SUI SOCIAL MEDIA
In due giorni di tam tam sui social, Facebook, Twitter, Whatsapp, Linkedin, in moltissimi hanno risposto all'appello lanciato dal giornalista. Il cuore se vuole riesce dare spallate alla burocrazia nazionale e internazionale. Cittadini, giornalisti di varie testate mettendo da parte ogni barriera, sono riusciti a far diventare la vicenda di Kemal virale in soli due giorni. Ha raggiunto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che sobillata da mail e da richieste, ha dato l'ok alla venuta in Italia di Kemal.

KEMAL RINGRAZIA ITALIA
Panorama.it ha sentito Kemal, tramite Toni Capuozzo. Ora è in viaggio. È in Croazia. Lunedì sarà a Udine per i controlli medici. È già pronta una sua cartella medica. Ci tiene però, parlando inglese a dirci: "Grazie a tutti di cuore. Non mi merito tanto clamore. Ma combatterò questa operazione molto difficile, pensandovi. Pregherò per ognuno di voi che mi ha pensato. E... Forza Milan".

kemal-milanKemal Keshan Capuozzo con la maglia del Milan, la sua squadra del cuore - 2017Facebook

Ti potrebbe piacere anche

I più letti