Esteri

Migranti: come funziona il "modello Australia" proposto da Salvini

Nel 2013 il governo di Canberra ha lanciato il piano "No way", criticato dalle Nazioni Unite. Possibile riproporlo in Italia? Ecco gli ostacoli

noway

Matteo Politanò

-

​Commentando il caso della nave Diciotti il ministro dell'Interno Matteo Salvini​ ha proposto una soluzione per la gestione dell'allarme profughi in Italia​. "Il mio obiettivo è il No Way australiano. Sulla Diciotti sono tutti immigrati illegali. L'Italia non è più il campo profughi d'Europa. Con la mia autorizzazione non scende nessuno".

Ma in cosa consiste il modello australiano?

Il piano "No way"

Dal 2013 il nuovo governo del conservatore Tony Abbott ha iniziato l'operazione "No Way", strategia politico-militare con l'obiettivo di respingere tutti i migranti che arrivano in Australia illegalmente dal mare. Il piano è stato veicolato dallo slogan "No Way", letteralmente "scordatevelo" con un video dove il generale Angus Campbell spiega le nuove regole.

Come funziona

Il piano "No way" si può dividere in priorità:

  • Massiccio schieramento di unità navali per sorvegliare le coste.
  • Chi arriva via nave non avrà mai garantito il diritto di stabilirsi legalmente nel Paese.
  • Le imbarcazioni arrivate vengono gestite in due modi: a) vengono trainate verso i porti di partenza b) Gli occupanti vengono inviati in centri di identificazione sulle isole di Christmas e Horn e nella città di Darwin dove vengono valutate le richieste di asilo. Coloro che non hanno i requisiti per essere accolti vengono riportati nel paese d'origine, gli altri ottengono permessi di soggiorno che però non valgono in Australia ma solo in Papua Nuova Guinea e nell’isola di Nauru, stati vicini al governo australiano.

I risultati

Secondo il governo di Canberra prima dell'inizio del piano "No Way", nel 2013 in Australia erano arrivati oltre 20 mila migranti in un solo anno. 365 giorni dopo gli arrivi sono invece diventati 1350.

Le critiche

Il piano australiano è però finito nel mirino delle Nazioni Unite che accusano il governo di non effettuare sufficienti controlli per esaminare le richieste di asilo, una pratica rigida che "rende quasi impossibile ottenere un permesso di soggiorno". Il piano "No way" è stato più volte condannato anche dall'Indonesia, il paese da dove proviene la maggior parte dei migranti che arrivano in Australia. Secondo il governo di Giacarta le unità militari australiane hanno violato più volte le acque territoriali indonesiane per abbanondare le imbarcazioni. Canberra ha risposto dicendo che "nessun migrante ha perso la vita nelle operazioni di respingimento".

Si può fare in Italia?

La prima perplessità sull'idea di proporre un modello australiano in Italia è di natura economica. Secondo una commissione del parlamento australiano le spese del piano "No Way" ammontano ad oltre 400 milioni di euro l'anno, quattro volte di più del piano Mare Nostrum. Inoltre bisogna considerare che l'Italia ha un flusso di migranti di dieci volte superiore a quello australiano. Altro ostacolo enorme è che l'Italia non ha accordi diplomatici come quelli che l'Australia ha sottoscritto con i suoi vicini di Papua Nuova Guinea e dell’isola di Nauru, dove sorgono i centri di identificazione. Per un modello australiano servirebbe infatti un paese "amico" che possa "riprendersi" le navi partite. Potrebbe essere la Libia? Difficile, soprattutto considerando la forte instabilità politica del paese nordafricano, diviso tra due governi rivali e in balia di gruppi terroristici e milizie difficili da gestire.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Migranti a Ceuta, il nuovo fronte tra Spagna e Marocco

Cosa sta succedendo dopo l'assalto di 800 migranti al muro nell'enclave spagnola in Africa

Migranti e navi Ue: l'apertura a tempo dell'Italia. E la chiusura di Salvini

Aspettando la modifica della missione Sophia, i porti restano aperti. Ma il ministro dell'Interno rigetta la proposta europea di 6 mila euro a profugo e pensa al decreto Sicurezza

Due migranti (un uomo ed un bambino) muoiono al largo della Libia | video

Migranti, la Germania copia l'Ungheria? Come funzionano le zone di transito

Nel modello di Orbán i richiedenti asilo vengono "detenuti" per lunghi giorni e respinti in Serbia. Ecco a cosa pensa invece la Merkel

Commenti