juventus champions league crisi allegri esonero contestazione mercato processo
Ansa
juventus champions league crisi allegri esonero contestazione mercato processo
Calcio

Juventus, anatomia di un fallimento

Un mercato di grandi firme (ma incompleto), Allegri che non incide, poca personalità e l'ambiente sfiduciato: così la stagione bianconera si sta avvitando su se stessa

E' l'autunno più difficile della storia recente della Juventus. Peggio anche di quello a metà classifica nell'anno I dell'era Allegri (2015), quando il campo restituiva l'immagine di una squadra senza punti di riferimento ma il resto intorno funzionava e la qualità c'era in abbondanza, tanto che poi la stagione si concluse con scudetto e finale di Champions League. Oggi non è così. Sulla Continassa soffia un vento freddo e la sensazione che l'inverno, non ancora alle porte, si candidi ad essere ancora più gelido e gelante di un mese di settembre che fin qui è stato un disastro assoluto.

Il ko contro il Benfica ha tolto anche l'ultimo velo all'illusione che ci fosse sempre un'altra volta cui rimandare il momento della verità. La Juventus non è già fuori dalla Champions League, ma ora per approdare alla seconda fase serve qualcosa che assomiglia a un miracolo e che, soprattutto, non appare nelle corde di una squadra che ha mostrato una quantità di limiti insospettabile in estate. Allegri è nel mirino di critica e tifosi, gli infortuni continuano a colpire duro, le scelte di mercato sono già messe in discussione e il contesto economico è quello di un club che si avvia ad approvare il peggiore passivo della sua storia (-250 milioni) dodici mesi dopo aver stabilito il record precedente (-201). E che ha la consapevolezza di non poter continuare a chiedere sforzi alla proprietà, che in due anni ne ha messi 700 a fondo perduto, senza presentare uno straccio di progetto sportivo che funzioni.

LE COLPE DI ALLEGRI

Sul banco degli imputati c'è Massimiliano Allegri e non potrebbe essere diversamente. E' vero che infortuni e un mercato che ha lasciato scoperte alcune necessità sono argomenti che il tecnico livornese può portare a sua discolpa, ma dopo un anno e due mesi di lavoro il risultato sconcertante è la totale assenza di identità della squadra che manda in campo. Non è più un problema solo di estetica, di essere brutti e vincenti invece che bellini e perdenti; semplicemente la Juventus gioca un calcio fragile, dura solo qualche fiammata, si rinchiude in un noioso e sterile fraseggio, appena si scopre viene punita in difesa e appare costantemente inferiore all'avversario di turno. Che sia il PSG o il Benfica in Champions League oppure l'onesta Salernitana in campionato.

Allegri è blindato da un contratto an cora lungo - scade nel 2025 - e molto ricco ma la sua permanenza in panchina non può essere legata solo a una questione di contabilità societaria. Non è detto che l'esonero sia la soluzione dei malanni, è certo che il tempo delle parole (anche un po' impermalosite) sia finito: fin qui il valore aggiunto è stato poco o nullo. E qualche spiegazione va data a un popolo che osserva sconcertato e che si è disamorato, come dimostrano i vuoti allo Stadium frutto non solo della contrarietà alla politica dei prezzi.

MERCATO SOTTO ACCUSA

Le difficoltà nascono anche da una rosa che è lontanissima alla qualità di quella che ha corroborato il ciclo degli scudetti. Gli arrivi di Pogba e Di Maria avevano lasciato intuire una sterzata verso il "vecchio ma pronto all'uso": causa anche gli infortuni fin qui non ha funzionato. Vlahovic si è involuto e c'è da capire se per limiti suoi o per colpe del gioco intorno. Altri sono a fine corsa, almeno nella Juventus, ma in estate non c'è stato modo di sostituirli perché i conti non lo hanno permesso.

E' vero che gli interventi sono stati massicci, ma è indiscutibile che la stella polare è stata l'equilibrio con le cessioni e un certo contenimento del monte ingaggi. La conclusione è che anche chi ha lavorato nelle stanze del mercato non è riuscito a dare un valore aggiunto nel momento della rifondazione con l'aggravante che senza un progetto sportivo vincente anche i conti continueranno a soffrire.

IL RUOLO DI ARRIVABENE

Terzo e ultimo livello, quello societario. Maurizio Arrivabene è da quasi un anno il dominus del club con la missione non semplice di coniugare riequilibrio di bilancio e questioni sportive. Ha preso decisioni difficili, basti pensare alla rinuncia a Dybala che ora si esprime con continuità nella Roma, ma necessarie e altre la cui validità andrà testata nei prossimi mesi. L'impressione da fuori è che la Juventus non sia ancora quel monolite granitico che storicamente è stata. La stessa vicenda Pogba, con il giocatore più importante perso in un intreccio di ritardi e sottomissioni alle sue volontà, si è rivelato un pasticcio che ha penalizzato la squadra.

E' noto che quando le cose vanno male è più facile che si aggiunga qualcosa di storto piuttosto che il contrario. Dunque, non bisogna stupirsi che le ultime settimane abbiano restituito immagini che hanno fatto discutere degli uomini-Juventus o che anche semplici battute da strada con i tifosi (Arrivabene) si siano prestate a letture molteplici e non tutte lusinghiere. In generale, il processo di ricostruzione appare ancora lungo e difficile e il campo è solo una spia del malessere complessivo. Non sarà facile uscire dal tunnel, non è detto che possa essere fatto entro la fine di questa stagione.

From Your Site Articles

I più letti