Mika compie 34 anni - Le 10 cose da sapere
Universal
Mika compie 34 anni - Le 10 cose da sapere
popular

Mika compie 34 anni - Le 10 cose da sapere

La popstar anglo-libanese, nato da madre libanese e padre statunitense, parla correttamente inglese, francese, spagnolo e italiano

Poliglotta, Cavaliere, amante dei colori e di Freddie Mercury

Oltre che per la sua bravura artistica, Mika ha conquistato l'Italia come giudice di X Factor con la sua naturale simpatia e umanità, con la sua notevole cultura musicale e con i suoi buffi “neologismi”.

Vediamo insieme le 10 curiosità da sapere, per conoscere più da vicino la popstar anglo-libanese, che oggi compie 34 anni. [Cliccare su Avanti]

1) Il vero nome e la famiglia

Il vero nome di Mika è Michael Hoolbrook Penniman Junior. Nato da madre libanese e padre statunitense (rapito durante la guerra civile libanese, tanto che Mika fu costretto  vivere all’interno dell'ambasciata americana in Kuwait per ben 7 mesi), Michael lasciò il Libano da piccolo per trasferirsi per qualche tempo in Kuwait. Ha vissuto in Francia fino all’età di 9 anni, quando la sua famiglia decise di spostarsi in Inghilterra. Ha vissuto per un periodo anche negli USA. Il cantante ha quattro tra fratelli e sorelle: Yasmin, Zuleika, Fortuné e Paloma.

2) Poliglotta

Grazie alle sue numerose esperienze all’estero, Mika parla correttamente inglese, francese, spagnolo e ora anche italiano. Sa parlare anche l’arabo e il cinese, che ha studiato per 9 anni.

3) Dislessia

A scuola scopre di essere soggetto ad una particolare forma di dislessia, che gli ha provocato diversi problemi nello studio e nella vita scolastica, dove fu vittima del bullismo. La musica lo ha aiutato nell’imparare a leggere, fino ad entrare al prestigioso Royal College of Music di Londra, che ha frequentato per tre anni.

4) MySpace

Come altri artisti in cerca di fortuna, anche Mika ha usato il sito MySpace per lanciare la propria musica, dopo essere stato rifiutato da numerose case discografiche che allora erano in cerca di un nuovo clone di Robbie Williams e di Craig David. Fu così che la contagiosa Grace Kelly venne notata nel 2006 da un produttore, procurandogli il primo contratto con una major.

5) Una vita a colori

Le copertine dei suoi primi album, Life in cartoons motion del 2007 e The booy who knews too much del 2009(che hanno venduto complessivamente 8 milioni di copie) e dell’ultimo No Place in Heaven sono un'esplosione di colori, proprio come il contenuto. Mika vive in un mondo tutto suo: colorato, visivamente e musicalmente, con regole proprie e personaggi particolari. Un mondo riconoscibile, particolare, unico

6) Freddie Mercury

Quando nel 2007 il suo primo singolo Grace Kelly è balzato in testa alle classifiche di mezzo mondo, alcuni critici hanno gridato al nuovo Freddie Mercury per quella voce estesa che va spesso in falsetto e per quel gusto teatrale, volutamente kitsch e sopra le righe, marchio di fabbrica del grande e compianto cantante dei Queen. D’altra parte lo stesso Mika ha più volte affermato che la sua musica è stata influenzata da Freddie Mercury. Le comuni origini esotiche(Zanzibar per Mercury, Beirut per Mika) e la conclamata omosessualità hanno rinforzato questo paragone nei media che,tuttavia, lascia il tempo che trova,soprattutto per l’evidente diversità di genere musicale dei due artisti. A noi,personalmente, ricorda più un George Michael prima maniera, ancora in bilico tra la leggerezza pop degli esordi con gli Wham e la maturità di album raffinatissimi come Older e Songs of the last century.

7) Cavalier Mika

Nel 2010 gli è stato conferita l’onorificenza di “Cavaliere delle Arti e delle Lettere” dal governo francese per i suoi meriti musicali, diventando uno dei più giovani artisti ad averla ricevuta.

8) Talent show

Nell'aprile 2013 è stata annunciata la sua partecipazione alla settima edizione di X Factor Italia, divenendo così il primo giudice internazionale di un talent show italiano. Un’esperienza che Mika ripeterà anche nelle edizioni numero 8 e 9. Contemporaneamente l'artista ha anche siglato un contratto con Shine Francia per il ruolo di giudice nella terza edizione della versione francese di The Voice al posto di Louis Bertignac,  vinta dal giovane cantautore francese Kendji Girac del suo team. Anche nel 2015 Mika viene riconfermato come giudice per la quarta edizione della versione francese di The Voice insieme a  Florent Pagny, Jenifer e Zazie, arrivando terzo con il talentuoso David Thibault.

9) Il momento più bello della carriera

Il momento più bello vissuto sul palco fino ad oggi da Mika è legato alla Campania. Niente ha superato l’emozione provata sul palco del concerto in Piazza del Plebiscito a Napoli, il 18 maggio del 2014, davanti a 60.000 persone entusiaste, in occasione del compleanno della Nutella.

10) Il messaggio della sua musica

«Il mio messaggio è felicità, libertà e tolleranza. Più che politico, è sociale; e più che sociale, è spirituale. E parla anche di desiderio, perché tutta la musica pop è basata sul desiderio e sul piacere».

Ti potrebbe piacere anche

I più letti