Finito l'Expo, diminuiscono le scappatelle
Olycom
Lifestyle

Finito l'Expo, diminuiscono le scappatelle

Tra i padiglioni dell'esposizione universale tradimenti e corna per molti visitatori

Expo Milano 2015 è finita, con buona pace di chi non è riuscito a visitare l'esposizione universale. I padiglioni vengono smontati e portati via, e con essi il ricordo di qualche scappatella. Per sei mesi, infatti, proprio il sito di Expo è stata la location ideale per fare le corna e concedersi qualche ora di "libertà" e piacere lontani dal partner ufficiale. Almeno per il 58% dei visitatori, secondo una ricerca del sito Incontri-extraconiugali.com, ha infatti approfittato della scusa di andare a visitare i padiglioni, per regalarsi qualche ora con l'amante, scegliendo Expo come luogo ideale dove consumare il tradimento.


Ora che Expo è chiusa non ci sarà più la scusa delle code, come al padiglione del GiapponeOlycom

Così, tra il Decumano e il Cardo, fedifraghi incalliti (o improvvisati) hanno approfittato per incontrarsi uno spazio lontano da casa (leggi "moglie" o "marito") e lavoro: è accaduto al 36% del campione di 1.000 persone, tra uomini e donne, intervistati. Per il 6%, invece, Expo è stata solo una nobile scusa, dietro la quale c'era solo la voglia di ritagliarsi più tempo insieme all'amante. E ora che l'esposizione è finita? Già pronti a inventarsi qualcosa di nuovo per "evadere", gli specialisti delle "corna" già pregustano la futura riapertura, presumibilmente in primavera, quando Padiglione Italia, Padigione Zero e l'Albero della Vita torneranno visitabili: certo non si potrà più dire di aver trovato 8 ore di coda per visitare il Giappone...!

I più letti

avatar-icon

Eleonora Lorusso

Nata a Milano, laureata in Lettere Moderne all’università Cattolica con la specializzazione in Teoria e Tecnica dell’Informazione, è giornalista professionista dal 2001. Ha lavorato con Mediaset, Rai, emittenti radiofoniche come Radio 101 e RTL 102,5, magazine Mondadori tra i quali Panorama dal 2011. Specializzata in esteri e geopolitica, scrive per la rivista di affari internazionali Atlantis, per il quotidiano La Ragione e conduce il Festival internazionale della Geopolitica europea dal 2019. Dal 2022 vive negli USA.

Read More