Wham!
La cover del 45 giri
Wham!
Musica

Last Christmas: la vera storia dietro l'inno natalizio degli Wham!

La canzone, pubblicata 37 anni fa, è un gioiello pop malinconico e gioioso al tempo stesso, frutto del talento compositivo di George Michael

Il Natale è una festività che, da 37 anni, è legata a filo doppio a Last Christmas degli Wham.

Pubblicata in Inghilterra il 3 dicembre 1984, la canzone è una gemma senza tempo in grado di mostrare come il pop, qualora venga declinato con gusto, qualità e sensibilità, non è una parolaccia, ma una delle più alte espressioni dell’arte popolare, in grado di toccare i cuori di milioni di persone con canzoni solo apparentemente semplici.

Last Christmas, composta e prodotta interamente da George Michael, faceva parte di un 45 giri con un doppio lato A insieme a Everything She Wants, altro grande successo degli Wham.

Ma com'è nata la canzone natalizia contemporanea più amata e celebrata insieme a All I want for Christmas di Mariah Carey?

- La storia di "Last Christmas"

La canzone, in realtà, ha poco a che fare con il Natale, se non per la frase iniziale "Last Christmas I gave you my heart" ("Lo scorso Natale ti ho dato il mio cuore"). La storia è basata su una relazione fallita e sul ritrovarsi faccia a faccia, un anno dopo, con la propria ex, che nel frattempo ha iniziato un'altra storia.

Il brano è nato quando Andrew Ridgeley si trovava a cena dai genitori di George, con il quale era amico dall'infanzia. Avevamo mangiato qualcosa e stavamo seduti insieme rilassandoci con la televisione in sottofondo quando, quasi inosservato, George era scomparso di sopra per circa un'ora. Quando tornò giù, era eccitato come se avesse scoperto l'oro", ha raccontato Andrew Ridgeley ai microfoni di "Smooth Radio". "Siamo andati nella sua vecchia stanza, in cui avevamo trascorso ore da bambini a registrare dei piccoli programmi radiofonici, dove teneva una tastiera e un registratore. Quando mi ha fatto ascoltare l'introduzione, la melodia e il coro, accattivante e malinconico al tempo stesso, è stato un momento di grande meraviglia".

Il cantante anglocipriota è riuscito a distillare l'essenza del Natale in una canzone pop moderna, aggiungendo un testo che raccontava la storia di un amore tradito, in grado di toccare i cuori delle persone anche al di fuori del periodo natalizio.

Dal punto di vista musicale, la base strumentale è realizzata da una drum machine LinnDrum e da un sintetizzatore Roland.

A differenza della stragrande maggioranza delle canzoni pop, Last Christmas ha una struttura uguale tra strofa e ritornello, ma è la magnifica melodia, gioiosa e malinconica, a fare qui la differenza.

- L'iconico video della canzone

Indimenticabile il video della canzone, un compendio dell'edonismo degli anni Ottanta tra spalline ipertrofiche, capelli cotonati e Moon Boot, che vede George Michael e Andrew Ridgeley, con le chiome intonse anche sotto la neve battente grazie a ettolitri di lacca, acompagnati dalle loro nuove ragazze per riunirsi con gli amici in una baita nell'esclusiva località sciistica di Saas-Fee, in Svizzera.

L'ex del cantante, interpretata dalla modella Kathy Hill, ora è la ragazza di Andrew, come si evince anche dalla spilla, invero dozzinale e di pessimo gusto, che il suo nuovo fidanzato ha appuntato con sicumera sul bavero della giacca nera, mentre gli amici mangiano e ridono (probabilmente anche per la sua improbabile bigiotteria) intorno alla tavola imbandita a festa.

La stessa spilla che George le aveva regalato un anno prima, davanti al romantico tepore di un camino, come pegno d'amore eterno. Il messaggio della canzone, in quel momento, arriva forte e chiaro: non regalate spille a Natale, se non volete che la vostra ex le ceda l'anno dopo, in comodato d'uso, al bietolone di turno.

Nel video, che pochi giorni fa è stato ripubblicato su Youtube in una versione rimasterizzata in 4K (guarda la clip in fondo all'articolo), appaiono anche le coriste degli Wham, Pepsi e Shirlie, oltre al bassista degli Spandau Ballet Martin Kemp, allora fidanzato e poi futuro marito di Shirlie Holliman.

Gli Wham! hanno donato tutti i diritti d'autore di Last Christmas per combattere la carestia che affliggeva allora l'Etiopia.

Il primo giorno del 2021 la canzone è arrivata al primo posto delle classifiche dei singoli più venduti in UK, stabilendo così un nuovo record: quello del maggior tempo impiegato da un brano ad andare al numero uno, precedentemente detenuto da (Is This The Way To) Amarillo di Tony Christie, che nel marzo del 2005 arrivò al numero uno dopo 33 anni e quattro mesi dalla sua uscita. «Sono felicissimo, un po' stupito e profondamente contento dal fatto che l'iconico classico degli Wham! Last Christmas abbia finalmente avuto l'onore di diventare un numero uno», ha dichiarato Andrew Ridgeley su Twitter. «È un tributo appropriato al genio di compositore di George, del quale sarebbe stato immensamente orgoglioso e assolutamente emozionato». Da quando è stata pubblicata, alla fine del 1984, la canzone è tornata sei volte nella top ten inglese, senza però andare oltre al secondo posto. I fan avevano già lanciato una campagna per portarlo al numero uno nel 2017, in occasione del primo anniversario della morte prematura di George Michael nel giorno di Natale del 2016, ma anche allora invano.

Le cover e la causa per plagio

Last Christmas è stata oggetto di numerose cover da parte di Coldplay, Kylie Minogue, Ariana Grande, Carly Rae Jepsen, Taylor Swift, Whigfield, Billie Piper, Jimmy Eat World, Joe McElderry, Crazy Frog , Cascada, Gwen Stefani e dal cast del musical Glee. Il brano fu oggetto allora anche di una causa per plagio, che si risolse però in un nulla di fatto, per la sua somiglianza con Can't smile without you di Barry Manilow.

La Dick James Music, che possedeva i diritti del brano, composto da Christian Arnold, Geoff Morrow e David Martin, fece causa a George Michael, autore unico di Last Christmas. La domanda non fu accolta perchè, secondo un musicologo, circa 60 spartiti di canzoni avevano sequenze di accordi e di melodie simili sia a Can't smile without you quanto a Last Christmas.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti