ANSA/MOURAD BALTI TOUATI
Economia

Saldi, istruzioni per l'uso

Nelle prime settimane del nuovo anno, partono le vendite a prezzi scontati. I consigli delle associazioni dei consumatori per evitare le bufale

In Sicilia e Basilicata sono già iniziati e il 5 gennaio partiranno in tutta Italia. Si tratta dei saldi di inizio anno, un appuntamento immancabile per i consumatori che vogliono risparmiare sullo shopping subito dopo le feste natalizie. Come ogni anno, le associazioni dei consumatori sono molto prodighe di consigli per chi vuole evitare qualche fregatura. Ecco, di seguito il vademecum stilato da Ferconsumatori per difendersi dai bidoni e dagli sconti fasulli (CLICCA SU AVANTI).

1. Occhio ai prezzi

Prima dell’avvio dei saldi verificare il prezzo dei prodotti che si vogliono acquistare e, se possibile, fotografare la cifra con il telefono cellulare. Si avrà così una prova certa di quant'era il prezzo di partenza e sarà possibile valutare se lo sconto dichiarato dal negoziante è vero o falso.

Leggi anche: I fatti economici più importanti del 2016

2. Confronto tra più negozi

Non fermarsi al primo negozio che si incontra ma confrontare i prezzi applicati in diversi punti vendita, cercando di orientarsi verso prodotti di cui si ha reale necessità.

Leggi anche: 9 cose che saranno più economiche nel 2017

3. Se lo sconto è troppo alto

Un altro consiglio di Federconsumatori è di diffidare delle vetrine coperte da manifesti che non consentono di vedere la merce e di negozi e che applicano sconti eccessivi, pari o superiori al 60%. Un buon prezzo a saldo dovrebbe infatti avere uno sconto attorno al 40%.

4. Cartellino ai raggi x

Verificare accuratamente quanto viene scritto sopra il cartellino, su cui devono essere obbligatoriamente riportati, in modo leggibile, sia il vecchio prezzo che quello nuovo, oltre alla percentuale dello sconto.

5. Solo prodotti di stagione

I prodotti scontati devono essere sì di fine stagione, ma soltanto dell’anno in corso e non delle stagioni degli anni passati. Le merci “di risulta” o di magazzino devono essere vendute separatamente da quelli in saldo.

6. Conservare lo scontino

Anche se il cambio del prodotto non è obbligatorio ma può avvenire a del negoziante, è consigliabile conservare lo scontrino come prova dell'acquisto. Lo scontrino è infatti essenziale in caso di merce difettosa, poiché obbliga il commerciante a rispettare norme di legge sulla garanzia di sostituzione o al rimborso della somma pagata.

7. Provare gli abiti

I commercianti non sono obbligati a far provare i capi di abbigliamento. Tuttavia il consiglio di Federconsumatori è di diffidare dei negozi in cui non sia appunto possibile provare tali capi.

8. Chiamare i vigili (se necessario)

Per problemi o “bufale” sulle merci in saldo è possibile rivolgersi ai vigili urbani, all’ufficio comunale per il commercio o ad un’associazione di consumatori.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti