manovra-camera
ANSA/GIUSEPPE LAMI
manovra-camera
Economia

Legge di stabilità 2017: le cose da sapere

Votata la fiducia al Senato, la Manovra è legge. Dall'abolizione di Equitalia alle pensioni, imprese, famiglia ecco le principali misure

Votata la fiducia al Senato con 166 sì, 70 no e 1 astenuto la manovra economica del 2017 (tecnicamente detta "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2017 e bilancio pluriennale per il triennio 2017-2019) è legge.

Vale quasi 27 miliardi e nei piani del Presidente del Consiglio dimissionario Matteo Renzi dovrà servire a rilanciare gli investimenti e spingere la competitività per consentire di vedere il Pil anche oltre l'1% indicato fino a qui, grazie anche ai margini del deficit che, per l'anno prossimo, è fissato al 2,3%, tre decimali (circa 5 miliardi) sopra quello programmato nell'aggiornamento del Def.

Di fatto il Governo ha chiesto uno spazio di manovra di circa 12 miliardi. Gli ulteriori margini di bilancio serviranno a finanziare le spese eccezionali per la ricostruzione post terremoto e l'emergenza migranti. Ma ecco quali sono tutti i provvedimenti principali compresi nella Manovra [clicca su Avanti].

Iva

Sterilizzazione dell'aumento dell'Iva, per evitare il balzo in avanti delle due principali aliquote dal 10 al 13% e dal 22 al 24%. Uno sforzo finanziario che vale circa 15,3 miliardi di euro. Il problema si sposta al 2018 e 2019.

Taglio dell'Ires

L'imposta sul reddito delle società (Ires) sarà ridotta dal 27,5 al 24%. 

Addio a Equitalia

L'Agenzia della riscossione scomparirà e sarà sostituita da un nuovo soggetto. Sulle cartelle di pagamento è prevista una sanatoria. Saranno dovuti imposte e interessi ma non le sanzioni per il pagamento ritardato.

- LEGGI ANCHE: Come Renzi vede la nuova agenzia di riscossione

Studi di settore

Gli studi di settore vengono riformati e non faranno più scattare scattare gli accertamenti fiscali.  Diventeranno cioè strumento di compliance, per misurare la fedeltà dei contribuenti in riferimento anche agli anni precedenti. Nelle intenzioni del governo, c'è quello di ideare un sistema per premiare i contribuenti più virtuosi nel pagare le imposte.

Iri per le piccole imprese

Arriva la nuova imposta sul reddito dell'imprenditore (iri) che graverà sulle ditte individuali (soprattutto comemrcianti e artigiani) con aliquota unica al 24%. Il prelievo (che in linea di massima è più vantaggioso rispetto all'irpef) potrà però essere applicato solo agli utili reinvestiti e non a quelli prelevati dal titolare dell'attività, che continueranno a essere soggetti all'irpef. 

Pacchetto competitività e R&S per le imprese

Vale 20 miliardi e contiene le misure del piano Industria 4.0.

- LEGGI ANCHE: Cos'è il piano Industria 4.0

Viene esteso anche al 2017 il superammortamento, cioè quel sistema che consente alle imprese e ai professionisti di dedurre dal reddito imponibile il 140% di quanto speso per l'acquisto di beni strumentali all'esercizio della loro attività. Si tratta di un incentivo agli investimenti che permette di risparmiare sulle imposte, “scontando” dal reddito molto più della spesa effettivamente sostenuta.

Confermato anche l'iperammortamento al 250% per gli investimenti in innovazione e rafforzato e confermato fino al 2020 il credito di imposta alle attività di ricerca e sviluppo.    

Viene eliminata l'Irpef agricola e stabilita una decontribuzione per gli agricoltori under40.

Viene poi prorogata a tutto il 2017 la Legge Sabatini per facilitare il finanziamento degli investimenti delle imprese.

Made in italy: 100 milioni di investimenti

Al made in Italy vengono dati 100 milioni con l'obiettivo di ottenere oltre un 1 miliardo di incremento di fatturato delle imprese italiane sui mercati esteri.

Fondo di garanzia per le pmi

Viene rifinanziato il fondo centrale di Garanzia per le pmi per 1 miliardo

Voluntary disclosure

Nuova finestra per il rientro volontario dei capitali detenuti all'estero. Si estende l'arco temporale al 2015 senza penalizzazioni sul fronte delle sanzioni e degli interessi. Ancora non chiaro se ci sarà una voluntary domestica, ovvero l'emersione dei capitali interni e in particolare del contante contenuto nelle cassette di sicurezza.

L'emersione di capitali nascosti ha portato infatti nelle casse dello Stato circa 4 miliardi di euro, e si stima che con una voluntary bis si potrebbe arrivare a quota 2 miliardi.

Nuove clausole di salvaguardia

Nel caso in cui i proventi della Voluntary Disclousure fossero inferiori al previsto (sotto il livello di 1,6 miliardi di euro) potrebbero scattare nuove clausole di salvaguardia con un aumento delle accise sull'energia, gli alcolici e i tabacchi oltre a dei tagli di spesa.

Pensioni

Numerose le modifiche al sistema pensionistico. 
- La no tax area sarà equiparata per tutti a quella dei lavoratori dipendenti (8.125 euro).
- La 14Eesima sarà estesa a 1,2 milioni per arrivare in totale a 3,3 milioni di pensionati. (LEGGI QUI CHI LA PRENDERA')
- L'APE (l'anticipo pensionistico) partirà da maggio: i lavoratori con 63 anni potranno andare in pensione 3 anni e 7 mesi prima, con un prestito richiesto all'Inps e corrisposto da una banca. (LEGGI QUI COME)
- Viene introdotta L'APE Social: per alcune categorie sarà senza costi, fino ad un reddito da pensione lordo di 1.350 euro mensili. Per accedervi sarà necessario avere almeno 36 anni di contributi e 30 anni se si è disoccupati. Con le ultime limature dei tecnici di Palazzo Chigi, potrebbe arrivare la possibilità di acecdere all'APE social anche a chi, pur non avendo raggiunto i 36 anni di contributi, svolge delle professioni particolarmente onerose, ancora da definire nel dettaglio.

- Verrà probabilmente introdotta una nuova salvaguardia anche per poco meno di 28mila esodati, cioè quei lavoratori che rischiano di rimanere senza reddito e senza pensione, perché sono finiti in mobilità o sono rimasti disoccupati poco prima della riforma Fornero (che ha innalzato di colpo l'età del pensionamento). Per l'ottava tranche di esodati, è in arrivo la possibilità di mettersi a riposo con le vecchie regole, precedenti la Legge Fornero.

- LEGGI ANCHE: Come cambiano le pensioni nel 2017

Terremoto

In arrivo 4,5 miliardi per la ricostruzione dei paesi devastati dal terremoto e per il piano Casa Italia. Resta in vigore il "Sisma bonus" - ECCO COME FUNZIONA 

Migranti

Vengono stanziati 500 euro l'anno a migrante una tantum per le spese sostenute dai Comuni che li hanno accolti.

Canone Rai

Scende da 100 a 90 euro il canone di abbonamento ai servizi radiotelevisi.

Sussidio alla povertà

Verrà esteso su tutto il territorio nazionale il sostegno all'inclusione attiva (che sarà operativo già dal 2 settembre 2016). Si tratta di un sussidio fino a un massimo di 400 euro mensili che spetta alle famiglie con figli minorenni o disabili e con reddito Isee inferiore a 3mila euro annui. Vale 50 milioni di euro (Fondo di non autosufficienza). Dal 2018 poi è previsto un fondo da 500 milioni per le politiche contro la povertà.

Leggi anche: Sussidio alla povertà, chi ne avrà diritto

Bonus famiglia

Sono stati stanziati 600 milioni a misure per i nuclei con figli che comprendono la riconferma del bonus bebè, voucher per gli asili nido, e sconti fiscali per prodotti, soprattutto alimentari, riservati alla prima infanzia.

Bonus 18 anni

Ogni ragazzo di 18 anni lo potrà spendere per attività culturali
- LEGGI QUI COME FUNZIONA

Borse di Studio

 Arrivano 50 milioni in più sul fondo integrativo statale per le borse di studio agli universitari. Lo prevede l'articolo 38 della bozza della manovra. Sarà il ministero dell'Istruzione di concerto con l'Economia (entro 30 giorni dall'emanazione) a determinare i fabbisogni regionali in relazione ai qulai sarà poi erogato il fondo.

Vengono istituite delle super-borse di studio da 15mila euro l'una per studenti universitari particolarmente meritevoli (sulla base di criteri ancora da definire nel dettaglio). Viene istituita una no tax area fino a 13mila euro per gli studenti con redditi bassi.

Ecobonus, bonus mobili e ristrutturazioni

L'ecobonus viene rinnovato per tutto il 2017 mentre per i condomini si arriva fino al 2021. Per i condomini è prevista una detrazione al 70% per l'involucro dell'edificio e al 75% per le spese sostenute "per gli interventi di riqualificazione energetica relativi alle parti comuni di edifici condominali".

Pacchetto lavoro: dalla pa alle banche

Sono stati stanziati 900 milioni (300 già previsti + altri 600) per il rinnovo dei contratti della pubblica amministrazione e previsti concorsi per infermieri, poliziotti, medici e docenti per nuove assunzioni.

Sui premi di produttività prevista la detassazione al 10% per i premi fino a 4mila euro e sui redditi fino a 80mila euro.

Le nuove assunzioni stabili, anche in apprendistato, effettuate tra il primo gennaio 2017 e il 31 dicembre 2018 di studenti che abbiamo svolto attività di alternanza scuola-lavoro potranno godere di esonero contributivo per un massimo di 36 mesi nel limite di 3.250 euro l'anno

100 milioni l'anno, per tre anni, per accompagnare l'uscita di cinquantamila bancari previsti come esuberi

Sanità: + 2 miliardi

Il finanziamento del Fondo sanitario nazionale sale a 113 miliardi due miliardi in più rispetto a quanto previsto in precedenza. Nel settore sanitario sono previste circa 8mila posti di lavoro in più, tra nuove assunzioni e regolarizzazione dei contratti precari. 

3 miliardi agli enti territoriali

Sono previsti 3 miliardi, tra cui risorse per sbloccare gli investimenti dei Comuni e altri 7 miliardi in 7 anni per il dissesto idrogeologico.

Da dove arrivano le coperture

Le coperture arriveranno in gran parte da "aumenti permanenti di gettito" e entrate Iva (oltre 8 miliardi e mezzo), da spending review e tagli (2,6 miliardi) e dalla voce "ulteriori coperture". In tutto 18,4 miliardi. Inoltre arriveranno dall'extra deficit fissato al 2,3%.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti