Da petaloso a googlare, le 10 parole più segnalate alla Crusca
iStock
Da petaloso a googlare, le 10 parole più segnalate alla Crusca
Cultura

Da petaloso a googlare, le 10 parole più segnalate alla Crusca

Tutte le nuove espressioni linguistiche sottoposte all'Accademia fiorentina che, a forza di click, possono entrare nel vocabolario

Petaloso, googlare, apericena sono solo alcune delle centinaia di parole che gli internauti amanti della lingua italiana sottopongono ogni giorno all’Accademia della Crusca, lo storico istituto nazionale nato per la salvaguardia e lo studio dell’italiano. In una pagina creata ad hoc sul sito dell’Accademia fiorentina vengono infatti riportate le espressioni inventate e segnalate dagli utenti che, cliccandoci sopra, ne aumentano il rango di interesse portando un semplice neologismo a diventare parola di uso comune. Parole iscrivibili, se molto usate e comprese, tra i vocaboli del dizionario. In una lista, ecco le 10 più gettonate.

1. Petaloso

Nuovo termine che deriva dalla parola petalo unita al suffiso –oso la cui unione significa "pieno di petali", "con tanti petali". Allo stesso modo in italiano esistono termini come peloso "pieno di peli", "con tanti peli" e coraggioso, "pieno di coraggio".

2. Apericena

La derivazione di questo lemma viene dall’unione di “aperitivo” e “cena” e fa riferimento a "un appuntamento serale" in cui si gusta con calma una bevanda abbinanata con tartine, patatine o salatini in compagnia di conoscenti, amici o colleghi.

3. Googlare

È stata definita la parola del decennio dall’American Dialect Society (ADS). Il neologismo ha ormai assunto il significato di “cercare in rete” e deriva dal nome del motore di ricerca più utilizzato al mondo, Google.

4. Whatsappare

Il termine prende vita dal sistema di messaggistica mobile istantanea WhatsApp® e significa "inviare messaggi" su questo canale il cui nome-marchio What's up nella lingua inglese suona come un “che succede?” o “come va?”.

5. Taggare

Entrato da pochi anni a far parte del nostro vocabolario, il verbo taggare è stato introdotto nella lingua italiana come italianizzazione dell'inglese “to tag”, traducibile come “etichettare” e utilizzato nell'ambito dei Social Network.

6. Selfie

"Fotografia scattata a se stessi", senza l’ausilio della temporizzazione e destinata alla condivisione in rete. Il termine entra nell’uso italiano come prestito non adattato dall’inglese selfie, composto da self e dal suffisso -ie (o, in casi più rari, -y). 

7. Docciarsi

La parola deriva dal verbo docciare usato in modo riflessivo e che sintetizza l'azione di "farsi la doccia".

8. Gradualismo

"Tendenza a procedere per gradi", in maniera graduale. Nel linguaggio politico e sindacale, significa raggiungere con riforme graduali determinati obiettivi economici, politici o sociali.

 

9. Forneria

"Forno" o stabilimento industriale dove si fa il pane.

10. Spoilerare

"Rivelare in anticipo" in parte o del tutto la trama di un racconto, romanzo, film o simili. 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti