Chi era Giovanni Reale, filosofo di generazioni di studenti
ANSA/ CAMPANINI/ BARACCHI
Chi era Giovanni Reale, filosofo di generazioni di studenti
Cultura

Chi era Giovanni Reale, filosofo di generazioni di studenti

È morto oggi, a 83 anni, lo studioso noto nel mondo. Grande esperto di Platone era molto attento anche agli sviluppi della filosofia contemporanea

È morto questa mattina nella sua 
casa di Luino (Varese), a 83 anni, il filosofo Giovanni Reale.
 Lo ha annunciato la casa editrice La Scuola, che aveva 
pubblicato il suo libro forse più noto, il manuale che ha
 accompagnato diverse generazioni di liceali, "Il pensiero
 occidentale dalle origini ad oggi", la cui prima edizione risale 
al 1983 e di cui è uscita lo scorso anno la nuova edizione 
rivista e ampliata 2013.

Noto come 'Il Reale" tra gli studenti, è stato tradotto anche in 
russo, spagnolo, portoghese, kazako, ed è in corso 
di traduzione in lettone, cinese, urdu. Ma Reale non era solo un divulgatore: originale la sua 
rilettura di Aristotele, Plotino, Socrate e Agostino, e 
soprattutto di Platone, di cui ha rivalutato le "dottrine non
scritte", ossia gli insegnamenti orali tenuti all'interno 
dell'Accademia. Nato a Candia Lomellina nel 1931, il filosofo si è formato presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dove in
 seguito è stato a lungo ordinario di Storia della Filosofia 
Antica e ha anche fondato il Centro di Ricerche di Metafisica.


Nel 2005 era passato a insegnare alla nuova facoltà di Filosofia 
del San Raffaele di Milano.
 Reale era ancora molto attivo: con Dario Antiseri stava 
finendo di correggere le bozze del manuale "Cento anni di Filosofia. Da Nietzsche ai nostri
 giorni", presentato con successo alla Fiera del libro di
 Francoforte, in uscita a gennaio e già prenotato per le edizioni
 spagnola, portoghese, romena e croata. 
"Un carissimo amico e un maestro - lo ricorda Dario Antiseri
 - rigoroso e appassionato. I suoi lavori su Platone sono 
fondamentali, ma era anche molto attento agli sviluppi della 
filosofia contemporanea. Era una persona esemplare, lascia una 
grande eredità intellettuale e morale".


Ti potrebbe piacere anche

I più letti