Simona Santoni

-

Settant'anni fa moriva Al Capone, ovvero Alphonse Gabriel Capone, celebre criminale soprannominato "Scarface" (faccia con cicatrice) per via di una cicatrice sulla guancia sinistra procuratagli da un fratello apprensivo munito di rasoio, in replica a commenti pesanti sulla sorella. Dopo diversi anni trascorsi nel carcere di Alcatraz, rilasciato per via di una demenza, si spegneva nella sua tenuta di Miami, il 25 gennaio 1947.

Boss italo-americano, emblema del gangster per eccellenza, autore di efferati delitti, negli anni Trenta è stato dichiarato "nemico pubblico numero 1". Personaggio iconico, al cinema ha avuto diverse rappresentazioni. Che qui ripercorriamo.

 

1) Scarface - Lo sfregiato (1932) di Howard Hawks e Richard Rosson

Uno dei migliori tra i primi film sui gangster. Si ispira alla storia di Al Capone, anche se il criminale interpretato da Paul Muni si chiama Tony Camonte e presenta alcune differenze con l'originale (ad esempio non viene arrestato per evasione fiscale). Ambientato nella Chicago proibizionista, con la criminalità che gestisce il contrabbando di alcolici, segue la scalata al potere del boss, che scatena una vera e propria guerra tra bande per eliminare la concorrenza.

2) Al Capone (1959) di Richard Wilson

Uno dei ritratti più completi del famigerato criminale che ha letteralmente governato Chicago per anni. Spietato e senza rimorso, interpretato da Rod Steiger, lascia dietro di sé una scia di sangue e di cadaveri di chiunque si trovi sulla sua strada. Lo seguiamo mentre lavora per diventare, a suon di violenza, il boss incontrastato. 

3) 2 mafiosi contro Al Capone (1966) di Giorgio Simonelli

Commedia nostrana con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia nei panni di due emigrati siciliani negli States, poliziotti alle prese con l'ardua missione di entrare nella gang di Al Capone al fine di farlo arrestare. E ci riusciranno. Al Capone è interpretato dall'attore spagnolo José Calvo, il Silvanito di Per un pugno di dollari.

4) Il massacro del giorno di San Valentino (1967) di Roger Corman

Con una narrazione che ha il sapore del docudramma, la cronaca violenta - concisa ed efficace - delle guerre di gangster nella Chicago di fine anni Venti, fino alla resa dei conti sanguinosa (a cui si riferisce il titolo del film) tra i mafiosi rivali Al Capone, interpretato da Jason Robards, e Bugs Moran, incarnato da Ralph Meeker. Tra le malcapitate vittime un giovane Jack Nicholson.

5) Quella sporca ultima notte (1975) di Steve Carver

Di certo non il film migliore su Al Capone, ne segue le sue vicende dall'inizio dell'ascesa fino alla caduta del suo impero. Lo interpreta Ben Gazzara. Nel cast anche un giovanissimo Sylvester Stallone nei panni di Frank Nitti, braccio destro ed erede del super gangster. 

6) Scarface (1983) di Brian De Palma

Scritto da Oliver Stone, è un cult ispirato alle gesta di Al Capone. Remake del film di Hawks del 1932, a differenza dell'originale non è ambientato a Chicago durante gli anni del proibizionismo ma a Miami negli anni Ottanta. In ballo non c'è il traffico di alcolici ma quello di stupefacenti. Il boss protagonista si chiama Tony Montana e ha indelebilmente il volto di Al Pacino. Da piccolo delinquente dei bassi borghi, Tony arriverà a diventare il signore della droga.

7) The Untouchables - Gli intoccabili (1987) di Brian De Palma 

Gli "intoccabili" sono gli agenti che intercettarono le telefonate ed esaminarono le transazioni finanziarie dei soci di Al Capone riuscendo a incastrarlo per evasione fiscale. Riprendendo la serie tv degli anni Cinquanta, De Palma ordisce un noir alla sua maniera, con Robert De Niro nei panni del gangster e Kevin Costner, Sean Connery (da Oscar) e Andy Garcia tra i piedi piatti. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Il cinema migliore del 2016

I film più belli visti quest'anno nelle sale cinematografiche secondo noi

Robert De Niro: "Con Trump Presidente potrei trasferirmi in Italia"

Dopo aver attaccato duramente il neo eletto inquilino della Casa Bianca l'attore italo americano immagina il tricolore nel suo futuro

Al Pacino: 'Io, DiCaprio e l'insostenibile pesantezza del cinema'

Intervista all'attore che tra poco compirà 73 anni e presto vedremo in Stand up guys

Commenti