Affogati nella burocrazia
Palazzo Chigi (Ansa)
True
Affogati nella burocrazia
Politica

Affogati nella burocrazia

L'editoriale del direttore, in risposta alla lettera di un lettore.

Gentile direttore,

ho letto con assoluta condivisione il suo editoriale sul n. 15 di Panorama sulla produzione delle mascherine. Chiariamo subito che sono, o meglio sono stato, un burocrate e mi accingo a un compito quasi impossibile: difendere la mia ex categoria. Vede, direttore, il pensare che la burocrazia abbia il gusto della complicazione o dell'ostacolo alla formazione di un provvedimento potrebbe essere anche lecito ma cozza, inevitabilmente, contro un principio umano, quello dell'impegno. Intendo dire che tale comportamento impone un'attività, mentre l'omesso controllo limita o addirittura esclude il fare. Dunque, non fosse altro che per il principio della fuga dinanzi allo sforzo - principio largamente condiviso non solo nella burocrazia - il burocrate, tranne casi sporadici di patologica egostima o incurabile cattiveria, non ha alcun interesse per l'esercizio così tortuoso della propria attività. La verità, dunque, sta invece, ma mi posso sbagliare, nella mancanza di fiducia che il potere legislativo mostra nei confronti di quella parte dell'esecutivo che materialmente svolge le funzioni, emette i provvedimenti, «sbriga le pratiche» come si dice. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: le finalità positive spesso non si ottengono, mentre quelle negative sono una costante. Ma la burocrazia, che pure ha le sue colpe in quanto tale, sconta quelle ben più gravi di una classe politica mediocre nel risolvere i problemi di tutti quanto efficace nel risolvere i propri.

Nino Di Carlo

Politica

ANPI: ieri partigiani, oggi partito

L'Associazione, che conserva la memoria della Resistenza (e gode di finanziamenti dallo Stato) oggi è formata soprattutto da giovani schierati a favore di Sardine, Ong e migranti. Perché la battaglia ideologica conta più della storia.
True
Inchieste

Chi trama alle spalle di Papa Francesco

L'arresto della «dama nera» Cecilia Marogna è solo l'effetto più evidente delle fortissime tensioni che scuotono la Santa Sede, tra manovre di alti prelati, accordi segreti, giochi politici e rovesciamenti di potere. Che il Papa sembra controllare con sempre maggiore difficoltà.
True