iem-explore.com
iem-explore.com
iem-explore.com
Tecnologia

La piattaforma italiana che fa esplodere l'e-commerce

Si chiama IEM, è completamente italiana e supporta le aziende nelle politiche di vendita online analizzando a fondo tutti i dati sui clienti, attuali e potenziali, su quelli ‘dormienti’ e quelli ricorrenti, le loro abitudini, la loro localizzazione, le loro preferenze.

Per vincere la battaglia dell'e-commerce e primeggiare sulla concorrenza c'è un solo sistema: saper analizzare i dati. Oggi che, dopo due anni di emergenza pandemica, le aziende italiane hanno toccato il 65% di vendite attraverso l’e-commerce, contribuendo alla crescita esponenziale del fatturato mondiale che ha ormai raggiunto i 3,8 miliardi di euro, l’ausilio di competenze e soluzioni in grado di ‘leggere’ attraverso i dati le tendenze del mercato di riferimento, è diventata una priorità.

In Italia c'è una società che è in grado di fare questo. Si chiama IEM ed è un azienda che ha dato vita alla prima piattaforma di Business Intelligence made in Italy capace di interpretare i dati provenienti da varie fonti, come i database e-commerce e i canali ADV (Google, Facebook, Instagram, etc..), con l’ausilio dell’I.A.-Intelligenza Artificiale.

IEM, nel gergo tecnico, è un personal data analyst e strategist, capace di centralizzare i dati in una ‘business intelligence’ in grado di processarli ed elaborarli, fornendo poi all’azienda le giuste indicazioni per avviare azioni mirate a migliorare le vendite.

In parole più semplici, il software elaborato dalla IEM, di fatto, supporta le aziende nelle politiche di vendita online analizzando a fondo tutti i dati sui clienti, attuali e potenziali, su quelli ‘dormienti’ e quelli ricorrenti, le loro abitudini, la loro localizzazione, le loro preferenze. Nel pieno rispetto della privacy, ovviamente.

«Con la nostra consulenza e il nostro software intelligente aiutiamo e aziende di migliorare le vendite dell’e-commerce e impostare strategìe di sviluppo basate su previsioni e non su semplici intuizioni» spiegano Giuseppe Lombardo e Liberato Strazzullo, rispettivamente Ceo e CIO di IEM -«Il dato, ormai, è l’elemento strategico che, se viene ben interpretato e processato, può determinare la crescita di una azienda nell’affollato ambiente dell’e-commerce».

Una esigenza più che motivata dai numeri. Oggi, dopo due anni di emergenza pandemica, le aziende italiane hanno toccato il 65% di vendite attraverso l’e-commerce, contribuendo alla crescita esponenziale del fatturato mondiale che ha ormai raggiunto i 3,8 miliardi di euro. Per questo l’ausilio di competenze e soluzioni in grado di ‘leggere’ attraverso i dati le tendenze del mercato di riferimento, è diventata una priorità.

IEM è la piattaforma, attivabile su tutti gli e-commerce, che consente all’azienda di migliorare, da un lato, le performance economiche e dall’altro, l’esperienza di acquisto dei clienti. Non solo: è un consulente strategico virtuale in grado di correggere le scelte operative e finanziarie applicando sempre un sistema di valori e principi morali relativi alla raccolta, all'uso e alla condivisione responsabile dei dati.

In più aggrega le informazioni relative alle vendite dello store digitale e del negozio fisico, ai clienti ed ai loro comportamenti, alle attività di advertising, alle performance generate sui marketplace come Amazon o eBay ed a quelle relative alle diverse azioni di marketing. Tutto questo in un’unica fonte di verità sempre aggiornata.

IEM consente inoltre di accedere a report quotidiani, settimanali e mensili disponibili anche nell’app mobile, differenziati per profilo, che analizzano le performance per area di competenza e che forniscono consigli su come migliorarle. La piattaforma, oltre alla produzione di reportistica direzionale sintetica, consente il monitoraggio e l’analisi in tempo reale di ogni aspetto del business permettendo di agire sulla marginalità, sul tasso di conversione, sulla retention e sul miglioramento del ritorno degli investimenti pubblicitari. Tra gli altri indicatori di primaria importanza, figura la relazione azienda-cliente, dalla sua acquisizione alla frequenza dei suoi acquisti, intercettando finanche quei clienti ‘dormienti’ per attivare strategìe di recupero.

Related Articles Around the Web
Ti potrebbe piacere anche

I più letti