(Logitech)
Tecnologia

Gli oggetti tech più venduti in quarantena, boom per le webcam: i 5 modelli top

Vendite in crescita del 300% per le piccole camere digitali utili per videoconferenze e creare contenuti per le piattaforme social

L'impennata degli smart worker, dipendenti che con l'emergenza sanitaria e relativo lockdown hanno continuato a lavorare tra le pareti casalinghe, registrata negli ultimi due mesi ha aiutato il sofferente mercato hi-tech che, a fronte delle drastiche contrazioni di vendita per smartphone e tablet, si è difeso in parte con la riscoperta di dispositivi di nicchia e di qualche altro oggetto che si pensava fosse destinato a una rapida fine. Uno di questi è sicuramente la webcam, finita un po' nel dimenticatoio a differenza della versione action-cam, che conta su tanti estimatori attratti dalla voglia di filmare i momenti da ricordare legati alle attività outdoor. Con il forzato isolamento e la trasformazione della casa in ufficio, la webcam è stata uno degli oggetti più ricercati del panorama tecnologico, con i dati di Gfk che stimano vendite in crescita del 297% nel periodo compreso tra il 9 marzo e il 5 aprile.

(Midland)


L'aumento delle richieste unito alla scarsità delle scorte in magazzino (impossibile prevedere il boom dopo anni di vendite in discesa) hanno provocato un rapido sold out, risolto per ora solo in parte. Pur avendo smartphone all'ultimo grido e laptop di medio livello, ci si potrebbe domandare perché serva acquistare una webcam. E la risposta è semplice, poiché chi ha dovuto fare i conti con video di bassa qualità, immagini a scatti e volti buoi o poco riconoscibili si è reso conto che gli obiettivi integrati, almeno in questo periodo scandito da chiamate e conferenze video, non sono più sufficienti. Per aiutare a scegliere chi è a caccia di una webcam, quindi, abbiamo selezionato cinque modelli diversi per qualità, funzionalità e prezzi, considerando fattori base come la risoluzione, il campo visivo e il microfono integrato.

TP-Link C200

Iniziamo con un consiglio a chi guarda soprattutto al prezzo, che può trovare una buona soluzione con la videocamera Tipo C200 di TP-Link, concepite per la sorveglianza domestica ma adattabili all'esigenza di smart working. Dimensioni minime, facilità di collegamento a pc desktop e al notebook, riprese con risoluzione Full HD e audio bidirezionale per dialogare con l'interlocutore senza dover ricorrere a un secondo dispositivo, sono alcune delle caratteristiche del modello che supporta l'assistente virtuale Amazon Alexa e si può acquistare al prezzo di 39,90 euro.

Midland W199

L'azienda statunitense che ha rifornito per decenni ricetrasmittori all'esercito americano, cui si deve la progettazione del primo walkie-talkie LPD (cioè a breve raggio) e che oggi conta più di 15 consociate europee controllate dal quartier generale di Reggio Emilia, ha in catalogo uno dei migliori modelli nel rapporto qualità-prezzo. La W199 offre una risoluzione da 1280 x 720 pixel, riprese a fuoco fino a 20 millimetri e microfono incorporato. Dotata di una clip per fissarla al bordo superiore del monitor, è in vendita a 47,90 euro.

Razer Kiyo

Come intuibile dal nome del produttore, questa webcam nasce per soddisfare le esigenze dei videogiocatori che trasmettono online le proprie sfide ma si può e si deve sfruttare anche per assistere a presentazioni e partecipare a riunioni virtuali. Compatta nel caratteristico corpo rotondo, è in grado di illuminare scene buie grazie anche alla regolazione dell'intensità e permette diversi modalità d'uso: si può agganciare al display del computer, fissarla su un cavalletto o mantenerla in verticale per le inquadrature dal basso verso l'alto, utili quando ci si parla tramite pc. Dotata di microfono interno e con risoluzione Full HD a 30 fps, è compatibile con tutti i più popolari programmi per videoconferenze, dove assicura un'ottima visuale (con angolazione di 81 gradi), ma supporta solo i dispositivi con sistema operativo Windows. Costa 109,90 euro.

Logitech StreamCam

Ha collezionato premi perché è tra le migliori webcam per lo streaming live e per creare contenuti, quindi adatta a chi punta a lanciare un canale personale su YouTube e condividere clip sulle piattaforme social. Garanzia di qualità grazie anche alle registrazioni a 1080p a 60 fps, campo visivo di 78 gradi e doppio microfono integrato per audio stereo, conta su un sistema di messa a fuoco automatica e riconoscimento del viso, inoltre ha diverse opzioni software per affinare i video e la porta USB-C che velocizza la trasmissione dei dati. Per averla servono 159 euro.

La sorpresa Canon

Chi possiede una fotocamera Canon può anche evitare l'acquisto perché l'azienda di Tokyo ha realizzato un software che permette di utilizzare alcune macchine fotografiche come webcam USB. Merito di Canon EOS Webcam Utility, ancora in versione Beta ma funzionante e compatibile con i programmi per le videochiamate. Supporta al momento fotocamere mirrorless e della linea PowerShot ed è facile da installare: basta scaricarlo e collegarlo al pc col cavo USB per unirsi agli amici e colleghi riuniti online. Tuttavia per ora è una soluzione attiva solo negli Stati Uniti e con i dispositivi basati su Windows.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti