Viaggiare con stile
Canali
Viaggiare con stile
Tendenze

Viaggiare con stile

La moda si lascia sempre più sedurre da terre lontane, contaminata da trend metropolitani, per creare un guardaroba adatto all'uomo moderno e globe trotter che cerca comodità e sofisticazione casual

Moda e viaggio, un binomio profondamente legato, a cominciare dall'aspetto creativo e ispirazionale, con la moda sedotta da terre lontane, contaminata da spunti esotici e da trend metropolitani transnazionali, per arrivare a definire, negli anni Duemila, i termini 'globe trotter' e 'nomade' quali irrinunciabili perni su cui far ruotare i guardaroba di brand e stilisti.

Un po' perché l'e-mozione già di per sé fa venire in mente il movimento emotivo, e poi perché la visione estremamente energica e dinamica della vita urbana contemporanea comporta il perenne vivere (o raccontare) viaggi fisici o evocativi, ed estende il concetto di performare allo spostamento e all'azione.

Ed è su questa profonda unione dello stile all'interno del viaggiare che le categorie di settore hanno trasceso i loro ambiti, l'abbigliamento sportivo e quello sartoriale ad esempio, rimescolandosi in continuazione, coadiuvati dallo sviluppo delle tecnologie.

Per vivere le proprie avventure, sul lavoro e durante gli impegni pubblici, nel tempo libero e nella vita privata, l'uomo moderno richiede alle collezioni moda e ai capi che accompagnano il suo diario quotidiano qualità imprescindibili di comodità e capacità ibride, multifunzionalità e stratificazione, in un nuovo mix sofisticato casual, a preferenza, dai tagli impeccabili oppure in modalità loungewear.

Lo spirito di questo uomo viaggiatore, libero e avventuroso, con un abbigliamento desiderato quale ponte tra le culture, è uno dei cardini del dialogo odierno più sincero tra il mondo della moda e i suoi fruitori, abituati in questi ultimi anni a fondere quotidianità privata e pubblica, insieme a frequentazioni nel mondo dello sportswear.

Il dress code invernale lascia spazio alle sperimentazioni sartoriali in chiave performante, a nuove armature outerwear pronte per ogni evenienza meteorologica e con imbottiture ultraleggere, a giacche trasformiste abbinate a pantaloni a metà fra lo stile e la praticità con sotto o sopra camicie over-shirt e over-jacket, a comodi set in maglia che diventano addirittura coperte per i viaggiatori più avventurosi (e rilassati), concludendo con accessori in metamorfosi adattabili alle nuove sfide della vita quotidiana.

Canali e Zegna, due nomi che rappresentano il paradigma della sartoria italiana di lusso e dell'eleganza maschile, sono un esempio della tradizione che punta anch'essa sull'innovazione, sempre con una meticolosa attenzione ai dettagli e all'utilizzo di materiali di altissima qualità, offrendo oltre ai servizi esclusivi 'su misura' e ai capi prèt-à-porter presentati durante le sfilate, nuove capsule collection e linee dedicate a vivere la sartorialità secondo un approccio contemporaneo.

«Canali Travels with 80N8» è una speciale capsule disegnata da Li Gong, stilista laureato in Moda maschile presso l'istituto Central Saint Martins di Londra e vincitore dell'LVMH Grand Prix Scholarship, inserito da Forbes China tra i 10 designer asiatici Under30 emergenti. La sua visione energica della vita urbana e della giovinezza regala tecniche di taglio dei modelli e proporzioni armoniche che trascendono le categorie di abbigliamento sportivo e sartoriale, rimescolandole.

I viaggi di Marco Polo e le sue avventure romantiche e appassionate attraverso montagne, fiumi, nazioni e culture in cui l'Oriente e l'Occidente si incontrano e si mescolano in modi sorprendenti, diventano l'ispirazione attuale dello spirito nomade ed elegante del mondo contemporaneo e riflettono sulla coesistenza delle culture italiana e cinese all'interno delle creazioni di questa capsule firmata con l'immagine del gatto Cafra (simbolo di Canali negli anni Cinquanta).

Il guardaroba comprende undici look con abiti e giacche protagonisti, coadiuvati da felpe, polo, capi di maglieria ricamati, jeans e altri pezzi chiave outerwear di tendenza adatti alle esigenze di un viaggiatore cosmopolita: il simbolico Gatto Cafra è trasformato in un moderno Marco Polo, in sella a un cavallo, in barca o in auto, mentre viaggia attraverso il mondo.

Mocassini con suole trasparenti, sneaker colorate, borse e valigie colorate, berretti da baseball ispirati alle decorazioni dei copricapi dei funzionari della dinastia Yuan così come un antico borsello portamonete, aiutano l'attrattiva della ricca narrazione fra Canali e 80N8.

Ermenegildo Zegna affida alla linea Z Zegna la declinazione estrema del comfort e della funzionalità high tech per un nuovo concetto di leisurewear che fonde quotidianità privata e pubblica, sotto la direzione artistica di Alessandro Sartori.

I capi si trasformano e diventano ibridi e multifunzionali, privilegiando il loro aspetto funzionale che pervade l'intera collezione allineata con borse da viaggio voluminose, scarpe con suole in gomma ultraleggera, cappelli protettivi e coperte avvolgenti che invitano ad un naturale senso di agio che pervade tutti i look.

Tecnologie all'avanguardia e design avveniristico progettano i caldi piumini ultraleggeri dalle imbottiture anatomiche ottenute con materiali riciclati, e i capi outerwear multi-tasca realizzati in lana techmerino con dettagli termosaldati.

Le lane e filati rigenerati con finiture impermeabili aiutano a trasformare i cappotti in capispalla molto performanti e il taglio del nuovo completo evolve in giacche cardigan abbinate a pantaloni fluidi e camicie dalle proporzioni abbondanti.

Anche la collezione maschile della Maison Etro riconsidera e ridefinisce il proprio ruolo nei confronti del consumatore di oggi, ricercando quel senso di libertà che rompe le regole tradizionali a favore di un nuovo vocabolario estetico, fresco e immediato, fatto di pezzi speciali da mixare fra loro con una certa dose di spensierata sfrontatezza.

Le barriere tra il giorno e la sera cadono, mentre funzione ed estetica si fondono, sotto la maestria di Kean Etro, direttore creativo della linea uomo, dove però campeggia sempre il logo Pegaso e il motivo Paisley, icone della casa.

Impeccabili blazer con dettagli rubati alle divise degli ufficiali e cappotti vestaglia preziosi sono indossati sopra colorate anorak e maglie in lana riciclata oppure camicie dai colletti in tessuti d'archivio.

Bomber e maxi felpe offrono allo streetstyle di entrare in collezione in maniera più dirompente, insieme a pantaloni in denim stampato con motivi cashmere e agli accessori come sneaker patchwork allacciate con stringhe in colori fluo, zaini e borse a tracolla multidecorati.

Dedicata alla incessante energia metropolitana, la collezione di Angela Missoni accompagna l'uomo moderno nei suoi viaggi e nello stile di vita dinamico, fra giorno e notte, con pezzi morbidi comodi e funzionali e completi eleganti e rilassati, trasformisti e sovrapponibili agli altri capi del look.

I pezzi forti della maglieria, lavorati come capospalla, si alternano alla camicia imbottita e alla felperia dotata di cappucci. I colori prendono spunto dalla natura, principalmente basati sulle tonalità dei blu, inchiostro royal e navy, affiancati da bordeaux e oliva, mantenendo le tradizionali grisaglie e le nuance luminose fra cammello e giallo.

Spinto a sfidare i vincoli del nostro tempo, il direttore artistico Kris Van Assche di Berluti collabora con il video regista Antoine Asseraf e il consulente creativo Yoann Lemoine (Woodkid) per rappresentare il dialogo tra il mondo umano e materiale e il suo aspetto digitale.

La collezione di abbigliamento si ispira al lavoro dell'artista russo residente a Berlino Lev Khesin, i cui colori e texture si adattano alle tecniche e fabbricazioni della Maison, caratterizzata da silhouette sartoriali flessibili e adattabili ai codici workwear e dello sportswear, secondo uno styling destrutturato e rilassato.

I completi sono realizzati in color block attraverso la palette di colori dell'artista e permettono di mescolarsi con altri componenti del guardaroba per un look multicolor.

La colorazione simbolo delle scarpe Berluti, la patina, si evolve su giacche in pelle tinte e sbiadite a mano, mentre cappotti, giacche e pantaloni interpretano le opere di Khesin.

Scarpe e borse richiamano la fluidità della collezione e adottano la stessa tecnica degli indumenti per rafforzare il codice di abbigliamento moderno tra sportivo e formale.

Eduardo Miera

Il viaggio nomade per antonomasia è insito nel dna del marchio Alanui che esplora racconti e artigianalità etniche in viaggio per le americhe, dal nord fino alla Patagonia.

Per la stagione autunno/inverno 2021 in specifico si apre una road-trip sulla Panamericana, che dagli Stati Uniti conduce fino al Sud America. Sono le Ande e lo straordinario deserto di Atacama i paesaggi dominanti, caratterizzati dall'alpaca e da colori sgargianti.

Dress code centrale di questo viaggio sono i caldi e comodi set in maglia: i maxi cardigan icona, jogger in cashmere e shorts abbinati a maglie girocollo coordinate, camicie in flanella indossate con pantaloni sportivi dal taglio asciutto.

Lavorazioni speciali, gli effetti tie dye mixati con le lavorazioni Aran e i motivi leopardo assistono il mood andino, per un risultato assolutamente unico, anche grazie alle scelte strategiche dell'accessorio: meravigliose sciarpe e coperte, caldi cappelli e guanti, slipper e mocassini etnici disegnati in collaborazione con Suicoke.

From Your Site Articles
Ti potrebbe piacere anche

I più letti