Salute

Altro che Viagra, meglio il ginseng

Dalla Corea del Sud arriva uno studio che potrebbe rivoluzionare le terapie contro l'impotenza maschile

Radici di ginseng, pianta molto diffusa in Oriente. Credits: Getty Images

Dopo il successo della prima ora, adesso il Viagra potrebbe vivere momenti di crisi. Proprio così, la pillola blu, potente alleato degli uomini sotto le lenzuola, potrebbe essere presto sostituita, con il ginseng. A dirlo sono alcuni ricercatori dell'Università di Yonsei, nella Corea del Sud, che hanno pubblicato uno studio sul Journal of Impotence Research . Secondo gli esperti, l'assunzione regolare della pianta, usata finora come eccitante, ultimamente e sempre più spesso insieme al caffè, può portare miglioramenti negli uomini con disfunzioni erettili.

Le capacità della pianta sarebbero state testate su 119 uomini, ai quali sono state somministrate bacche di ginseng coreano quattro volte al giorno per 2 mesi. Sui pazienti, che presentavano problemi di impotenza da lievi a moderati, sono stati notati miglioramenti significativi, specie rispetto al gruppo di volontari ai quali erano invece state somministrate pastiglie di placebo. A confermare i benefici del ginseng sarebbero anche gli esiti degli esami sui livelli ormonali e di lipidi nel sangue di tutti coloro che si sono sottoposti allo studio: per nessuno sono stati evidenziati effetti collaterali. Da qui le conclusioni degli scienziati dell'Università di Seul: "Il ginseng coreano migliora tutti gli ambiti della funzione sessuale. Può essere usato come alternativa ai farmaci per migliorare la vita sessuale maschile".

Una scoperta, quella coreana, che ora potrebbe aprire la strada a nuove tendenze. La pianta di ginseng, infatti, finora è stata usata soprattutto per migliorare lo stato di salute generale delle persone, uomini e donne. La medicina cinese, però, ne riconosce il valore di potente afrodisiaco da molto tempo. La radice, di origine asiatica, agisce infatti come tonico negli stati di affaticamento psicofisico. Il nome botanico è Panax ginseng, come a significare che si tratta di un rimedio per qualsiasi problema. Se fosse un grado di sostituire o migliorare gli effetti di Viagra, Cialis e Levitra, si tratterebbe di una vera piccola rivoluzione, anche perchè le pastiglie in circolazione non riescono a far ottenere i risultati sperati nel 30% delle persone che le assumono.

Qualche dubbio, tra gli esperti del settore, resta, soprattutto relativo all'uso del ginseng come unica "terapia" alla disfuzione erettile. Se il ginseng rosso, infatti, è un noto vasodilatatore, che migliora l'afflusso del sangue e la circolazione, i problemi di erezione possono essere causati anche da altri fattori, come nel caso di problemi ai testicoli.
Resta comunque l'impiego del ginseng e la sua sempre maggiore diffusione, anche nei nostri bar, dove è ormai frequente trovare il caffè al ginseng. Nel 2010 una delle più note marche di produttori di caffè istantaneo ha persino ottenuto il riconoscimento di "Prodotto dell'anno" dai consumatori. Solitamente contiene latte, zucchero, sciroppo di glucosio, addizionati di caffè (in minima parte, dal momento che c'è già il ginseng come stimolante) e il ginseng, appunto. Sempre più diffuso, è sconsigliato a chi soffre di problemi di insonnia grave, ipertensione e in chi assume anticoagulanti o cortisone, oltre che nelle donne in gravidanza e nei bambini.

© Riproduzione Riservata

Commenti