Politica

Legge elettorale: cosa succede dopo lo stop al Testo Base

Ritirato l'Italicum bis ora dovrà essere presentato un nuovo testo. Si allungano i tempi di approvazione. Emanuele Fiano è il nuovo relatore

Senato

L'aula di Palazzo Madama sede del Senato - Roma, 5 aprile 2017 – Credits: ANSA/ MAURIZIO BRAMBATTI

Si apre una nuova fase di incertezza e contrapposizione sulla legge elettorale: il testo base presentato giovedì dal relatore Andrea Mazziotti è stato ritirato il 16 maggio in tarda serata, vista la contrarietà di Pd, Lega, Ala, Svp e DirIt. A questo punto si allungano i tempi di approvazione della legge, sia per ragioni procedurali, sia per le contrapposizioni politiche, a cominciare da quale partito esprimerà il relatore.

- LEGGI ANCHE: Cosa conteneva il testo base
- LEGGI ANCHE: Legge elettorale, il cammino verso la sua definizione

Cosa è successo - La Commissione doveva approvare il testo base, vale a dire la piattaforma su cui poi i gruppi potevano presentare gli emendamenti. Vista la divaricazione delle posizioni, Mazziotti aveva proposto un testo minimalista che estendeva l'Italicum dalla Camera al Senato: un proporzionale seppur con premio alla lista che supera il 40%. Il Pd punta ad un sistema più maggioritario, in particolare ad un Mattarellum rivisto, con il 50% dei deputati eletti in collegi uninominali e 50% con metodo proporzionale. Su questo sistema ha trovato l'adesione di Lega, Ala, Svp, Ala e DirIt: in tutto 26 voti su 49 della Commissione. Per il testo Mazziotti M5s, Fi, Ap e i piccoli partiti, mentre Mdp e SI erano per l'astensione.

I Dem avrebbero comunque potuto dare un sì tecnico al testo Mazziotti per poi presentare come emendamento la propria controproposta, cosa che avrebbe permesso di rispettare il timing deciso. Invece i Dem hanno deciso di votare subito contro il proporzionale per evitare ambiguità.

Il nuovo relatore - Mazziotti, vista la contrarietà di Pd e degli altri ha ritirato il testo base: "non ho intenzione di andare avanti con un testo contro il partito di maggioranza relativa, non sono un incosciente". Si è infatti dimesso e ha lasciato l'incarico a Emanuele Fiano, capogruppo Dem in Commissione. Uno dei compiti del relatore è presentare il testo base e questo vale anche per la controproposta di testo base del Pd, del Mattarellum modificato. Verranno quindi lasciati alcuni giorni ai gruppi per presentare gli emendamenti.

I tempi più lunghi - L'obiettivo di portare la legge elettorale in Aula il 29 maggio diventa allora più problematico visti i tempi stretti. "Se avessimo adottato il testo Mazziotti - ha osservato oggi Alfredo D'Attorre (Mdp) parlando con Fiano e i giornalisti alla Camera - i tempi sarebbero stati stretti, cosi' diventano strettissimi. Il Pd ci ha bloccato per 4 mesi con il suo congresso, non può pretendere che ora si voti allo schiocco di dita di Renzi". Ma il segretario Dem ritiene invece esattamente il contrario e cioè che siano i piccoli a voler frenare, cosa che, ha detto in una riunione, "sarebbe uno sgarbo al Presidente Mattarella".

© Riproduzione Riservata

Commenti