Complimenti per la connessione Rai 1
Ufficio Stampa
Complimenti per la connessione Rai 1
Televisione

Complimenti per la connessione: il web spiegato da Nino Frassica

La serie è ambientata nell’universo di Don Matteo. Nel cast ci sono anche Simone Montedoro e Francesco Scali

Dalle lezioni d’italiano con il Maestro Alberto Manzi alle lezioni di Internet affidate a Nino Frassica. S'intitola Complimenti per la connessione la nuova serie di Rai 1 al via da lunedì 11 luglio - venti puntate da sei minuti l'una in onda alle 20.30 subito dopo il telegiornale - un vero e proprio spin off ambientato nell'universo di Don Matteo e prodotto da LuxVide. L'obiettivo della mini fiction? Piuttosto ambizioso, visto che si punta a incoraggiare l'utilizzo di internet e a prendere dimestichezza con i rudimenti di web. 

Complimenti per la connessione, Nino Frassica protagonista della fiction
Sarà un viaggio divertente e istruttivo alla scoperta dell’universo web e della navigazione su internet Complimenti per la connessione - titolo volutamente ironico che vuole veicolare un messaggio d’inclusione rivolto a tutti coloro che con curiosità si lasceranno affascinare dal mondo della Rete - con i telespettatori guidati tra da una tripletta di attori amatissimi dal pubblico di Don Matteo: i protagonisti dell'insolita serie saranno infatti Nino Frassica (nei panni del celebre Maresciallo Cecchini), Simone Montedoro (il Capitano Tommasi) e per finire Francesco Scali (il mitologico Pippo), che direttamente dalla Caserma della serie tivù di Rai 1 campione di ascolti racconteranno in modo semplice le tecnologie moderne.

Venti puntate alla scoperta del web
Videochiamate, i social network, e-mail, chat e applicazioni. Lo scopo di Complimenti per la connessione è “l’inclusione”, in altre parole incoraggiare tutti quelli che hanno difficoltà a mettere le mani su un tablet o su uno smartphone a trovare stimoli per cominciare a prendere confidenza con quelle operazioni semplici che sono ormai parte della vita di tutti i giorni. Abbattere il temibile "digital divide", il divario tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi ne è escluso - visto che, dati alla mano, il 37% degli italiani (oltre 22 milioni di persone) non usa internet. "Attraverso questa serie si vuole invogliare quella grande fetta di popolazione che ha poca dimestichezza con il mondo del web a prendere familiarità con alcuni termini di base entrati ormai a far parte del nostro lessico quotidiano, parole come hashtag, streaming, oppure on demand", spiegano i produttori e Rai Fiction

 

Ufficio Stampa
Ti potrebbe piacere anche

I più letti