Vanessa Incontrada
Ralph Palka
Vanessa Incontrada
Televisione

Anna e Yusef, la miniserie con Vanessa Incontrada: 5 cose da sapere

In onda il 7 e l'8 settembre su Rai 1. In scena una storia d'amore di una coppia multietnica, fra Italia e Tunisia

Romeo e Giulietta dei giorni nostri

Si chiama Anna e Yusef la nuova miniserie di Rai 1 che andrà in onda il 7 e l'8 settembre. Diretta da Cinzia TH Torrini, presenta una storia d'amore fra Italia e Tunisia, di una coppia multietnica, lei italiana, interpetata da Vanessa Incontrada, lui tunisino, Adel Bencherif.
Il loro amore, come moderni Romeo e Giulietta, è contrastato da famiglie e società. A Trento, dove vivono, la madre di Anna non approva il loro matrimonio imminente. L'armonia della coppia però non è rotta dal confronto fra culture: per un errore giudiziario Yusef (Bencherif) è costretto a tornare in patria. Anna (Incontrada) e la loro figlioletta Nadira lo seguono. Anche a Tunisi, i genitori di lui si oppongono alle nozze che comunque non vengono celebrate perché l'uomo sparisce quando scoppia la primavera araba e viene dato per morto. Disperata, Anna si imbarca su una carretta del mare insieme a altri profughi per tornare in Italia. I tre riescono alla fine a ritrovarsi e vivere insieme nel nostro Paese.

L'attualità, dalla primavera araba ai barconi

Tante le tematiche d'attualità toccate da Anna e Yusef: stranieri integrati e immigrati clandestini, pregiudizi e accoglienza, incontro e scontro fra culture, primavera araba, caporalato, traffici e barconi di migranti.
"Mi auguro che chiunque vedrà questa miniserie si senta coinvolto non solo dalla storia d'amore ma anche dalle tematiche sociali come il confronto fra culture diverse e i conflitti che ci sono stati durante la primavera araba in Tunisia", dice Vanessa Incontrada. "Nella scena che abbiamo girato in mare per raccontare la traversata di Anna e sua figlia abbiamo io e il resto del cast insieme ai tecnici e la regista avuto la paura che la barca si rovesciasse. Per il forte coinvolgimento ho avuto una crisi di pianto".
L'idea del soggetto, come ha raccontato la produttrice della miniserie Paola Lucisano, è partita da unimmagine vista al telegiornale: una donna occidentale, bionda, che insieme al suo bambino era a bordo di una nave carica di profughi dopo la rivoluzione in Tunisia.

Un ponte tra culture

"Quella di Anna e Yusef è una storia che sta addosso all'attualità", ha dichiarato Eleonora Andreatta, direttrice di Rai fiction. "Oltre al tema della famiglia e delle diverse culture c'è anche quello della tragedia dei clandestini, del caporalato e ovviamente della Primavera araba".
Il messaggio che vuole trasmettere la miniserie è nelle parole della regista Cinzia TH Torrini: "La creazione di un ponte fra le due sponde del Mediterraneo, contro i pregiudizi".

Il set a Tunisi

Molte delle scene sono state girate a Tunisi, "dove abbiamo trovato molta professionalità ed esperienza nella organizzazione cinematografica", racconta Vanessa Incontrada. "Ho vissuto esperienze bellissime, come conoscere il loro rituale matrimoniale". 
Sul suo rapporto col compagno di set Adel Bencherif: "È stata la prima volta che ho girato con una persona che recitava in una lingua diversa dalla mia. All'inizio non era facile, ma tra noi c'è stata una grande complicità, un amore del tutto innocente... non ricamateci sopra", aggiunge sorridendo. 
Del suo personaggio anticipa: "Anna è una persona non pretenziosa e innamorata, vorrebbe la felicità e una vita serena. Ha trovato la sua metà e nel momento di difficoltà, continua a credere nel loro legame. L'amore è lottare e costruire insieme, anche se a volte non la si pensa  allo stesso modo".

Il binomio vincente

Quello tra Vanessa Incontrada e Cinzia TH Torrini è una coppia di grande successo per la Rai: l'anno scorso hanno infatti regalato grandi numeri con Un'altra vita. Allora l'attrice e conduttrice di origini spagnole interpretava Emma, una donna moglie e madre capace di rinascere dopo l'arresto del marito.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti