Ansa
True
Politica

Domani Conte «a processo» per gli 007. Ma pure il dem Pittella deve dare spiegazioni

  • Domani Giuseppe Conte risponderà al Copasir. Ma si complica anche la posizione del senatore dem, che è stato nel cda della Link. Altro che «conoscente», il maltese era il suo capo.
  • Le motivazioni della condanna all'ex capo di Confindustria Sicilia ricostruiscono i suoi legami con l'Aisi. Sotto osservazione le bugie dei renziani Mario Parente e Valerio Blengini.

Lo speciale contiene due articoli

Il giudice del caso Montante accusa gli 007 nominati dal Bullo: «Hanno mentito»


Ai tempi in cui il Rottamatore era premier i vertici dell'Aisi, il servizio segreto che si occupa della minaccia interna, si sono arrampicati sugli specchi per confondere i giudici sul sistema di protezione e sulla rete di relazioni su cui poteva contare Antonello Montante, il professionista dell'antimafia ed ex numero uno di Confindustria in Sicilia, condannato con rito abbreviato a 14 anni di carcere il 10 maggio scorso. L'ipotesi è ora ricostruita in una sentenza di 1.700 pagine, che contiene anche i nomi delle barbe finte raccomandate da Montante. L'ha trasmessa alla Procura il gup di Caltanissetta, Graziella Luparello, con la specifica richiesta di approfondire le dichiarazioni di Mario Parente, messo dal Bullo a capo dell'Aisi, e del suo vice Valerio Blengini (per circa un decennio capocentro dei nostri 007 a Firenze e promosso da Renzi mentre era a Palazzo Chigi) che, sentenzia il giudice, «mentono sapendo di mentire».

Al centro del caso c'è un capo reparto dell'Aisi, Andrea Cavacece, imputato nell'altro troncone del processo Montante che è attualmente in corso con rito ordinario davanti ai giudici del tribunale. Lo 007 è accusato di aver girato all'ex direttore dell'Aisi Arturo Esposito notizie sull'indagine a carico del colonnello Giuseppe D'Agata, ex capo della Dia di Palermo poi passato ai servizi segreti. Un investigatore che, dopo aver indagato sull'ipotizzata trattativa Stato-mafia, era diventato fedelissimo di Montante. Ed è solo uno degli episodi che, per dirla come il giudice, ha reso «particolarmente impervia l'attività di investigazione, a causa del trasudamento di notizie segrete che, in maniera inizialmente inspiegabile, riuscivano a raggiungere i diretti interessati».

Ma è impervia anche la ricostruzione di quelle fughe di notizie. Per provarci il giudice torna indietro al 2015, quando Blengini fu costretto a spiegare ai magistrati che «durante un incontro con personale dello Sco (il Servizio centrale operativo della polizia di Stato, ndr) per gli auguri di Natale, a un collaboratore dell'Aisi erano state chieste informazioni su D'Agata, tanto da indurlo a ritenere che vi fosse un'attività investigativa sul colonnello». A quel punto Blengini chiese chiarimenti al questore di Caltanissetta, Bruno Megale: «Gli chiesi conferma se avesse notizia di un'indagine su D'Agata perché bisognava valutare l'opportunità di trasferirlo in Sicilia». Ma il questore chiuse ogni discussione. E Blengini confermò alle toghe: «Si trincerò in un silenzio imbarazzato, mi rappresentò solo l'inopportunità di trasferire D'Agata in Sicilia». Blengini, «attivato per esplicita direttiva del generale Esposito», arrivò già troppo informato e forse proprio per questo si beccò un «niet». In più finì in una relazione di servizio con cui Megale mise agli atti la vicenda. A Esposito subentrò Parente. E davanti ai giudici ha retto il gioco del suo vice, precisando che la notizia raccolta alla cena di Natale era «indeterminata». Ma è su quel termine che scivola Parente. Secondo il giudice, «se, come sostenuto dai due appartenenti ai servizi segreti, l'informazione loro pervenuta sulla possibile indagine sul conto di D'Agata fosse stata veramente così generica, non si comprende il senso dell'iniziativa esplorativa condotta presso la squadra mobile nissena, in quanto, in assenza di dettagli sull'oggetto dell'indagine, non era neppure possibile supporre la commissione di reati funzionali da parte di D'Agata, tali da agganciare l'indagine, presunta, ai luoghi di pregresso servizio dello stesso».

Perché andare proprio a Caltanissetta a cercare notizie? Secondo il giudice «nell'articolazione dichiarativa di Blengini e Parente si assiste allo scollamento logico tra l'azione compiuta e la giustificazione addotta». Il giudice un'idea se l'è fatta. E la esplicita così: «È convincimento di questo giudice che Cavacece avesse assecondato il direttore Esposito, al quale D'Agata stava particolarmente a cuore, nel proposito di preservare quest'ultimo dall'indagine, e che, una volta scoperto tale retroscena grazie alla relazione del questore Megale, non rimaneva altro che imbastire una pseudo giustificazione istituzionale, nell'ambito di un patto scellerato al quale potrebbe aver aderito, lo si afferma con grande desolazione, anche l'attuale direttore dell'Aisi, il generale Mario Parente».

Ma è anche sugli «addentellati di cui godeva Montante» che si concentra il giudice. Oltre agli «ottimi rapporti di natura personale con il direttore Esposito», Montante aveva già legato con il suo predecessore, l'ex vicecomandante dell'Arma e poi capo dell'Aisi Giorgio Piccirillo. Pranzi e cene, incontri all'hotel Bernini di Roma, sono documentati nell'agenda di Montante. Così come raccomandazioni per progressioni di carriera con tanto di schede da inviare ai politici di riferimento. E nell'orbita di Antonello da Serradifalco, re dell'antimafia, era finito un'altro 007, Gianfranco Melaragni, ex dirigente superiore della polizia di Stato ora in pensione che, nel periodo degli incontri segnati sull'agenda di Montante, percepiva redditi dalla presidenza del Consiglio dei ministri, il che testimonia, afferma il giudice, che in quel momento Melaragni apparteneva ai servizi di informazione e sicurezza. Così come Mario Blasco, stesso curriculum di Melaragni e stessa posizione sull'agenda di Montante, l'imprenditore attorno al quale, è scritto in sentenza, «si sarebbe eretta una barricata di protezione che gli avrebbe permesso di essere allertato, tempestivamente, dell'esistenza dell'indagine». Una barricata con al centro anche l'Aisi.