Google
Tecnologia

Nexus 4, ecco il primo smartphone con Android 4.2

Realizzato in collaborazione con Lg, il nuovo telefonino di Google offre una dotazione da primo della classe (Lte escluso) ma a un prezzo di partenza decisamente concorrenziale: 299 dollari. Debutterà a metà novembre, ma in Italia lo vedremo più avanti

Proprio nel giorno in cui Microsoft presentava Windows Phone 8 Google - dalle pagine del suo blog - annunciava l’arrivo del suo ultimo telefonino intelligente, il nuovo Nexus 4; non solo l’ultimo discendente dell'ormai popolosa progenie Nexus, ma anche il primo smartphone equipaggiato con la nuova versione di Android, la 4.2 [guarda tutti i miglioramenti del nuovo OS] .

Si scrive Google Nexus 4, ma in realtà si tratta di un terminale costruito da Lg, società che con i suoi ultimi modelli, e in particolare l’Optimus 4X HD , ha dimostrato di sapersi muovere quando si tratta di realizzare device potenti, soprattutto in termini di display e risorse multimediali.

E in effetti, il nuovo Nexus 4 si presenta con una dotazione da primo della classe: display da 4,7 pollici ad altissima risoluzione (320 ppi), processore quad core Qualcomm Snapdragon S4 Pro da 1,5 GHz, batteria da 2.100 mAh, 2 GB di RAM, 8 o 16 GB di memoria flash interna (assente lo slot micro SD), fotocamera posteriore da 8 Megapixel (cui si aggiunge l’obiettivo frontale da 1,3 Megapixel per le videochiamate), WiFi 802.11 b/g/n, Bluetooth, supporto NFC e sistema di ricarica senza fili basato su dock a induzione magnetica (simile nella sostanza, più che nella forma, a quello presentato da Nokia sui Lumia 920 e 820 ).

Il tutto, e qui sta forse la vera novità, a un prezzo di partenza a dir poco competitivo: 299 dollari (le vendite inizieranno online dal prossimo 13 novembre in sette nazioni, Italia esclusa).

Non ci vuole molto a capire quale sia l’obiettivo dei vertici di Mountain View: offrire al mercato uno smartphone capace di fare tutto quello che fa l’iPhone 5 (Lte escluso) ma alla metà del prezzo.

Un’operazione che in questo momento solo Google, forse, può portare avanti senza rischiare il flop.

Seguimi su Twitter: @TritaTech

Ti potrebbe piacere anche

I più letti