Monica Lewinsky con Bill Clinton
(Getty Imagines)
Monica Lewinsky con Bill Clinton
News

Sesso e politica: la classifica degli scandali negli Usa

Lo scandalo che ha coinvolto Anthony Weiner sta facendo riemergere dal passato il Caso Lewinsky. Ma, quali sono stati gli altri love affairs dei politici americani?

Radar on Line è una sito di gossip. L'altro giorno ha scritto che National Enquirer ha una copia di un audio del 1997 in cui Monica Lewinsky invitava Bill Clinton a un appuntamento. L'allora giovane stagista della Casa Bianca parlava al suo presidente con parole esplicite: "Sono molto insistente, ma voglio vederti. Potrei togliermi i vestiti e cominciare a...beh...non ti piacerebbe? Spero di vederti più tardi e spero che seguirai le mie istruzioni e farai quello che voglio..."

L'esistenza della registrazione è venuta fuori dopo lo scoppio della scandalo in cui è rimasto coinvolto Anthony Weiner. Anche il candidato alla carica di sindaco di New York ed ex deputato ha lasciato in giro le sue tracce. Le foto delle sue parti intime spedite via internet, i suoi messaggi infuocati alla giovane con cui aveva una relazione sessuale virtuale compaiono - espliciti - su molti siti: "Cosa hai addosso? Troppi vestiti da togliere? E non mi vuoi proprio dire quale delle mie foto ti piace di più? Vado a farmi una doccia, ti vuoi unire?".

La parole di Anthony Weiner assomigliano a quelle che Monica Lewinsky diceva a Bill Clinton. Ma non è solo questo il gioco di specchi e il collegamento tra i due scandali. Ce ne sono altri. La moglie di Weiner, Huma Abedin è l'assistente di Hillary Clinton, l'allora First Lady. Così come Hillary, anche Huma vuole rimanere accanto al marito nonostante il tradimento. Così come Anthony (che è recidivo), anche Bill Clinton era avezzo a ricadere più volte nell'errore fatto (quella con Monica lewinsky non fu certo la prima scappatella, ma fu il love affair più pericoloso per lui perché rischiò di fargli perdere la presidenza).

Sesso e politica: un binomio sempre all'ordine del giorno negli Usa. Basti pensare alla vicenda che ha coinvolto in questi giorni, Bob Filner,  il sindaco di San Diego, denunciato per aver molestato sette donne. Ma quali sono stati gli scandali sessuali più importanti nella storia americana? Ecco una speciale classifica

I presidenti

Neppure i Padri della Patria furono esenti dal cadere in tentazione. Così non sono stati pochi gli inquilini della Casa Bianca le cui vicende sentimentali e private sono diventate (prima o poi) pubbliche. Thomas Jefferson, autore della Dichiarazione d'Indipendenza e terzo presidente degli Usa, ebbe un figlio da Sally Hemmings, una sua schiava di 17 anni. Alexander Hamilton portò avanti per diverso tempo una relazione con una sua conoscente, scoperta dal marito. Che non la prese bene.

Grover Cleveland (due volte presidente alla fine dell'800) divenne genitore di un figlio illegittimo prima di correre per la presidenza. Venne inventata anche una canzoncina: "Ma, Ma where's my Pa? Gone to the White House, Ha, Ha, Ha..." (Madre, dove è mio padre? E' andato alla Casa Bianca....). Woodward Wilson iniziò una relazione extraconiugale un anno prima della morte della moglie, dopodiché sposò la sua amante.Warren Harding divenne presidente nonostante il fatto che durante la convention repubblicana del 1920, che lo nominò candidato del GOP, venne fuori che aveva una relazione con una donna sposata.

All'inizio degli anni'50 girò la voce che Dwight Eisenhower aveva avuto una relazione con Kay Summersby, la sua autista segretaria, quando era comandante in capo della forze alleate in Europa durante la Seconda Guerra Mondiale. I rumours parlavano anche di una richiesta di divorzio da parte di Ike nei confronti della moglie. Pare che non ci fosse vero nulla. Erano tutte voci fatte girare ad arte dal presidente Truman per bloccare l'ascesa politica di Eisenhower.

Di pubblico dominio invece le avventure extraconiugali di John Fitzgerald Kennedy. "Non abbiamo bisogno di un presidente play-boy" disse un senatore repubblicano durante la campagna elettorale del 1960. Ma dal fascino di JFK si salvarono in poche. Sicuramente non Marilyn Monroe.

I candidati

C'è invece chi ha dovuto rinunciare alla corsa alla Casa Bianca perché "pizzicato". Il più famoso è sicuramente Gary Hart. Sembrava destinato alla vittoria nelle primarie del partito democratico alla fine degli anni'70, ma dovette lasciare perché venne scoperta la sua relazione con Donna Rice, una modella di 29 anni.

Anche un altro astro nascente del partito democratico, John Edwards, promessa della politica statunitense per un paio di tornate elettorali (candidato vicepresidente nel 2004), è "caduto" nel 2008, dopo che è stata scoperta una relazione con un'attrice e produttrice cinematografica. Un anno dopo, nel 2009, Edwards dovrà anche ammettere di essere il padre del bambino della sua amante. La moglie lo lascerà. La donna morirà di cancro un anno dopo. Era malata da tempo.

L'ultimo della lista è Herman Cain. Repubblicano, fiero avversario di Mitt Romeny nelle primarie del 2011, è stato abbattuto da una serie di accuse di molestie sessuali da parte di sue dipendenti negli anni in cui era imprenditore, il Re della Pizza, come veniva chiamato.

I governatori

Il più famoso coinvolto in uno scandalo sessuale è stato Arnold Schwarzenegger, eletto governatore in California come candidato repubblicano indipendente, la cui vicenda sentimentale extra matrimonio è venuta fuori dopo che aveva terminato il suo mandato. Confessare di avere avuto un figlio da un'altra donna (14 anni prima), gli è costato l'unione durata 25 anni con la moglie Maria Shriver. E ogni altro orizzonte politico.

Chi si è ripreso invece dalla sua disavventura è stato l'ex governatore di New York Eliot Spitzer costretto alle dimissioni dopo aver confessato di essere finito in un giro di escort d'alto bordo, messo alla gogna e al bando dalla vita pubblica, per poi rientrarci un paio di anni fa come commentatore televisivo. Ora, Spitzer è pronto a ributtarsi in politica.

Un altro costretto a dimettersi è stato James E. McGreevey, governatore del New Jersey, sposato due volte, con due figli, che lasciò il suo incarico nel 2004 dopo aver ammesso pubblicamente di avere una relazione extraconiugale con un uomo, suo consigliere per la sicurezza interna.

Il Congresso

Il Grande Castigatore, castigato. Newt Gringich nel 1998 decide di dare le dimissioni da Speaker della Camera anche a causa della scoperta della relazione extraconougale che aveva mentre era sposato con la sua seconda moglie. Era stato lui a chiedere l'impeachement contro Bill Clinton per l'affare Lewinsky.

Ed Schrock era stato uno dei deputati che aveva condotto le battaglie più dure contro i diritti degli omosessuali. Si dimise nel 2004 quando divenne pubblica una registrazione in cui chiedeva una prestazione sessuale a un giovane dedito alla prostituzione.

Randall L. Tobias era stato, invece, il responsabile per l'ammnistrazione Bush delle politiche sanitarie e della prevenzione dell'Aids. Sosteneva che i fondi americani per la lotta al virus non avrebbero dovuto essere concessi ai paesi che avevano legalizzato la prostituzione. Rassegnò le dimissioni nel 2007, quando si scoprì che era uno dei clienti di Deborah Palfrey, chiamata la D.C. Madam, la Signora di Washington, una escort di alto bordo.

David Petraues

Prima di Anthony Weiner, era stato protagonista dell'ultimo grande scandalo sessuale americano David Petraeus. Dopo la scoperta di una relazione extraconiugale con la sua biografa, Paula Broadwell, il generale è stato costretto a lasciare il suo incarico di capo della Cia e a ritirarsi a vita privata. Era stato l'Fbi, attraverso il controllo delle mail della donna, a scoprire la tresca di quello che fino ad allora era considerato un eroe americano e un possibile candidato alla presidenza per i repubblicani.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti