Mutui: maximulta Ue al "cartello" delle banche
Sergio Oliverio / Imagoeconomica
Mutui: maximulta Ue al "cartello" delle banche
Economia

Mutui: maximulta Ue al "cartello" delle banche

Otto banche, tra cui Deutsche Bank, SocGen, Rbs, JP Morgan, Citi, Barclays e UBS, truccavano gli indici Euribor e Libor per controllare il mercato dei derivati

Nuova puntata del cosiddetto scandalo Libor. La Commissione Ue ha comminato una maximulta da 1 miliardo e 712 milioni di euro a sei banche per aver creato un "cartello" sul mercato dei derivati, violando così le regole europee della concorrenza. Si tratta della multa più salata mai inflitta dall'Unione europea a società private.

Le banche sanzionate, che "truccavano" i tassi di interesse bancari Euribor e Libor, come riporta il FT,  sono Deutsche Bank, che dovrà pagare un'ammenda di oltre 725 milioni di euro, Société Générale (oltre 445 milioni), Rbs (oltre 391 milioni) e le americane JP Morgan (quai 80 milioni) e Citigroup (70 milioni) e RP Martin (meno di un milione).
 
Si sono salvate, invece, UBS e Barclays: la Commissione ha concesso alle due banche l'immunità totale per aver rivelato l'esistenza di cartelli illegali. Alle sei banche sanzionate, invece, è stato applicato uno sconto per aver collaborato nelle indagini, mentre altre tre risultano sotto esame per la stessa vicenda.

Le manipolazioni del tasso Euribor, a cui sono collegati i mutui variabili, secondo la Commissione Ue, sarebbero avvenute tra la fine del 2005 e la metà del 2008.

Il commissario europeo all'Antitrust, Joaquin Almunia, ha puntato il dito contro "la collusione tra banche che dovrebbero farsi concorrenza" e non ha escluso l'arrivo di altre multe nei prossimi mesi. 

Leggi l'articolo integrale: EU fines six groups including Deutsche and SocGen for rate-fixing

Ti potrebbe piacere anche

I più letti