coppia vaccino
(iStock)
coppia vaccino
Cronaca

Figli e divorzi, quanti problemi per i no-vax

La Rubrica - Lessico Familiare

La terra è piatta. Lo sbarco sulla luna è un fake. L’Australia non esiste. Il Vaticano è una costruzione dei giganti. I vaccini contro il Covid sono un veleno demoniaco.

Queste e altre amenità si diffondono sempre di più grazie alla rete internet che, nata per condividere in tempo reale notizie e informazioni volte ad accrescere la conoscenza, si è fatta portavoce, nel tempo, di think tank stralunati che partoriscono teorie di ogni sorta.

Che poi - diciamocelo - pensare che la terra sia piatta male non fa a nessuno, se non a chi fa scempio della geografia e pensa di vivere ai tempi dell’apostata Galileo.

Così come affermare che Neil Armstrong e Buzz Aldrin fossero figuranti che registrarono un videoclip a Hollywood nel 1969, facendo credere ad un inesistente allunaggio: la vita non cambia né a noi né a loro.

Il problema nasce nell’approccio alla lotta al Covid.

Perché porsi al di fuori di tutte le evidenze del mondo scientifico e sostenere l’effetto venefico di un vaccino che costituisce, all’evidenza, l’unico sistema di contrasto efficace alle continue ondate pandemiche da Covid-19, cambia e cambia parecchio.

Non siamo più nell’alveo della follia innocua, quella che può legittimare ogni credenza, anche la più bislacca, ma entriamo nel campo della responsabilità civica e sociale.

Perché se è vero, come è vero, che la scelta di non vaccinarsi costa agli Stati e alla collettività spese enormi in termine di vite, cure, intasamento dei servizi sanitari, circolazione del virus, varie ed eventuali, allora siamo di fronte a un pensiero che pregiudica tutti.

E se gli Stati sono grandi famiglie, pensate a cosa possa accadere tra le mura domestiche.

I Tribunali sono sempre più intasati da cause promosse da un genitore contro l’altro che chiedono, ed ottengono, l’autorizzazione all’immunizzazione dei figli minorenni.

Questo avviene nei contesti di famiglie già separate e conflittuali, ma c’è un allarme che nasce anche nelle famiglie ancora formalmente unite.

Perché la scelta vaccinale sta diventando il volano per innescare crisi matrimoniali o di coppia.

Se, all’epoca, i dati statistici hanno sfatato le previsioni di un’impennata di separazioni e divorzi post-lockdown, occorrerebbe avere prudenza anche nel vaticinare i medesimi scenari millenaristi legati ai dissidi sui vaccini nei nuclei familiari, così come evocato da alcuni matrimonialisti.

E tuttavia- a logica - non è arduo ipotizzare che il diverso approccio dei due genitori su una scelta così importante legata alla salute dei minori diventi una miccia esplosiva che può costare una crisi irreversibile della famiglia.

Perché la teoria no-vax fa leva su principi difficilmente comprensibili e condivisibili, sicché il genitore pro-vaccino non può che perdere irrimediabilmente la fiducia nella capacità dell’altro a tutelare la salute dei figli, ora e per il futuro.

La patata bollente sta cominciando a trasferirsi sui Giudici d famiglia che, se sull’autorizzazione al vaccino pur senza il consenso di un genitore non hanno mai avuto tentennamenti, ora dovranno esprime una scelta di campo chiara in termine di affidamento e limitazione della responsabilità genitoriale.

Si eccepirà che questo significa entrare a gamba tesa su scelte intime e personali e che questa costituisca un’indebita ingerenza della Giustizia sulla responsabilità educativa, ma così non è.

Gli adulti possono pensarla come meglio credono, possono anche passare i mappamondo sotto un rullo compressore per renderli più piatti di un foglio A3, possono negare l’esistenza dei dinosauri o credere che Bill Gates abbia inventato il Covid per risolvere il problema del sovrappopolamento, ma non devono sacrificare i figli sull’altare dei loro vaneggiamenti perché i bambini si affidano alle loro scelte e lo Stato ha il diritto di verificare se i loro genitori siano, o meno, responsabili e coerenti nelle loro scelte, soprattutto quando riguardano la salute dei loro bambini.

Quindi attenzione genitori No-Vax, questa vostra posizione vi può costare molto più caro che rinunciare al caffè al bar: in ballo c’è il travolgimento della vostra famiglia e persino la compressione dei vostri diritti genitoriali.

info: missagliadevellis.com

Ti potrebbe piacere anche

I più letti