Rai: licenziato Alessandro Di Pietro
Rai: licenziato Alessandro Di Pietro
News

Rai: licenziato Alessandro Di Pietro

Per i vertici di Viale Mazzini sarebbero reali le accuse di pubblicità occulta nel suo programma, "Occhio alla spesa". Il conduttore ha impugnato il provvedimento

Game over per Alessandro Di Pietro. Il conduttore di «Occhio alla spesa» ieri sera è stato licenziato dalla Rai, con lettera di risoluzione del contratto, ad effetto immediato.

Stamattina il suo spazio Occhio alla spesa all’interno di Unomattina non è andato in onda: il conduttore ha fatto sapere di essere «malato» ma la verità è un’altra. Non può più neanche entrare nelle sedi Rai.

Dietro la decisione della Rai c’è la condanna per pubblicità occulta che come aveva rivelato Panorama.it a marzo , l’Agcm (Autorità garante della concorrenza e del mercato) aveva inflitto alla Rai per tre puntate di «Occhio alla spesa» nelle quali il conduttore aveva eccessivamente magnificato una pasta per diabetici. Secondo l’Agcm Di Pietro aveva incassato un compenso dalla società produttrice della pasta (la cifra era omissis). Sembra che l’ufficio legale della Rai  abbia visionato gli omissis della sentenza e quindi abbia preso la decisione di licenziare di Pietro.

Il conduttore elargiva i suoi consigli in Rai dal 2001, prima a Linea verde al mercato e poi a Occhio alla spesa.

Il conduttore di «Occhio alla spesa» Alessandro Di Pietro impugnerà il provvedimento con cui  la Rai ha risolto il suo contratto. Alle 15 di oggi una nota del suo legale Adriano Izzo ha risolto ufficialmente il  «giallo» che stamattina panorama.it aveva già smontato: non è stato solo il malore cardiaco di Di Pietro ad impedire la messa in onda odierna di Occhio alla spesa, il suo spazio su Unomattina, come sosteneva una nota del suo ufficio stampa. Il conduttore non può andare in onda perché l’ufficio legale della Rai gli ha intimato l’altolà. Notizia confermata alle 15,30 dall’Ansa.  Dietro la  decisione della Rai, la  visione del provvedimento con cui l’Antitrust a marzo l’ha sanzionata per pubblicità occulta in tre puntate di «Occhio alla spesa» nelle quali il conduttore aveva eccessivamente magnificato una pasta per diabetici.

Dopo l’articolo di stamattina, panorama.it era stato raggiunto al telefono dall’ufficio stampa di Di Pietro: negava con forza che il conduttore avesse ricevuto l’altolà della Rai, annunciava una smentita, sottolineava che Di Pietro era ricoverato per un malore cardiaco. Sollecitato da Panorama, non svelava però in quale clinica era ricoverato. Un’ora dopo anziché la smentita è arrivata invece la conferma, attraverso la nota ufficiale del legale del conduttore: oltre a impugnare il provvedimento, fa sapere, Di Pietro chiederà un risarcimento danni per il grave immagine di danno arrecato. Di Pietro «respinge con sdegno l’accusa di aver ricevuto denaro per fare pubblicità occulta in tre puntate del suo programma». Il legale precisa anche che il malore cardiaco di Di Pietro non è da collegarsi alle vicende Rai «che gli sono state sottoposte solo oggi».

Ti potrebbe piacere anche

I più letti