La copertina del libro Childfood
Lifestyle

Massimo Bottura e altri grandi chef mondiali insegnano ai bambini a cucinare

Il libro Childfood contiene 23 ricette firmate da nomi di primo piano della ristorazione e pensate per i più piccoli. Per finanziarlo, bisogna preordinarlo su Kickstarter

C'è del gusto già nel nome, un delizioso gioco di parole tra «childhood», infanzia, e il richiamo al cibo: «food». Childfood è un libro di ricette parecchio sui generis perché è molto di più, riesce a muoversi su diversi piani, tutti sorretti da un'idea eccellente.

Per cominciare, coinvolge chef internazionali di primissimo piano, a partire dal nostro Massimo Bottura, passando per l'indiano Gaggan Anand, entrambi veterani della lista dei migliori ristoranti al mondo. Poi, non chiede loro di raccontare i segreti di un piatto che li ha resi celebri, piuttosto di elaborarne uno che possa affascinare, coinvolgere, saziare ed essere preparabile da un pubblico di under, ragazzini tra i 5 ai 13 anni, naturalmente assistiti dagli adulti per limitare i disastri culinari al disordine di utensili e ingredienti.

L'intento di Childfood è proprio questo: scatenare ricordi, creare un momento di condivisione tra grandi e piccoli. Approfondire, raccontare: perché accanto alle ricette, c'è un viaggio nella materia prima principe della pietanza, un'esplorazione narrativa e geografica, una caccia al tesoro da assaggiare. A corredo, un'illustrazione basata su quella storia, firmata da maestri del disegno che hanno lavorato per Walt Disney, Dreamworks e altri templi della fantasia dei bambini. A seguire, alcune pagine da colorare, così chi non ha brillato ai fornelli può rifarsi in un territorio che conosce meglio.

L'idea del volume è di Luca Scarcella, giornalista italiano di base a Los Angeles. Il libro è disponibile in quattro lingue, italiano incluso, ed è acquistabile sulla piattaforma di crowdfunding Kickstarter, cliccando su questo link. Arriverà a domicilio. Sempre su quella pagina, si può sostenere l'iniziativa con un contributo. Oltre a essere un motore della fantasia in cucina, infatti, c'è di più oltre le pagine: «Childfood è un progetto che supporterà due grandi cause benefiche» racconta l'autore. «Grazie alla partnership con Charity:Water, no-profit leader mondiale in progetti di purificazione dell'acqua per le comunità in difficoltà, ogni 5 libri venduti, verrà portata acqua pulita a un bambino in più. Secondo l'Unicef, ogni giorno nel mondo più di 700 bambini sotto i 5 anni muoiono a causa della bassa qualità dell'acqua, molte più vittime di quelle causate da guerre e malattie. Inoltre, all'interno della pagina Kickstarter c'è la possibilità per le aziende di sostenere il progetto, facendo altra beneficenza: possono acquistare un pacchetto di 250 libri a prezzo scontato, che potranno donare alle comunità intorno alle proprie sedi, come case di quartiere, biblioteche, luoghi ricreativi». Mangiare bene, anche da piccoli, fa bene in molti modi.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti