iStock-peshkov
Lifestyle

Giulio D’Antona, Non è un mestiere per scrittori

Vivere e fare libri in America

Se c’è un posto al mondo dove oggi uno scrittore sceglierebbe di vivere, se potesse, probabilmente è l’America. O più precisamente, New York.  È qui che le storie sembrano prendere vita, a ogni angolo di strada. Ed è qui che vive chi sa riconoscere le storie migliori, il gotha dell’editoria mondiale. O almeno era così che funzionava fino a poco tempo fa. Qualcosa è cambiato nelle strade della Grande Mela, e nei salotti, e nei bar. Forse per sempre, come se qualcosa di irreparabile fosse successo. Non è un mestiere per scrittori, edito da Minimum Fax, è l’indagine che il giornalista Giulio D’Antona ha condotto sulla scena del crimine, battendo palmo a palmo la città degli scrittori, taccuino alla mano. Il risultato è un appassionante reportage narrativo che ci conduce su e giù per le strade di New York sulle tracce dei grandi romanzieri americani di ieri e di oggi.

Scrittori organici
Il nostro viaggio parte da Brooklyn, centro dell’ultima grande gentrificazione newyorchese, approdo della classe creativa in fuga dagli affitti troppo cari, oasi per i nuovi arrivati stanchi della noia della provincia. È qui che scrivono gli scrittori di domani, mentre sorseggiano centrifugati a chilometro zero chini sui loro Macbook. O meglio, è qui che dovrebbero scrivere se il terrore della pagina bianca non li paralizzasse. Ma scrivere è solo metà del lavoro per un aspirante scrittore. Ci sono le presentazioni e le feste, gli eventi letterari e i lanci delle riviste a cui presenziare. Mani da stringere. Biglietti da visitare da archiviare. E poi telefonate, drink, abboccamenti a mezza voce, pacche sulle spalle. Non per niente sono tanti oggi quelli che decidono di mollare tutto e impiegare diversamente energie e risorse economiche, lasciando la città per concentrarsi esclusivamente sulla scrittura, stabilendosi ad appena mezz’ora di treno, o magari in località sperdute dove l’unico modo per rifornirsi di libri è affidarsi ai corrieri di Amazon.

L'ultima fabbrica dei sogni?
Scrittori, agenti, giornalisti, editori, critici, tassisti (sì, tassisti) i nomi che hanno fatto e fanno grande la letteratura americana scorrono sulle pagine di questo libro, quasi a comporre il firmamento di chi oggi conta davvero nell’industria. D’Antona raccoglie le loro voci e le mette a sistema, usando queste storie per raccontarci come funziona l’ultima fabbrica dei sogni della letteratura occidentale. Un viaggio affascinante e tuttavia disincantato, documentatissimo (sono 299 le note, e non saltatele eh, sono importanti, succedono cose lì dentro) ma avvincente come una storia di Topolino. Un libro scritto da un narratore consumato, che ora attendiamo al varco del romanzo. 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti