Getty Images
Musica

Ed Sheeran: le 10 cose da sapere

Con i suoi album il cantautore britannico mette d'accordo tutti, sia i teenager che un pubblico più maturo ed esigente. Vediamo perché

I suoi primi due album hanno venduto 13 milioni di copie

Sono passati due anni e Ed Sheeran è tornato sul palco. Lo ha fatto da Torino il 16 marzo con il tour mondiale che segue l’uscita del suo terzo album, ":" (si legge Divide) scegliendo l'Italia, e il Pala Alpitour, come punto di partenza con due date (il secondo appuntamento è per 17 marzo) dove un pubblico numeroso ha accolto il cantautore britannico con entusiasmo.

Capelli rossi, lentiggini, sguardo timido, abbigliamento simil-grunge anni Novanta, Ed Sheeran è assai diverso dai canoni estetici dei suoi coetanei Justin Bieber e One Direction e questa diversità si riflette anche nella sua musica. Un pop di qualità, con influenze folk, soul e hip hop, nobilitato spesso da testi personali e profondi. Un motivo in più per ottenere grandi risultati.

Sheeran, infatti, ha venduto oltre 13 milioni di copie dei suoi primi album +(Plus) e x (Multiply), mettendo d'accordo sia i teenager che un pubblico più maturo ed esigente.

E con il 2017 sembra aver fatto il bis. Anzi meglio: il 3 marzo scorso con l'uscita del nuovo album, preceduto dalla pubblicazione di ben due inediti – “Castle On The Hill“ e “Shape Of You“ – che hanno ufficialmente segnato l’inizio di un nuovo capitolo musicale ma, soprattutto, il suo ritorno sulle scene, il cantautore ha segnato un record. Il suo "Divide" è stato l'album venduto più velocemente nella storia dei cantanti (uomini) inglesi raggiungendo le 700mila copie vendute al momento dell'uscita.

LEGGI ANCHE: Il segreto del suo successo

LEGGI ANCHE: Ed Sheeran festeggia 26 anni

In attesa di nuovi concerti, oltre che di nuovi album, vediamo insieme le 10 cose da sapere su Ed Sheeran. [Cliccare su Avanti]

1) La famiglia

Edward Christopher Sheeran è nato ad Halifax il 17 febbraio del 1991. Ed ha vissuto i primi anni di vita a Hebden Bridge, nel West Yorkshire, prima di trasferirsi a Framlingham, Suffolk. Suo padre, John Sheeran, è un curatore d'arte, sua madre Imogen Lock è una designer di gioielli. L’artista ha un fratello maggiore, Matthew, che compone musica classica. Il nonno hippie, di sangue irlandese,  ha avuto un ruolo fondamentale nella sua formazione, avvicinandolo alla musica di Bob Dylan, Eric Clapton e  Beatles.

2) Gli album

L’album d'esordio + (si legge Plus), trascinato da The A team,You need me, I don’t need you e Lego house, è uscito il 12 settembre del 2011. Bisogna aspettare tre anni, il 23 giugno del 2014, per il successivo x (si legge Multiply), che vanta una all star di produttori formata da Rick Rubin, Pharrell Williams, Benny Blanco e Jeff Bhasker accanto ai suoi storici collaboratori Johnny McDaid e Jake Gosling.

LEGGI ANCHE: I migliori video clip

I risultati parlano chiaro: 13 milioni di copie vendute, in vetta alle classifiche di 83 paesi, primo posto mondiale nella classifica dello streaming del 2014, oltre un miliardo di visualizzazioni su Youtube. Il prossimo album potrebbe chiamarsi - , per il quale Ed giocherà di sottrazione: “Toglierò tutto il superfluo. Ci saremo io, la chitarra e in qualche brano la mia voce”.

3) Lo stile

La musica di Ed Sheeran è un pop di qualità, con influenze folk, soul, r&b e hip hop, nobilitato spesso da testi personali e profondi. Una musica che riesce a mettere d’accordo sia gli adolescenti cresciuti a streaming e smartphone che un pubblico più maturo e consapevole, piacevolmente colpito da questo artista che si presenta sul palco solo con la sua chitarra e la loop station, senza abbellimenti elettronici. Ed si distingue dagli altri suoi colleghi per la sua singolare capacità di rappare con grande padronanza, pur non essendo propriamente un rapper, come emerge da You need me, I don’t need you, Sing e Take it back.

4) Idoli musicali

Dimmi chi ascolti e ti dirò chi sei. Dai suoi punti di riferimento musicali, Van Morrison, Eric Clapton e  Damien Rice, già si capisce che Sheeran è un artista di spessore, destinato a durare e a lasciare un segno importante nella musica pop. Ed ha scoperto Van Morrison da bambino nei lunghi viaggi in macchina che faceva con i suoi genitori, tanto che a undici anni è scappato di casa per vedere dal vivo il grande cantautore irlandese, a cui dobbiamo capolavori assoluti come Astral weeks e Moondance.

5) Metropolitana

È difficile immaginarlo adesso, ma fino a cinque anni fa Sheeran dormiva in metropolitana sulla Circle Line di Londra. “Finivo un concerto –ha raccontato- bevevo fino alle 5 aspettando che ripartissero i treni e dormivo fino al concerto successivo”. La sua perseveranza è stata ampiamente premiata.

6) Prostitute

Sheeran ha tenuto un concerto a Bristol il 22 maggio 2012 raccogliendo 40.000 sterline per un ente di beneficenza che offre assistenza alle prostitute. "È bello mostrare comprensione per queste donne che sono persone reali con emozioni reali e che meritano la stessa carità come chiunque altro"-ha sottolineato il cantante- "C'è molta beneficenza più popolare che ottiene un sacco di attenzione. Argomenti come questi sono spesso messi in secondo piano e la gente non dà loro l'attenzione che meritano".

7) Pharrell Williams

Il Re Mida del music biz, che trasforma in oro tutto ciò che tocca, ha avuto un ruolo fondamentale nello straordinario successo di x, trascinato dalla hit Sing. E pensare che Ed non era affatto convinto di questa canzone, troppo r&b e hip hop rispetto al suo stile pop-folk. “All’inzio non volevo neanche inserirla nel disco -confessa il cantante- Mi hanno convinto Elton John e Taylor Swift(una delle sue migliori amiche) che mi hanno detto: ‘Sei matto, Ed?Mettila subito nella playlist’. Per fortuna ho seguito il loro consiglio”.

8) Pink Floyd

Il 12 agosto 2012, durante la cerimonia di chiusura della XXX Edizione dei Giochi Olimpici, Ed ha cantato in mondovisione Wish You Were Here dei Pink Floyd, accompagnato alla batteria da un certo Nick Mason, dimostrando di avere la maturità artistica di un veterano.

9) Ellie Goulding

E’ alla cantante, sua ex fiamma, che rivolge in Don’t, uno dei singoli più trascinanti di x, una storia finita male, a quanto pare per il tradimento dell'avvenente ragazza con Niall Horan degli One Direction.

10) Madison Square Garden e Wembley

“Mio padre diceva: non puoi dire di avercela fatta finchè non suoni al Madison Square Garden di New York”, ha dichiarato Ed. Dal primo novembre del 2013, quando si è esibito in quel prestigioso spazio nel cuore di Manhattan, il cantante può dire di avercela fatta. Nell'estate del 2015 ha superato a pieni voti una sfida ancora più impegnativa, tre concerti consecutivi, rigorosamente sold out, allo stadio di Wembley, che ha ospitato il Live Aid del 1985 e i più importanti concerti dei Queen. Lui, solo sul palco con la sua chitarra e la sua loop station. Non serve altro, quando c’è la buona musica.

Ti potrebbe piacere anche