Prada Luna Rossa & The Woolmark Company: gli outfit high tech per gli allenamenti
Prada Luna Rossa & The Woolmark Company: gli outfit high tech per gli allenamenti
Collezioni

Prada Luna Rossa & The Woolmark Company: gli outfit high tech per gli allenamenti

Il marchio australiano, autorità mondiale della lana Merino, si riconferma partner tecnico del team Luna Rossa Prada Pirelli per la 37^ America’s Cup, sesta edizione in presenza, con i preparativi già in corso in Sardegna, per poi cominciare la coppa a Barcellona, in Spagna, a settembre e ottobre del 2024.

La partnership consolidata ha permesso dicreare nuove uniformi tecniche estese anche ai momenti di training del team, come spiega Francesco Magri, regional manager Central & Eastern Europe di The Woolmark Company: «Abbiamo riconfermato la nostra presenza come partner tecnico di Luna Rossa Prada Pirelli, con il quale stiamo lavorando in segretezza alle prossime divise ufficiali per l’off race e la gara insieme con l’ufficio stile di Prada. Oggi aggiungiamo nuove referenze che riguardano gli allenamenti nel running, cycling e fitness, testati direttamente dagli atleti e con incredibili qualità di leggerezza, traspirabilità, elasticità e resistenza, focalizzati sulla fibra naturale della lana Merino. Oltre ai prodotti focalizzati sulla vela, abbiamo implementato le divise ‘fuori acqua’, quelle adatte all’incredibile allenamento degli atleti e questo ha permesso di creare capi specifici per ogni disciplina sportiva che fanno aumentare le performance di training nei differenti sport».

Luna Rossa Prada Pirelli chooses Merino wool for 37th America's Cupwww.youtube.com

Internamente in Woolmark hanno provato i tessuti, passati poi alla preparazione dei prototipi stilistici in Prada e testati in modo severo sul campo dal team sportivo, in modo da avere prodotti finali ultra performanti.

Sviluppati su misura, comprendono t-shirt, felpe con cappuccio, pantaloncini, leggings, una tuta da ciclismo che gestisce umidità e varie condizioni climatiche, una giacca impermeabile e una rivoluzionaria giacca a vento ultraleggera e traspirante.

Come l’anno scorso, rimangono in lana Merino anche le divise ufficiali off-race e da gara, che sono in segreta lavorazione e verranno svelate più avanti.

La scelta della lana Merino, in grado di termoregolarsi per mantenere la giusta temperatura corporea, riscaldare tanto in inverno quanto rinfrescare in estate e mantenere il corpo caldo anche quando si è bagnati, si è rivelata il tessuto ideale per le uniformi dei campioni di Luna Rossa Prada Pirelli, testimoni anche ecologici, dato che si tratta di una fibra naturale al 100%, riciclabile e a basso impatto ambientale.

Lo speaker e giornalista sportivo Guido Meda ha moderato l’evento di presentazione, in calendario durante Milano Moda Uomo, con ospiti Lorenzo Bertelli, Prada group marketing director and head of corporate social responsibility, Stuart McCullough, The Woolmark Company chief marketing and innovation officer, Max Sirena, Luna Rossa Prada Pirelli Team Director and Skipper, insieme con parte del team di atleti e velisti.

Max Sirena - Lorenzo Bertelli - Guido Meda

«Luna Rossa Prada Pirelli e The Woolmark Company hanno oggi consolidato il loro impegno congiunto in termini di innovazione, tecnologia e responsabilità sociale rinnovando la loro partnership tecnica» ha dichiarato Lorenzo Bertelli. «Nella scorsa edizione si è dimostrato come la lana Merino sia il partner perfetto per garantire performance di alta qualità, grazie alle sue qualità intrinseche, e siamo lieti di estendere la presenza di questa sorprendete fibra 100% naturale e altrettanto tecnica, calda e molto piacevole al tatto, anche nelle divise da allenamento, sottolineando ancora una volta l'impegno del team per la salvaguardia degli oceani».

«L'innovazione di prodotto è da sempre un fattore cruciale nella scelta delle nostre collaborazioni» spiega Stuart McCulloug.

«I nostri esperti hanno incontrato il team di sviluppo del prodotto Luna Rossa Prada Pirelli presentando una selezione dei migliori tessuti di lana Merino disponibili in commercio e laddove era necessario un ulteriore modifica, i team hanno lavorato insieme per ottenere il massimo delle prestazioni da questa fibra molto versatile, sia per le attività a terra che in mare aperto, lodata per la sua natura biodegradabile e supportata dalla scienza, che dimostra che non contribuisce all'inquinamento da microplastiche».

Entusiasti anche gli atleti e il loro leader, Max Sirena, attori protagonisti dei test e degli accorgimenti fatti sui capi progettati, con feedback molto severi su cosa funzionava e cosa meno.

«Sono molto contento che The Woolmark Company abbia deciso di rinnovare la partnership tecnica con Luna Rossa Prada Pirelli, accompagnandoci nella nostra sfida di preparazione e poi durante la 37^America’s Cup» ribadisce ha Max Sirena.

«Il nostro è un lavoro rivolto all’eccellenza e alla perfezione e dobbiamo cercare di sfruttare al massimo tutte le potenzialità nel sailing e sulla terra ferma, aiutati da indumenti tecnici studiati ad hoc e con tanta attenzione, in modo da aiutarci a migliorare le prestazioni agonistiche. Avendo maturato un'ottima esperienza con le divise per l’acqua, abbiamo colto l'occasione di sviluppare insieme uniformi tecniche da allenamento in palestra, nella corsa e nella bici».

Conclude Sirena: «Tenete presente che nel nostro sport ogni cosa è in mutamento, ora dobbiamo capire come rifare in grande sulla barca C 75 le performance e i risultati che stiamo ottenendo sul modello di allenamento più piccolo e fra qualche mese consegnare le linee di scafo. Più tempo passiamo in acqua e ci alleniamo anche fuori da essa, più informazioni possiamo trasferire alle oltre 100 persone coinvolte nel progetto Coppa America, una sfida tecnica e tecnologia ma fatta principalmente da uomini. In questa competizione non c’è un ente sovrano come in Formula Uno; c’è invece un detentore che decide di fatto tutto, che le regole le sa in anticipo e le comunica ai Defender quanto vuole e le può persino cambiare in corso d’opera, come ha fatto recentemente. Dobbiamo essere flessibili, altamente tecnici e saperci adattare ai cambiamenti, con una grande capacità mentale di accettare quello che è stato deciso fino a ieri e che oggi magari non vale più».

I più letti