X Factor 6. Parlano gli Akmè: "Fuori dal talent, ma senza polemiche"

Panorama.it ha incontrato gli esclusi della puntata del talent show andata in onda ieri. Arisa nel mirino dei colleghi giudici. Intanto è record con oltre 700 mila voti

Akmè

Scortati da Alessandro Cattelan, il trio pugliese ha incontrato questo pomeriggio blogger, giornalisti e fan a Milano – Credits: (Ufficio Stampa)

Francesco Canino

-

Ci voleva l'eliminazione degli Akmè per accendere la prima polemica dell’edizione 2012 di X Factor e a infiammare - senza eccessi e clamori - la seconda puntata live dal teatro della Luna. Nello scontro finale, è toccato ad Arisa scegliere chi eliminare tra due suoi protégé: gli Akmè, appunto, e gli eterei-chic Frères Chaos. Il gruppo pugliese ha avuto la peggio e nel mirino degli altri giudici è finita la strategia del caposquadra Arisa. Panorama.it ha incontrato questo pomeriggio il trio di eliminati – Rosanna, Vito e Vitantonio - poco prima della loro prima mini esibizione al Punto Enel, nel cuore di Milano.

Ragazzi, al netto dell’eliminazione com’è stata la vostra esperienza a X Factor?

(Rosanna) Positiva e divertente. Sia dal punto di vista professionale che umano, sono state settimane fantastiche. Si respirava un clima di grande energia ed entusiasmo. Il nostro è stato un esordio incredibile su un palco pazzesco.

Il rapporto con Arisa, il vostro giudice?

(Rosanna) C’è stata fin da subito grande empatia. La comune passione per la musica è stato un elemento molto importante nel rapporto con lei e con Giuseppe Barbera, il nostro vocal coach.

Alcuni blogger però hanno scritto che Arisa avrebbe favorito gli altri due gruppi.

(Vitantonio) E’ falso: Arisa ha trattato tutti allo stesso modo. Le polemiche non ci piacciono.

Al momento di scegliere tra voi e i Frères Chaos, ha puntato su di loro.

(Rosanna) Forse perché avevano una loro identità ben precisa. La nostra situazione è più complessa: ci siamo presentati in un modo, poi Arisa ha pensato per noi un percorso diverso, che purtroppo non abbiamo avuto il modo e il tempo di completare.

Dunque siete ancora alla ricerca della vostra identità musicale?

(Rosanna) Noi siamo tre entità musicali diversi. X Factor è stato il nostro vero inizio, il primo grande palco: un po' alla volta cresceremo.

(Vito) E poi la crescita è sperimentazione. Noi siamo andati a X Factor per sperimentare. Non abbiamo avuto il tempo di farlo al cento per cento. Veniamo da tre generi diversi: creare una crasi fra tre cose diverse è complesso, non immediato. Ci siamo riusciti solo in parte.

Il progetto che vi aveva cucito addosso Arisa era giusto? Gli altri giudici l’hanno molto criticata per questo.

(Vito) Questo non possiamo saperlo: per ora è una grande X (dice ridendo). Non sappiamo che fosse la soluzione giusta: lo vedremo più avanti, se mai avremo la possibilità di fare un disco e di metterci alla prova. Va sicuramente elaborato.

Alla prima puntata i più cattivelli hanno detto: più che un gruppo sembra una solista, Rosanna, con due coristi. Poi si è accesa la polemica sul leader del gruppo.

(Vito) Ci siamo ritrovati cuciti addosso questa “cosa” del leader, senza accorgercene. E’ cominciato da un discorso fatto nel loft: il dialogo è stato riportato e in qualche modo travisato ieri in puntata. L’rvm trasmesso prima dell’esibizione, c’ha creato un po' di scompiglio e agitazione: infatti ad Extra Factor ho sbroccato e chiedo scusa per le parolacce.

E’ vero che avete avuto un problema con la base di Voglio vederti danzare?

(Vitantonio) La macchina di X Factor è molto complessa e i tempi sono stretti. Ci siamo trovati a provare la performance solo mercoledì nel tardo pomeriggio, poco prima delle prove generali: fino a quel momento non avevamo sentito la base e visto la scenografia. Infatti  abbiamo cantato Battiato davanti ad Arisa per la prima volta in puntata.

Però l’esibizione è andata bene.

(Vito) Pensiamo di aver dato il massimo, tanto che non credevamo di uscire o di andare in ballottaggio. Secondo Elio ieri abbiamo fatto un passo indietro: io non sono d’accordo. Usciamo dal programma a testa alta, ma con l’amarezza di non esserci potuti esprimere fino in fondo.

Adesso per chi fate il tifo?

Chiara, Davide e Romina. Abbiamo creato un rapporto speciale con loro, restando spesso svegli fino alle 5 del mattino a parlare nel loft. E’ stata un'esperienza bellissima. Non sappiamo dire chi speriamo che vinca: sarebbe bello se arrivassero tutti e tre in finale.

© Riproduzione Riservata

Commenti