Televisione

X Factor 13, Seawards: "Il bello di lavorare con Samuel"

Intervista a Giulia Benvenuto e Loris Venier, eliminati nel quarto Live del talent di Sky Uno. I Seawards erano nella categoria Gruppi guidata dal leader dei Subsonica

Seawards X Factor 13

Francesco Canino

-

A un passo dai Live dedicati alla presentazione degli inediti, il sogno dei Seawards, il gruppo composto da Giulia  Benvenuto e Loris Venier, si è spezzato: nonostante le buone premesse, si sono schiantati al ballottaggio contro Giordana e hanno dovuto lasciare X Factor 13 alla quarta puntata. Così, nella corsa verso la finale, Samuel ha perso il primo tassello della sua squadra, proprio adesso che il gioco si fa duro e i giudici iniziano a tirare fori le unghie, com’è accaduto nella puntata del 14 novembre tra Mara Maionchi e Malika Ayane.

Giulia, Loris, siete entrati con una formazione nuova di zecca: dopo le Audizioni, Francesco, il chitarrista, ha dato forfait e tu Giulia ti sei ritrovata da sola. Cos’è successo?

Dopo le Audizioni Francesco mi ha detto: “La musica per me è un hobby, io voglio fare l’infermiere”. Questo dopo quattro anni di musica e cose importanti fatte assieme. Non mi sono persa d’animo e ho cercato Loris, dopo che amici comuni ci avevano messo in contatto.

Da sconosciuti a colleghi, è stato difficile amalgamarsi?

No. Da sconosciuti siamo diventati amici e poi compagni di avventura: ora siamo inseparabili. A livello di suono, ho trovato un chitarrista magistrale.

Nonostante questo, non sono mancate le critiche, in particolare da parte di Sfera Ebbasta: diceva che Loris si sentiva poco rispetto a te.

Loris nemmeno cantava inizialmente. Lui deve fare un coro, se si sentisse allo stesso volume della mia voce le cose non verrebbero nemmeno bene. Mi sento sempre dire che sono una solista accompagnata ma non è così: uno più uno fa due.

Il vostro proposito era di entrare a X Factor per evolvervi: ci siete riusciti?

Sì, non abbiamo avuto otto puntate a disposizione ma abbiamo fatto cose molto diverse. Non avrei mai pensato di cantare in italiano e nemmeno di presentare  un inedito.

A proposito di inedito: Sfera ha sollevato dubbi anche sulla scelta della canzone che avete presentato ieri.

C’è stato un fraintendimento.Feel non era un singolo nuovo, era una nostra canzone d’archivio, che piaceva molto a Samuel il quale ha scelto in corsa di puntare su quella. Con un’assegnazione diversa sarebbe andata diversamente? Chi lo sa. Noi comunque siamo contenti di aver fatto un nostro pezzo.

Tra sette giorni, nel quinto Live, sarà tempo di inediti. Il vostro non lo sentiremo.

Ma non è una canzone morta e speriamo di aver modo di farla sentire presto. Ci abbiamo lavorato con il producer Alessandro Bavo e un arrangiatore della Sony, in chiave pop, ed è molto bello.

Con Samuel come sono andate le cose?

Dopo la puntata ci siamo andati a divertite con lui e Bavo in un bar. Samuel è esattamente com’è davanti alle telecamere: anche quando non era chiamato a farlo lui veniva a sentirci in prova, c’era un interesse artistico più che televisivo. È stato bello lavorare con lui.

Che impressione vi hanno fatto le scintille tra Malika Ayane e Mara Maionchi, a proposito dell’assegnazione di un brano di Salmo a Nicola?

Giulia. Il percorso di Nicola è bello, vuole fare lo showman e farà un bell’inedito: hanno messo le mani avanti perché è scritto da Tom Walker, ma è molto coerente col suo percorso.

Loris. Io penso che alcuni giudici abbiano giocato di strategia, com’è normale con quel contesto, con delle assegnazioni fatte per valorizzare i punti di forza. Entrambe hanno fatto lo stesso errore se vogliamo parlare di coerenza artistica.

Il vostro prossimo step qual è?

Vogliamo fare qualcosa di nuovo: c’è già del materiale pronto ma molto dipende dalla parte discografica che ci gestirà. Abbiamo voglia di suonare e fare concerti.

Chi vince X Factor 13?

Ci hanno colpito i Buda e i Sierra. Ci siamo mescolati bene con loro, ci piacerebbe vederli entrambi in fondo.

Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Commenti