Torna Dallas e Twitter si scatena

J.R. e Sue Ellen, dopo circa trent'anni, sono stati accolti con curiosità dal pubblico. Stivaloni e camicie a quadri commentate on-line dalla generazione social. Su Twitter c'erano anche Belen, Barbara D'Urso, Federica Panicucci...

Dallas, il cast

Il cast della nuova serie Dallas – Credits: LaPresse

Marida Caterini.

-

Il ritorno di Dallas con figli, nuore, nipoti e  nuovi personaggi, è la nuova realtà di Canale 5. Il serial è approdato  in prima serata, sulla principale rete Mediaset, dopo una lunga attesa e  una anteprima nazionale alla scorsa edizione del RomaFictionFest.   Trasmesso per la prima volta negli USA nel 1978, Dallas arrivò in  Italia dove su trasmesso in seconda serata da Rai1.  Passò quasi inosservato perchè non fu valorizzato a dovere. Nel 1981 fu  acquistato dall'allora Fininvest che lo promosse in prime time su Canale  5, rispettando l'ordine cronologico delle puntate, come negli USA. E il  successo fu immediato. Al punto che, nei primi anni ottanta  all'anagrafe italiana venne registrato un boom di bambine con i nomi di Sue Ellen e di Pamela.

Trent'anni fa a colpire l'immaginario del pubblico furono i tradimenti familiari della famiglia Ewing,  la sete di danaro e di successo, la scalata al potere. Oggi, nel  sequel, di cui sono andate in onda le prime due puntate, proprio come  accade per la serialità televisiva di casa nostra, sono riapparsi gli  stessi ingredienti, nelle atmosfere più moderne di un'epoca mutata. Il  cast, però, è rinnovato. Figli e nipoti sono rappresentati da giovani  attori di notevolissima prestanza fisica, elemento di grande importanza.   Della vecchia serie sono rimasti solo Sue Ellen interpretata da Linda Grey, J.R. a cui dà il volto  Larry Hagman e Bobby Ewing che è l'attore Patrick Dufty.

La  fibrillazione su Twitter per l'attesa di Dallas è iniziata già nel  pomeriggio. Appena cinque minuti dopo la messa in onda l'hashtag #Dallas  era già entrato nel TT Italia piazzandosi alla settima posizione. Dopo  solo un'ora il balzo alla terza posizione. Segno evidente dell'interesse  del social network per la serie. Subito alcune frasi sono divenute una sorta di cult ritwittate quasi a ritmo continuo. Tra queste quella pronunciata da  J.R: "noi vecchi non mandiamo e-mail, ci parliamo di persona".

Persino Belen Rodriguez ha sentito il bisogno di twittare e di comunicare che seguiva Canale  5.. "Ecco J.R. in Dallas, che figo di uomo". E subito dopo dinanzi ad  alcune  scene d'amore "che scena emozionante", scriveva la conduttrice  di Colorado. Barbara D'Urso si faceva lo stesso  coinvolgere dalla curiosità commentando: "che bello guardare Dallas come  ai vecchi tempi: J.R. è sempre J.R". Federica Panicucci  sottolineava che "quando c'era Dallas, c'ero io". Alfonso Signorini commentava: "pazzo di John Ross. Qui lo dico e qui lo nego".

Innumerevoli i commenti delle giovani generazioni, ventenni e trentenni  affezionati di Twitter e sintonizzati su Dallas. "Spero non ci porti  una nuova generazione di Sue Ellen" scrivevano alcuni.  Una ragazza  risponde: "anch'io ho rischiato di essere battezzata Sue Ellen, mi ha  salvato mia nonna all'ultimo minuto". Altri : "Dallas è la mente che  torna alla nonna". O ancora: "i miei genitori si gasano perchè Dallas  ricorda loro la giovinezza".  "Dallas è la mia infanzia, seduta tra  mamma e papà che non perdevano una battuta di J. R". E c'era persino chi  scriveva: "voglio andare a Dallas"

Infine non sono mancate le battute ironiche e un sottile umorismo su  situazioni e personaggi. Queste le frasi più simpatiche: "Ma J.R.  quando lo sbrinano?" Ci si riferiva alle prime scene quando il patriarca  taceva immobile, oppresso dalla depressione.  "Allora Briatore potrebbe  anche recitare in Dallas" "Beati voi che avete il petrolio, noi abbiamo  Monti e Company" . La più cattiva, forse: "Sue Ellen somiglia sempre di  più a Lella Costa."

© Riproduzione Riservata

Commenti