Televisione

Top Chef Italia 2017: i concorrenti e le novità della seconda edizione

Sedici talenti della cucina si sfideranno dal 7 settembre sul canale Nove. Annie Féolde, Giuliano Baldessari e Mauro Colagreco giurati di Top Chef Italia

TOP CHEF ITALIA 2 Giudici Baldessari, Feolde, Colagreco_DSC9534_pp

Francesco Canino

-

Sedici cuochi professionisti per una gara ad alto tasso di adrenalina. Anche in questa nuova stagione televisiva non mancherà la consueta abbuffatta di programmi di cucina: i primi ad accendere i tele-fornelli sono i protagonisti della seconda edizione di Top Chef Italia, il talent cooking show in onda sul canale Nove da giovedì 7 settembre, giudicati da una giuria iper stellata. 

Top Chef Italia 2017, al via la seconda edizione 

Dopo il successo della prima stagione, Top Chef Italia riparte con due puntate in più e mette in palio un bottino di 50 mila euro. Rispetto a MasterChef, dove a sfidarsi sono cuochi amatoriali, nel format in onda sul Nove (tasto 9 del telecomando) la competizione è tra professionisti dell'alta cucina

A contendersi il titolo saranno 16 talenti della ristorazione italiana, tutti con personalità forti, un tratto e uno stile distintivi e una storia da raccontare attraverso i propri piatti. 

 

La giuria del talent cooking show

A giudicare i concorrenti saranno tre star del panorama culinario internazionale. A cominciare da Annie Féolde, prima donna in Italia - quarta al mondo - ad aver conquistato le tre stelle Michelin. È la chef–owner di Enoteca Pinchiorri di Firenze, dove ha impresso il suo charme e uno stile inconfondibile.

Riconfermato poi Giuliano Baldessarienfant terrible dell'alta cucina, sperimentatore estremo che ha portato in alto il nome del ristorante Aqua Crua (1 stelle Michelin). Chiude la giuria Mauro Colagreco, chef italo-argentino del Mirazur di Mentone, ristorante arrivato al quarto posto nella blasonata The World's 50 Best Restaurants.

Il meccanismo della gara

In ogni puntata sono previste diverse prove di abilità, durante le quali i concorrenti dovranno sfoderare tecnica, fantasia e resistenza alla pressione del gioco. La grande novità di quest’anno è che anche i giudici dovranno mettere “le mani in pasta”: in alcune sfide, i concorrenti si confronteranno con l’esperienza e l’estro di chi li giudicherà nel loro percorso verso la vittoria.

© Riproduzione Riservata

Commenti