The Voice 2, Suor Cristina passa il turno e approda ai Live

Il video dell'esibizione della religiosa, che ha vinto sfidandosi con Benedetta Giovagnini. Dieci i concorrenti già scelti per la fase finale

suor Cristina

La prima puntata dei Knockout ieri è stata seguita da 3.098.000 spettatori, pari al 12.8% di share – Credits: (Ufficio Stampa)

Dopo le Blind Audition e le Battles, ecco la fase Knockout. The Voice 2 prosegue con buoni ascolti la marcia verso i Live, l’appuntamento più atteso del talent di Rai Due. Sul ring questa volta sale un concorrente alla volta, che si sfida con componente della propria squadra, senza possibilità di ripescaggio: dei dieci cantanti del team, ogni coach ne porterà alla fase finale solo cinque. La sfida più attesa? Quella tra Benedetta Giovagnini e Suor Cristina Scuccia, ormai vero e proprio fenomeno planetario, che vince senza troppi problemi e approda ai Live.

SUOR CRISTINA SI RACCONTA. C’è sempre più curiosità intorno a Suor Cristina e il conduttore Federico Russo ne approfitta per chiederle come stanno vivendo nel convento delle Suore Orsoline di Milano l’inattesa popolarità della religiosa. “Ballano tutti insieme a me e cantiamo tutti assieme”, svela la suora: tifano per lei, in studio, alcune consorelle e Salvatore, suo fratello, che la raggiunge in Via Mecenate per la prima volta. La prima a cantare è Benedetta Giovagnini, che ha scelto la tostissima Chain of fools di Aretha Franklin, poi tocca a Suor Cristina con Hero di Mariah Carey. “Oggi Cristina mi ha spettinato, come dicono i miei compagni - commenta ironica Raffaella Carrà - Siete mingherline ma tutta voce”. Poi tocca a Noemi commentare: “Vocalmente sono molto brave e toste e le canzoni scelte sono perfette per loro: Benedetta ha tirato fuori un lato virtuoso molto forte e il significato del testo cantanto da Suor Cristina, era molto figo”.

LA SCELTA. “Non si tratta di un verdetto facile: l’amore tra J-Ax e Suor Cristina è sbocciato alle Blind Audition, con Benedetta grazie allo Steal che hai sfruttato rimettendola in gioco”, sottolinea Federico Russo lasciando al coach il tempo di decidere. J-Ax dà il suo verdetto, ma prima ironizza sul fatto che Raffaella abbia usato il termine ‘spettinato’: “Ti stai lasciando contagiare dal fumo passivo della mia ignoranza, stai attenta”. Poi commenta la sfida: “Sono riuscite entrambe a portare in tivù due pezzi della storia della musica nera. Suor Cristina non sbaglia una nota: è come riuscire a convincere un tredicenne cicciottello a fare il bagno senza maglietta. Scelgo chi secondo me ha quel modo di porsi da mosca bianca fuori dal coro: vince Cristina”. Verdetto scontato, anche se la Giovagnini se l’è cavata davvero bene, così Suor Cristina viene ammessa direttamente ai Live. 

 

I PRIMI DIECI FINALISTI. The Voice non è però solo Suor Cristina. I team si stanno lentamente componendo e ieri sera sono stati scelti i primi dieci cantanti che rivedremo alla fase finale. Piero Pelù porta avanti Daria Biancardi, Giacomo Voli e Giulia Dagani. Nel team Carrà passano invece Federica Buda, Luna Palumbo (che batte l’ex vincitrice di Io canto 2, Benedetta Carretta) e Francesco Marotta. Noemi ha scelto Gianna Chillà e Gianmarco Dottori, mentre J-Ax punta su Debora Patrimia e, appunto, Suor Cristina Scuccia

© Riproduzione Riservata

Commenti