Televisione

Striscia la notizia: i conduttori e le novità della nuova edizione

La trentesima edizione del tiggì satirico di Canale 5 al via da lunedì 24 settembre. Antonio Ricci parla del "caso" Insinna e di Francesco Monte

Striscia la notizia 2018

Francesco Canino

-

Striscia la Notizia compie trent'anni. Il tiggì satirico ideato da Antonio Ricci, che andò in onda per la prima volta il 7 novembre 1988, si prepara a festeggiare un compleanno specialissimo, di quelli da annali della tv italiana. Al timone della nuova stagione, al via da lunedì 24 settembre, ci saranno Ezio Greggio e Michelle Hunziker. Ecco le novità.

Striscia la notizia, i trent'anni del tg satirico di Canale 5 

La creatura televisiva di quel gran genio di Antonio Ricci è a un passo da un record storico, visto che si imporrà come il programma satirico più longevo della televisione italiana e per i trent'anni punta su un'edizione ancora più speciale (e la trasforma ne La voce dell’inconsistenza). A debuttare dietro il bancone sarà la coppia Greggio-Hunziker, poi partirà la consueta staffetta di conduttori.

Confermate le Veline Shaila Gatta e Mikaela Neaze Silva, a Striscia per la seconda stagione consecutiva, e gli inviati storici, dal "tapiroforo" Valerio StaffelliJimmy Ghione (in difesa dei consumatori e del Made in Italy), poi ancora Moreno MorelloMax Laudadio, Vittorio Brumotti, Edoardo StoppaStefania Petyx, la prima inviata donna di Striscia, Luca Abete e Capitan Ventosa. Dario Ballantini proporà invece una parodia del premier Giuseppe Conte


 

Tutti i conduttori dell'edizione 2018/2019

Al timone del programma si alterneranno i conduttori che hanno fatto la storia di Striscia. Si inizia il 24 settembre con Ezio Greggio e Michelle Hunziker, insieme fino al 13 ottobre. Dal 15 ottobre al 5 gennaio 2019 Greggio sarà poi in coppia con Enzo Iacchetti. Dal 7 gennaio, sarà la volta degli amatissimi Ficarra e Picone, che condurranno fino al 13 aprile. La corsa finale della trasmissione, dal 15 aprile all’8 giugno, sarà affidata a Gerry Scotti e a alla Hunziker.

Antonio Ricci parla del ponte Morandi

Come ogni anno, la conferenza stampa di Striscia la Notizia si trasforma in un mini show di Antonio Ricci, stuzziato dai giornalisti riguardo agli argomenti caldi dell'attualità (e non solo). Così il patron del tiggì satirico è intervenuto nel dibattito sulla ricostruzione del ponte Morandi di Genova, pizzicando Beppe Grillo.

"Ho visto recentemente il progetto presentato sul blog. Penso che Beppe abbia fatto uno scherzo all’amico Renzo Piano, perché il ponte che ha fatto vedere mi sembra una roba orribile, praticamente un “biscione bis”: un’enorme costruzione impattante che per 1,2 km attraverserebbe il Polcevera", ha spiegato Ricci. "Abbiamo a Genova un architetto molto serio, Piano, che lavora con i migliori tecnici di tutto il mondo. Penso che, senza perdere tempo, la cosa più importante sia dare il lavoro a lui e farlo presto".

Il "caso" Insinna, le stoccate a Baglioni e Monte 

Ricci poi si è tolto qualche sassolino anche rispetto alle polemiche più calde che lo hanno coinvolto negli ultimi mesi. A cominciare dal "caso" Flavio Insinna, di cui svelò alcuni clamorosi fuori onda. "Lui all’Eredità? È molto retorico. Io o posso ritenere di cattivo gusto il fatto che lui dica "da lassù Frizzi mi guarda": sono parole in linea con quell’abbindolare gli allocchi, lavorando sulla pancia delle persone. Che Rai1 lo riprenda e gli dia L’Eredità non è un fatto apprezzato da molti ma per me è una questione che mi lascia indifferente".

Il regista e autore tv non è stato meno tenere con Claudio Baglioni, dopo le punzecchiature a distanza alla vigilia del Festival di Sanremo 2018 e le minacce di querela da parte del cantautore. "La querela annunciata sui giornali non mi è mai arrivata: io un po’ ci sono rimasto male, anche perché mi ero preparato la controffensiva. Ho degli arsenali pieni. I suoi fan sono agguerriti, mi vogliono morto. Io non provo odio nei suoi confronti, mi fa solo schifo musicalmente". 

Poi ha fatto una precisazione rispetto alla partecipazione di Francesco Monte al Grande Fratello Vip 3, che secondo alcuni gossip tendenza fanta tv avrebbe ostacolato dopo il caso "canna gate". "Ho letto sui giornali che io avrei detto: o io o Monte. Forse qualcuno avrà pensato che volessi entrare al Grande Fratello. Ho letto cose divertenti, tipo di una guerra tra me e Maria De Filippi. Su un giornale c’era scritto che Costanzo e Maria De Filippi stavano andando a trattare con i vertici, non si sa quali, per far rientrare Monte. Io non faccio il cast del Grande Fratello Vip, soprattutto perché entrerei in conflitto d’interessi: più bestie entrano e più noi siamo contenti. Più c’è materiale suino all’interno di queste macellerie e più ne godiamo". Un Ricci carico a pallettoni, non c'è che dire.

Per saperne di più: 


© Riproduzione Riservata

Commenti