Serie TV

Tutto può succedere 4: i dubbi sulla nuova stagione

Dopo i buoni ascolti, la Rai ragiona sul futuro della serie con Pietro Sermonti e Maya Sansa. Parla il produttore di Tutto può succedere 4

Tutto può succedere 3 Rai 1

Francesco Canino

-

La quarta stagione di Tutto può succedere si farà? È questa la domanda che si fanno gli appassionati della serie di Rai 1 con Pietro Sermonti e Maya Sansa, che si è conclusa lunedì 6 agosto. Nonostante il posizionamento in palinsesto piuttosto discutibile, la sfida sul fronte degli ascolti è stat vinta e questo lascia pensare che l'addio possa tramutarsi in un arrivederci.

Tutto può succedere 4, le ipotesi sulla nuova stagione

Nonostante si sia scontrata prima contro le partite dei Mondiali di calcio 2018 poi contro la corazzata Temptation Island 2018, Tutto può succedere 3 ha retto la sfida degli ascolti e ha chiuso la stagione con oltre 2,7 milioni di spettatori. In piena estate, si tratta di numero ottimi e, forse, un'altra collocazione stagionale avrebbe spinto lo share a livelli decisamente più alti.

Ma la quarta serie si farà? Se il regista Lucio Pellegrini, intervistato dal quotidiano La verità, aveva lasciato intendere che il progetto era concluso, il produttore Riccardo Tozzi, presidente di Cattleya, è invece più attendista: "È ancora presto per dire se ci sarà o meno un'altra stagione. Noi di idee ne abbiamo, se ci danno il via libera siamo pronti anche perché ci siamo davvero divertiti molto a lavorarci", ha spiegato all'AdnKronos. "Io non sarei così pessimista", ha chiosato.

 

La soddisfazione di Rai Fiction 

Di certo c'è che il pubblico si è affezionato alla famiglia Ferraro e agli altri personaggi di Tutto può succedere e ai buoni ascolti (significativi quelli nella fascia alta socio-culturale e in quella dei giovani) si è sommato l'ottimo riscontro sui social. "La sfida estiva è risucita. Abbiamo proposto un prodotto di qualità e inedito per arricchire l’offerta della televisione pubblica per tutti gli spettatori che non sono in ferie. Ha pagato anche la scelta di aver anticipato la messa in onda con la presentazione in anteprima su Rai Play, un esperimento che indica prospettive interessanti per tutta la nostra offerta", commenta soddisfatta la Direttrice di Rai Fiction, Eleonora Andreatta.

"Altrettanto importante l'attenzione che la serie ha sollevato per la sensibilità con cui affronta il tema della famiglia, ritratta nella sua problematicità e nella tensione con cui riafferma la coesione di un istituto fondamentale della nostra società. Voglio ringraziare gli autori, i registi e tutto il cast per la qualità diffusa e la modernità di una serie, prodotta dal felice connubio di Rai Fiction con Cattleya".

Per saperne di più:



© Riproduzione Riservata

Commenti