state-of-affairs
Serie TV

State of Affairs: una Homeland minore con Katherine Heigl

La Izzy di Grey’s Anatomy alle prese con un ruolo da agente segreto. E il confronto con Homeland e Claire Danes è inevitabile

L'addio a Grey's Anatomy non era un addio alla tv: e difatti riecco Katherine Heigl, la Izzy di Grey’s, pronta per la Casa Bianca in State of Affairs, in onda dal 7 settembre, ogni lunedì in prima serata su Premium Stories. Oltre ad esserne la protagonista, Heigl firma anche la serie da produttore esecutivo.

Di cosa parla
Charleston “Charlie” Tucker (Heigl) è una delle migliori analiste della CIA e il suo compito è dare le giuste priorità alle crisi internazionali che il Presidente degli Stati Uniti Constance Payton (Alfre Woodard) deve affrontare. Oltre ad essere a capo di un team di persone specializzate al servizio dell’uomo più potente della Terra, Charlie condivide un altro tipo di relazione con il Presidente: era infatti la fidanzata di suo figlio, ucciso tragicamente in un attacco terroristico. Sopravvissuta a quello stesso attacco, Charlie appare assai determinata a punire i responsabili. Ma nella ricerca della verità sull’omicidio dell’amato, la nostra verrà a conoscenza di uno scioccante mistero…

Autori e cast
La serie è ideata da Alexi Hawley, già dietro le quinte di Castle, The Following e Body of Proof. Tra i produttori c'è anche la mamma della Heigl, Nancy, che el fa anche da agente (tutto questo non vi ricorda Brooke Shields?).

Nei panni della Presidente Constance, c'è Alfre Woodard, attrice forte di 4 Emmy e una nomination agli Oscar, che ricorderete (forse) per il ruolo di Betty nella seconda stagione di Desperate Housewives. Sheila Vand, che interpreta Maureen, è invece una piccola star nel giro dei film indipendenti, con partecipazioni alla Berlinale e al Sundance Festival.

Che cosa hanno scritto
"Il confronto con Claire Danes (Carrie Mathison in Homeland) è inevitabile, soprattutto quando il personaggio della Heigl tenta di stordire il suo dolore con il sesso occasionale con gli sconosciuti, ma State of Affairs è comunque un onesto passo avanti per la NBC". (Hank Stuever, Washington Post)

"Dopo gli enormi sforzi per rendere Charlie interessante, o almeno diversa, lei è fondamentalmente solo un'altra Carrie Mathison senza le pillole". (Verne Gay, Newsday).

© Riproduzione Riservata

Commenti