Sneaky Pete: foto, video, cose da sapere sulla serie con Giovanni Ribisi

Il talentuoso attore di origini italiane torna in tv in una serie "anti-poliziesca" con Bryan Cranston

Prendi un ladruncolo appena uscito di galera. E mettigli alle calcagna un poliziotto (cattivo), che nel frattempo gli ha anche rubato la fidanzata. Gli ingredienti per la serie cult ci sarebbero già tutti, ma se a giocare a parti invertite nel ruolo del buono e del cattivo sono Giovanni Ribisi e Bryan Cranston (Breaking Bad) allora Sneaky Pete, disponibile da aprile in streaming su Amazon Prime Video, è davvero una serie da non perdere.

 

La trama
Marius (Giovanni Ribisi), piccolo truffatore, assume l'identità del suo compagno di cella, Pete, e si "riunisce" con la di lui famiglia, che non ha motivo di sospettare che non sia la persona cara da tempo persa. Quando un gangster tiene in ostaggio suo fratello a scopo di estorsione, Marius deve trovare un modo per liberarlo e allo stesso tempo far sì che le sue bugie non vengano scoperte. Nel frattempo, i suoi nuovi "parenti" gli danno un assaggio della famiglia amorevole che non ha mai avuto. Ma nascondono segreti e bugie che minacciano di trascinare Marius in un vortice pericoloso come quello da cui sta fuggendo.

Il cast
Con Giovanni Ribisi (Avatar), Marin Ireland (Side Effects), la vincitrice di tre Emmy Margo Martindale (The Americans), Peter Gerety (Prime Suspect), Libe Barer (Parenthood), Shane McRae (Still Alice) e Michael Drayer (Mr. Robot).

I produttori
La serie, confermata per una seconda stagione, è stata prodotta da Graham Yost (The Americans), Bryan Cranston (Breaking Bad), Michael Dinner e Fred Golan (Justified), James Degus (All The Way) e Seth Gordon (Horrible Bosses).

Perché guardarla (e perché no)
Perché sì: il cast, strepitoso. E il finale niente affatto scontato.
Perché no: è un poliziesco al contrario: buoni e cattivi non sono dove ci ha abituato a cercarli la fiction italiana (dunque se il vostro eroe è Montalbano...).

Che cosa hanno scritto
«Il labirinto di menzogne, truffe e mezze verità di Pete minacciano di implodere da un momento all'altro. E sono proprio la suspense e la tensione - insieme con le situazioni assurde in cui Marius si trova  - a render ela serie un’intelligente avventura in una complicata rete di familiari e criminali e tutto ciò che dovrebbe separarli (ma non lo fa)». (Lorraine Ali, Los Angeles Times).

«La serie ha tono e ritmo giusti e, come ogni buon artista della truffa, ti convince a trascurare le cose che potrebbero non funzionare». (Jen Chaney, New York Magazine).

Il trailer

© Riproduzione Riservata

Commenti