Serial Writers: la rivista Link intervista gli autori delle serie tv

Da Vince Gilligan di Breaking Bad a Mattew Weiner di The Soprano's e Mad Men: 14 interviste ai creatori delle serie tv di culto

Eugenio Spagnuolo

-

E' tutto dedicato ai serial televisivi il numero di Link - idee per la televisione in libreria a partire da domani, 16 ottobre. Il titolo, Serial Writers è significativo: questa volta la rivista monografica diretta da Fabio Guarnaccia ed edita da Mediaset pubblica 14 interviste agli autori delle serie più importanti degli ultimi dieci anni. La carrellata si apre, e non poteva essere altrimenti, con Vince Gilligan, creatore di Breaking Bad e di X-Files (intervistato da Lorenza Negri) e poi, a seguire Craig Thomas (How i met your mother e American Dad), Eli Attie (The West Wing, House, Studio 60), Eric Kaplan (The Big Bang Theory, Futurama), Hagai Levi (In Treatment), Howard Gordon (Homeland, 24), Jonathan Ames (Bored to death), David Benioff (Game of Thrones), Tom Fontana (The Borgias, Oz), Agnietzka Holland (The Wire, Burning Bush), Howard Overman (Misfits), Fabrice Gobert (Les Revenants), Farhad Safinia (Boss), Mattew Weiner (Mad Men, The Sopranos).

"Le serie televisive - scrive Guarnaccia nell'introduzione - hanno ormai conquistato anche chi si è sempre rifiutato, almeno a parole, di guardare la televisione. Per compiere questo miracolo hanno dovuto creare narrazioni grandiose, personaggi complessi e ambigui, affrontare di petto i grandi temi dell’esistenza. Quelli che in Italia sono stati ribattezzati “telefilm” hanno raggiunto oggi una maturità tale da non necessitare più nessuna nobilitazione facendo ricorso al cinema o alla letteratura".

Nato come progetto editoriale dell'ufficio marketing strategico di Mediaset, Link è diventata in pochi anni la rivista di riferimento per gli appassionati di cultura della tv, anche con una serie di libri e monografie all'attivo, tra cui una su Marshall McLuhan, pubblicata nel 2011 in occasione del centenario della sua nascita. Dal 2012 Link è disponibile anche in versione digitale per iPad, Android e Kindle.

© Riproduzione Riservata

Commenti