Save me: la serie british da non perdere

Arriva su Sky una delle migliori serie tv inglesi degli ultimi anni. Tra "mistery" e "drama"

Eugenio Spagnuolo

-

Save me: salvami. Dal 28 settembre su Sky Atlantic arriva una delle più interessanti serie british degli ultimi anni: storia di un padre alla prese con la scomparsa di una figlia che non sapeva neppure di avere. Un po' dramma, un po' mistero, Save Me sbarca in Italia, confortata da un buon successo in patria: i 6 episodi della prima stagione sono stati il "cofanetto" più rapidamente consumato nella storia di Sky Atlantic in Gran Bretagna, con 700.000 spettatori che si sono bevuti l'intera serie nella sola prima settimana.

 

Che cosa vedremo in Save me
Nelson "Nelly" Rowe (Lennie James), è un disoccupato di mezza età che si arrangia come può. La sua vita apparentemente quieta subisce uno scossone quando Jody, la figlia tredicenne che neanche sapeva di avere, sparisce all'improvviso, e viene accusato di essere il responsabile del suo rapimento. Ad inguaiarlo il fatto che prima di scomparire, Jody ha registrato un video in cui diceva che sarebbe andata a trovare il padre per una settimana. Inizia così una rocambolesca ricerca, aiutato dall’ex galeotto Fabio "Melon" Melonzola (Stephen Graham), Tam (Jason Flemyng), amico di Nelly appassionato di crossdressing e barista in un night club e la sua amica Stace (Susan Lynch), proprietaria del pub in cui tutti si ritrovano.

Il trailer

Da sapere
Save me appartiene alla tradizione british delle serie tv realistiche, ambientate nelle comunità proletarie, ma senza abusare di stereotipi criminali (Poveri insomma, ma non per forza brutti, sporchi e cattivi). Un genere in cui gli inglesi sono maestri. Come ha scritto The Independent, “Se è vero che Save Me si basa su un “tropo” familiare e abusato - la scomparsa di un bambino - non fatevi scoraggiare. L'eccellente sceneggiatura di James riesce a trovare un punto di vista fresco e avvincente su quella che potrebbe essere una premessa molto comune”.

Formidabile Lennie
Save me è scritta e interpretata dall’ottimo Lennie James (Line of Duty, The Walking Dead, Blade Runner 2049), che ne è anche produttore esecutivo e, con tutta probabilità, avrà scelto anche i costumi e le ambientazioni. Battute a parte, ci troviamo di fronte al raro caso di un attore talentuoso, in grado di dar buona prova di sé anche "dietro le quinte".

Che cosa hanno scritto
“Per quanto riguarda il suo acuto realismo sociale, la serie è un’immersione nel grande romanzo poliziesco, in cui Nelly deve setacciare per trovare indizi. La meticolosa regia di Nick Murphy - che spesso fa sembrare la cornice della telecamera claustrofobica come i grattacieli di Deptford a Londra - invita sia Nelly che il pubblico a dare un'occhiata più da vicino a situazioni tristi" (Peter Crawley, The Irish Times).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

The Good Fight 2: torna la serie tv anti-Trump. Foto e trailer

Anche nella seconda stagione, lo spinoff di The Good Wife promette battaglia. E il nemico è sempre The Donald.

New York: i luoghi di Daredevil, Luke Cage e Jessica Jones

Le serie di Netflix sugli eroi Marvel raccontano sottotraccia la Grande Mela, tra luoghi iconici e inediti

Sharp Objects: foto, trailer e cose da sapere sulla nuova serie di Sky

Un thriller al femminile con la brava Amy Adams, ispirandosi al best seller di Gillian Flynn

Commenti