The Romanoffs: una serie tv "reale" dal creatore di Mad Men

8 film per raccontare le vite degli eredi dell'ultimo zar. Il ritorno in tv di Matthew Weiner passa per i Romanoff

Eugenio Spagnuolo

-

È il fiore all’occhiello (non l’unico per la verità) della programmazione autunnale di Amazon Prime Video: The Romanoffs, la serie dove Matthew Weiner, il creatore di Mad Men ha provato a immaginare il tempo presente degli eredi della famiglia dell’ultimo zar. Otto episodi, che in realtà rappresentano ciascuno un film a sé (con un cast cinematografico), in onda su Amazon dal 12 ottobre.

 

Che cosa vedremo nei primi episodi di The Romanoffs
1 episodio: The Violet Hour
Marthe Keller è Anushka, un’anziana donna francese con legami coi Romanov, il cui nipote americano (Aaron Eckhart) spera di ottenere il suo splendido appartamento (e l'uovo Fabergé di accompagnamento). Il cuore della storia è nel rapporto tra la razzista Anushka e la sua giovane badante musulmana (interpretata da Ines Melab).

2 episodio: The Royal We
Una commedia dark su una coppia (Corey Stoll e Kerry Bishe) in crisi. I legami di lui con i Romanov potrebbero essere l'unica cosa interessante su di lui finché viene chiamato a fare il giurato e ha un flirt con una misteriosa collega giurata (Janet Montgomery)…

3 episodio: House of Special Purpose
Christina Hendricks interpreta un’attrice in viaggio in Austria per girare una miniserie televisiva sui Romanov che cade vittima del jet-lag e dei capricci della prima donna del progetto, interpretata da una straordinaria Isabelle Huppert.

Il trailer

Da sapere
La serie segue 8 differenti storie di persone che si credono i discendenti della famiglia reale russa. Ambientata in sette paesi diversi, The Romanoffs è stata girata in tre continenti, Europa, America e Asia, in collaborazione con le produzioni e i talenti creativi locali. Ogni storia è ambientata in un luogo diverso e ogni volta con un cast differente. In pratica è come se Weiner avesse voluto realizzare 8 film diversi, curando anche la colonna sonora dove non mancano brani di Rimsky-Korsakov e Prokofiev.

Il cast
Trattandosi di una serie di film, è imponente: Isabelle Huppert, Marthe Keller, Aaron Eckhart, Diane Lane, Christina Hendricks, John Slattery, Amanda Peet, Jack Huston, Corey Stoll, Andrew Rannells, Mike Doyle, JJ Feild, Janet Montgomery, Paul Reiser, Noah Wyle, Kathryn Hahn, Kerry Bishe, Ben Miles, Mary Kay Place, Griffin Dunne, Ron Livingston, Jon Tenney, Clea DuVall, Radha Mitchell, Hugh Skinner, Juan Pablo Castaneda, Emily Rudd, Adele Anderson, Annet Mahendru, Louise Bourgoin, Hera Hilmar, Ines Melab, Michael O'Neill, David Sutcliffe. I fan di Mad Men ritroveranno alcuni volti familiari come John Slattery, Jay R. Ferguson e Cara Buono.

Gli autori
Oltre a Weiner, I Romanoff ha ereditato da Mad Men anche Semi Chellas e Andre e Maria Jacquemetton.

Che cos’hanno scritto
“I tre episodi dei Romanoff inviati per la recensione hanno tutti una certa lunghezza. Sono dolci, belli da vedere, molto sinceri, un po 'stupidi: né l'armageddon né la seconda venuta”. (Darren Franich, Entertainment Weekly).

“Stratificando la sua nuova serie con l'importante significato della storia dei Romanoff, Weiner alimenta lo stesso fuoco narrativo di Mad Men” (Caroline Framke, Variety).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Manifest: trailer e cose da sapere sulla serie tv di Zemeckis

Il regista di Forrest Gump per il suo debutto in tv punta sul mistery drama

Le serie tv più attese dell'autunno 2018

il debutto di Julia Roberts, Neil Gaiman, i Romanoff, ma anche tanto horror formato tv: tutte le primizie seriali dell'autunno

The Good Fight 2: torna la serie tv anti-Trump. Foto e trailer

Anche nella seconda stagione, lo spinoff di The Good Wife promette battaglia. E il nemico è sempre The Donald.

Commenti